Da­van­ti al Pa­ler­mo tut­te le stra­de del gol

Si­no­ra i mi­glio­ri rea­liz­za­to­ri in cam­pio­na­to so­no Pa­sto­re e Ili­cic (quattro re­ti a te­sta) men­tre Her­nan­dez ha rea­liz­za­to il suo bot­ti­no (quattro cen­tri) in Eu­ro­pa Lea­gue

Corriere dello Sport (Roma) - - Calcio - Di Pao­lo Van­ni­ni

PA­LER­MO - Tut­ti gli uo­mi­ni del gol. E’ un Pa­ler­mo for­se al­la ri­cer­ca del giu­sto equi­li­brio tat­ti­co ma che cer­ta­men­te non de­lu­de in fa­se of­fen­si­va. Un Pa­ler­mo dal­le mol­te boc­che da fuo­co. Per ora i mi­glio­ri rea­liz­za­to­ri non so­no gli at­tac­can­ti ma i due fantasisti (4 re­ti cia­scu­no per Pa­sto­re e Ili­cic), tal­lo­na­ti dal­la pun­ta che non ti aspet­ti (Pi­nil­la a quo­ta 3) e che in­ve­ce per ora si è ri­ve­la­ta la più ef­fi­ca­ce del re­par­to. Ma non è fi­ni­ta, per­ché Her­nan­dez è pur sem­pre il bom­ber di Cop­pa (4 re­ti in Eu­ro­pa Lea­gue) e Mac­ca­ro­ne, no­no­stan­te un av­vio con qual­che pro­ble­ma d’adat­ta­men­to, ha co­mun­que fir­ma­to 3 gol, due in Eu­ro­pa e uno, pre­zio­sis­si­mo, in cam­pio­na­to. E Mic­co­li, 19 cen­tri l’an­no scor­so, de­ve an­co­ra esor­di­re. Co­me di­re, da­van­ti c’è l’im­ba­raz­zo del­la scel­ta.

LA SO­LU­ZIO­NE MI­GLIO­RE - Col rien­tro, si spe­ra im­mi­nen­te, di Mic­co­li, le pun­te a di­spo­si­zio­ne di Ros­si so­no quattro. Più due tre­quar­ti­sti che in qual­che mo­do ca­rat­te­riz­za­no gli sche­mi. Mi­schia gli in­gre­dien­ti co­me vuoi, ne ver­rà fuo­ri un pro­dot­to in­te­res­san­te. Ma i nu­me­ri e le for­mu­le han­no sem­pre af­fa­sci­na­to po­co Ros­si, che co­me ogni prag­ma­ti­co guar­da all’es­sen­zia­le. E cer­ca di tro­va­re un si­ste­ma di gio­co che non sbi­lan­ci ec­ces­si­va­men­te la squa­dra ed al­lo stes­so tem­po non sa­cri­fi­chi le qua­li­tà dei suoi uo­mi­ni mi­glio­ri. Ros­si non ama spe­ri­men­ta­re, dun­que le so­lu­zio­ni pro­po­ste so­no tut­te schiz-

zi sul­la car­ta. A me­tà stra­da fra gio­co e real­tà.

CA­NO­VAC­CIO - L’al­le­na­to­re lo ha spie­ga­to mol­te vol­te. Im­pos­si­bi­le ve­de­re un Pa­ler­mo che cam­bia mo­du­lo di vol­ta in vol­ta. Si par­te da una ba­se, un’iden­ti­tà ri­co­no­sciu­ta, sul­la qua­le sem­mai si cer­ca­no del­le va­rian­ti in ba­se al­le ca­rat­te­ri­sti­che dei gio­ca­to­ri. Il ca­no­vac­cio det­ta­to da Ros­si è clas­si­co: 4 di­fen­so­ri, da qui non si scap­pa, tre cen­tro­cam­pi­sti ma­ga­ri di­ver­si nel­le fun­zio­ni. Ne­gli ul­ti­mi 30 me­tri qual­co­sa può mu­ta­re. Il Pa­ler­mo del­lo scor­so an­no non tran­si­ge­va: il rom­bo pre­ve­de­va Liverani ver­ti­ce bas­so, e un tre­quar­ti­sta die­tro le pun­te, pri­ma Sim­pli­cio, poi Pa­sto­re. Due at­tac­can­ti che si com­ple­ta­no, Ca­va­ni e Mic­co­li ma poi an­che Her­nan­dez che fra que­sti è il più “cen­tra­van­ti” di tut­ti. Sche­ma ri­pe­tu­to ad ini­zio dell’at­tua­le sta­gio­ne ma poi re­pen­ti­na­men­te ac­can­to­na­to non so­lo per la man­can­za sia di Ca­va­ni che di Mic­co­li, ma so­prat­tut­to per l’ar­ri­vo di Ili­cic che ha sug­ge­ri­to il ri­cor­so all’“al­be­ro di Na­ta­le”.

CON MIC­CO­LI - L’uni­ca va­ria­zio­ne sul te­ma che Ros­si può per­met­ter­si è dun­que re­la­ti­va al mo­do di muo­ver­si dei tre gio­ca­to­ri da­van­ti. Uno o due tre­quar­ti­sti, una o due pun­te, ba­sta che nel­la fa­se di­fen­si­va al­me­no due di lo­ro sia­no at­ti­vi e pre­sen­ti. Con Ba­ci­no­vic che co­pre più di Liverani, cer­ti equi­li­bri so­no for­se più ga­ran­ti­ti, in com- pen­so spes­so man­ca­no espe­rien­za e geo­me­tria. Al rien­tro di Mic­co­li co­sa può suc­ce­de­re? Lo stes­so Fa­bri­zio ha ri­co­no­sciu­to che non si ve­de pun­ta cen­tra­le die­tro ai due tre­quar­ti­sti. Sem­mai può gio­ca­re pro­prio al po­sto di uno fra Ili­cic e Pa­sto­re. L’al­ter­nan­za a se­con­da di av­ver­sa­ri e sta­ti di for­ma sa­rà una que­stio­ne che com­pe­te a Ros­si e che ri­guar­da an­che Her­nan­dez e Mac­ca­ro­ne, al­ter­na­ti­ve di Pi­nil­la o va­li­di (è il ca­so di Mac­ca­ro­ne) per agi­re con 2 pun­te.

TUT­TI ALL’AT­TAC­CO - E l’idea un po’ sba­raz­zi­na di ve­de­re tut­ti in­sie­me i pie­di buo­ni ro­sa­ne­ro? Si po­treb­be rea­liz­za­re so­lo con l’ar­re­tra­men­to di Ili­cic nel set­to­re di cen­tro­cam­po, te­nen­do con­to che l’ex Ma­ri­bor na­sce ester­no e all’oc­cor­ren­za può sa­cri­fi­car­si in chiu­su­ra. Ma al mo­men­to pa­re so­lo una fan­ta­sia sul­la qua­le in ogni ca­so si do­vreb­be la­vo­ra­re in al­le­na­men­to. In qual­che ca­so pe­rò an­che Ros­si può es­se­re co­stret­to dal­le con­tin­gen­ze a so­lu­zio­ni inu­sua­li: ba­sti pen­sa­re al Pa­ler­mo me­ga of­fen­si­vo (4 pun­te più Pa­sto­re!) in cam­po nei 10' fi­na­li di Udi­ne, pe­ral­tro con un uo­mo in più. Ili­cic e Mac­ca­ro­ne at­tac­can­ti lar­ghi sul­la fa­scia, Her­nan­dez e Pi­nil­la cen­tra­li, Pa­sto­re fra le li­nee. Ma era un di­spe­ra­to ten­ta­ti­vo di riac­ciuf­fa­re il ri­sul­ta­to. In ogni ca­so, al Pa­ler­mo re­sta una cer­tez­za: ci so­no tan­te com­bi­na­zio­ni per ar­ri­va­re a un pro­dot­to che ga­ran­ti­sce pe­ri­co­lo­si­tà. Per­ché tut­ti gli avan­ti ro­sa­ne­ro pos­sie­do­no con­fi­den­za con il gol.

Il tec­ni­co ro­sa­ne­ro è mol­to prag­ma­ti­co e non ama cam­bia­re mo­du­lo tat­ti­co seb­be­ne ab­bia un’am­pia scel­ta Tra le op­por­tu­ni­tà ce n’è una in­tri­gan­te con la pre­sen­za di tut­te le pun­te più l’ar­gen­ti­no vi­sta con­tro l’Udi­ne­se

Con quin­di­ci gol si­gla­ti in ot­to ga­re quel­lo del Pa­ler­mo è il se­con­do mi­glior at­tac­co del cam­pio­na­to do­po la Ju­ven­tus (16 re­ti) Ros­si ha la pos­si­bi­li­tà di di­spor­re di quattro at­tac­can­ti di ruo­lo e di due fantasisti di al­to li­vel­lo con...

De­fi­nia­mo per con­ven­zio­ne que­sto sche­ma “tra­di­zio­na­le” e ve­de schie­ra­to il Pa­ler­mo con un at­tac­can­te di ruo­lo (Pi­nil­la) men­tre al­le sue spal­le agi­sco­no due cen­tro­cam­pi­sti of­fen­si­vi (Ili­cic e Pa­sto­re) e una me­dia­na vo­ta­ta al con­te­ni­men­to

Pa­ler­mo d’as­sal­to o se pre­fe­ri­te uno sche­ma ti­po “Bra­si­le an­ni ’70” qua­lo­ra si con­cre­tiz­za­re il fa­mo­so 4-2-4 Sia­mo di fron­te a una squa­dra vo­ta­ta prin­ci­pal­men­te all’at­tac­co con l’in­se­ri­men­to an­che di Mac­ca­ro­ne ester­no Un’op­por­tu­ni­tà da ga­ra in cor­so

Schie­ran­do Mic­co­li tre­quar­ti­sta De­lio Ros­si de­ve sce­glie­re uno tra Pa­sto­re e Ili­cic con­fer­man­do in pri­ma li­nea Pi­nil­la Me­dia­na clas­si­ca a tre con Mi­gliac­cio Ba­ci­no­vic e No­ce­ri­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.