Il ct: Pen­so a vin­ce­re l’Eu­ro­peo

«Obiet­ti­vo mi­ni­mo? Non ca­pi­sco Pun­to ad ot­te­ne­re al mas­si­mo»

Corriere dello Sport (Roma) - - Primo Piano - di An­drea San­to­ni ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Sor­ri­de, non ner­vo­sa­men­te co­me quan­do gli gi­ra­no, piut­to­sto co­me se in que­sta par­ti­ta a tennis a di­stan­za con il pre­si­den­te fe­de­ra­le Ta­vec­chio sul cam­po del rin­no­vo del suo con­trat­to, ades­so che non c’è più l’as­sil­lo del­le qua­li­fi­ca­zio­ni, lui tro­vas­se an­che mo­ti­vo di sol­le­ci­ta­zio­ne di­ver­ten­te. Pe­rò pre­fe­ri­reb­be an­da­re ol­tre... An­to­nio Con­te. Il ct co­sì con­ti­nua a ri­but­ta­re la pal­la ol­tre la re­te, sen­za for­za­re i col­pi, per­ché la sua li­nea non è cam­bia­ta. «Mi chie­de­te di nuo­vo del mio con­trat­to, per­ché il pre­si­den­te ha fat­to del­le nuo­ve di­chia­ra­zio­ni? He­he­he, lui ha ri­spo­sto a del­le do­man­de...». Ve­ro. Ha ri­spo­sto, e lo ha fat­to con pre­ci­sio­ne, ar­ti­co­lan­do in il pro­prio pun­to di vi­sta, sul te­ma, sin­te­tiz­za­bi­le co­sì: 1) ab­bia­mo il mi­glior tec­ni­co, per que­sto l’obiet­ti­vo mi­ni­mo è la se­mi­fi­na­le eu­ro­pea; 2) lui è con­ten­to, per­ché ha pie­ni po­te­ri su tut­te le na­zio­na­li e con noi sul pia­no tec­ni­co può fa­re quel­lo che vuo­le; 3) ci so­no si­re­ne in­ter­na­zio­na­li ma in Ita­lia so­no po­chi i club che pos­so­no ga­ran­tir­gli quel­lo che gli ga­ran­tia­mo noi; per que­sto c’è fi­du­cia nel rin­no­vo. «Ne ha det­te di co­se il pre­si­den­te...» sor­ri­de an­co­ra Con­te. Poi di­ce la sua, nel­la gran­de sa­la stam­pa dell’Olim­pi­co, al­la vi­gi­lia dell’ul­ti­ma par­ti­ta di qua­li­fi­ca­zio­ne pre eu­ro­pea: «Io que­sta co­sa dell’obiet­ti­vo mi­ni­mo non l’ho mai ca­pi­ta; in­som­ma ho dif­fi­col­tà a ca­pi­re che co­sa si­gni­fi­ca, obiet­ti­vo mi­ni­mo, fac­cio fa­ti­ca...Cre­do per espe­rien­za che per ar­ri­va­re a vin­ce­re ser­va­no bra­vu­ra, epi­so­di co­me mi­ni­mo neu­tra­li e for­tu­na. La gran­de fi­du­cia del pre­si­den­te è mo­ti­vo di or­go­glio e sod­di­sfa­zio­ne. Più in ge­ne­ra­le pos­so ri­pe­te­re quel­lo che ho det­to al­la vi­gi­lia del­la par­ti­ta con­tro l’Azer­bai­gian. Noi an­dre­mo in Fran­cia con l’am­bi­zio­ne di fa­re il me­glio pos­si­bi­le, cer­can­do di ar­ri­va­re al­la fi­ne sen­za ave­re più las­sù nes­su­no da­van­ti. Tra­dot­to: an­dia­mo per vin­ce­re. Di­co an­che fred­da­men­te e in mo­do ana­li­ti­co che non par­tia­mo cer­to noi coi fa­vo­ri del pro­no­sti­co. Ve­ro che stia­mo fa­cen­do un buon la­vo­ro. Non c’è obiet­ti­vo, né mi­ni­mo né mas­si­mo, il ri­sul­ta­to sa­rà quel­lo che me­ri­te­re­mo; per que­sto ser­ve la­vo­ra­re a te­sta bas­sa Quel­lo che mi con­for­ta è ave­re un grup­po di ra­gaz­zi di­spo­ni­bi­li, che han­no spo­sa­to il pro­get­to; c’è fi­du­cia, spe­ria­mo nel ri­sul­ta­to mas­si­mo e di es­se­re giu­di­ca­ti per tut­to que­sto e non so­lo per il ri­sul­ta­to. So che sto per vi­ve­re un’espe­rien­za per po­chi; da gio­ca­to­re ho in­vi­dia­to chi gui­da­va la Na­zio­na­le, sia al mon­dia­le che all’Eu­ro­peo: sa­rà fan­ta­sti­co, in­cre­di­bi­le».

SI­RE­NE. Que­sto quel­lo che Con­te ha vo­lu­to re­pli­ca­re a Ta­vec­chio, sen­za en­tra­re nel­le mo­re del pro­prio ruo­lo ex­tra­cal­cio, né ri­schia­re di da­re la sen­sa­zio­ne aper­ta­men­te di es­se­re orien­ta­to in qual­che mo­do cir­ca il pro­prio fu­tu­ro: re­stan­do fe­de­le a se stes­so il cam­po an­co­ra di più ades­so il pro­prio oriz­zon­te più lon­ta­no. Quel ri­fe­ri­men­to al mon­dia­le po­treb­be es­se­re un in­di­zio. Il ct di si­cu­ro ha un in­te­res­se co­mu­ne con la Fe­de­ra­zio­ne che non è so­lo quel­lo le­ga­to ai de­sti­ni del­la Na­zio­na­le. Fa­re be­ne in Eu­ro­pa gli da­reb­be un cre­di­to in­ter­na­zio­na­le an­co­ra mag­gio­re di quel­lo ac­cu­mu­la­to nei suoi glo­rio­si an­ni ita­lia­ni con la Ju­ven­tus. Mai di­re mai è il luo­go co­mu­ne più ve­ro di que­sto am­bien­te, pu­re que­sto è un fat­to. Re­sta in que­sto mo­men­to la for­te sen­sa­zio­ne che l’at­tua­le ct so­gni la Pre­mier più di una ipo­te­si mon­dia­le, pu­re af­fa­sci­nan­te. Men­tre le si­re­ne ita­lia­ne si stan­no at­trez­zan­do...

«Da gio­ca­to­re in­vi­dia­vo il tec­ni­co del­la Na­zio­na­le Agli Eu­ro­pei sa­rà fan­ta­sti­co»

Il ct An­to­nio Con­te ie­ri sul pra­to del­lo Stadio Olim­pi­co

Fio­na May con il no­stro vi­ce­di­ret­to­re Ste­fa­no Agre­sti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.