Fi­gli del boom: dal cam­po su­bi­to in tu­ta

Corriere dello Sport (Roma) - - Lazio - Di Fu­rio Za­ra ©RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

C’è una ge­ne­ra­zio­ne, nel cal­cio ita­lia­no, che dal cam­po è pas­sa­ta al­la pan­chi­na qua­si sen­za so­lu­zio­ne di con­ti­nui­tà, per­ché ha avu­to buo­ni mae­stri e per­ché quel­la sem­bra­va (all’epo­ca) la co­sa più na­tu­ra­le del mon­do. Gio­ca­vi, poi al­le­na­vi. O al­me­no ci pro­va­vi. To­glie­vi i cal­zon­ci­ni e in­fi­la­vi la tu­ta. Pri­ma pren­de­vi or­di­ni, poi im­pa­ra­vi a dar­li. In ogni ca­so sa­pe­vi fin dall’ini­zio che fa­re cal­cio sa­reb­be sta­ta la tua vi­ta.

SPAR­TIAC­QUE. Quel­la ge­ne­ra­zio­ne og­gi sie­de sul­le panchine di se­rie A, e fa da spar­tiac­que tra i gran­di vec­chi (Ventura e Re­ja), guar­da a chi sta an­dan­do ver­so i ses­san­ta (San­ni­no, Ros­si), fa da chioc­cia a vec­chi ra­gaz­zi come Di Francesco, e col­ma il vuo­to che li se­pa­ra dai qua­ran­ten­ni d’as­sal­to (il no­me nuo­vo og­gi è quel­lo di Stel­lo­ne). Ste­fa­no Pio­li - che og­gi fa cin­quant’an­ni - è del ‘65. Bep­pe Ia­chi­ni, di un an­no più vec­chio, co­sì come Ro­ber­to Man­ci­ni, so­no en­tram­bi del ‘64. (An­che il francese Ru­di Gar­cia è del ‘64, ma ov­via­men­te non ha avu­to lo stes­so per­cor­so de­gli ita­lia­ni). Ro­lan­do Ma­ran - che di Pio­li è ami­co - è del ‘63, Ste­fa­no Co­lan­tuo­no del ‘62. In tre an­ni c’è tan­ta se­rie A. So­no ra­gaz­zi na­ti ne­gli an­ni del boom eco­no­mi­co, le fa­mi­glie sco­pri­va­no un agio che pri­ma non ave­va­no; i fi­gli cre­sce­va­no con una for­za nuo­va. Se ave­vi un so­gno, po­te­vi pro­va­re a rag­giun­ger­lo. Si co­min­cia­va a ti­ra­re cal­ci all’ora­to­rio, nel cam­pet­to die­tro la chie­sa. Poi c’era qual­cu­no che si ac­cor­ge­va di te, ti chia­ma­va per un pro­vi­no, se gli dei del cal­cio ti so­ste­ne­va­no e ave­vi ta­len­to e te­na­cia, po­te­vi riu­sci­re a realizzare il tuo so­gno: ar­ri­va­re in se­rie A. Pio­li con Ia­chi­ni è sta­to com­pa­gno di squa­dra (al­la Fio­ren­ti­na), Man­ci­ni l’ha in­con­tra­to da av­ver­sa­rio più vol­te, co­sì come Co­lan­tuo­no; so­no quel­li - gli an­ni ‘80 - in cui al­tri al­le­na­to­ri di A la do­me­ni­ca in­cro­cia­no i lo­ro de­sti­ni: par­lia­mo di An­drea Man­dor­li­ni (clas­se ‘60) e Mas­si­mi­lia­no Al­le­gri (clas­se ‘67).

Non c’è so­lo Pio­li: in tre an­ni tan­ta Se­rie A (Ia­chi­ni Co­lan­tuo­no, Ma­ran) tra vec­chi e nuo­vi

I MAE­STRI. Ci de­ve es­se­re sem­pre qual­cu­no che ti in­di­ca la stra­da. Ne­gli an­ni di Fi­ren­ze Pio­li (e Ia­chi­ni) so­no sta­ti al­le­na­ti da Gior­gi e Ra­di­ce, La­za­ro­ni e Ra­nie­ri. Per­so­na­li­tà di­ver­se, idee di cal­cio all’op­po­sto: tut­to ma­te­ria­le, per chi sta pren­den­do no­ta, uti­le per cre­sce­re e ma­tu­ra­re. Non è un ca­so che en­tram­bi ab­bia­no avu­to, a Ve­ro­na, un al­tro buon mae­stro come Osval­do Ba­gno­li. Co­sa gli ha in­se­gna­to? La sem­pli­ci­tà del cal­cio, ov­ve­ro la ca­pa­ci­tà di ri­por­ta­re tut­to al­la quo­ti­dia­ni­tà. Se per­di non è la fi­ne del mon­do, se vin­ci non ti de­vi sen­ti­re ar­ri­va­to. Per tut­ta la ge­ne­ra­zio­ne na­ta nel­la pri­ma me­tà de­gli an­ni ‘60, al­le­na­re è sta­to qua­si una ne­ces­si­tà bio­lo­gi­ca. Ri­ma­ne­re nel mon­do del cal­cio si­gni­fi­ca­va mar­ca­re la pro­pria per­so­na­li­tà. Il pas­sag­gio da gio­ca­to­re ad al­le­na­to­re è sta­to na­tu­ra­le. Era­no sta­ti ra­gaz­zi in cam­po, sta­va­no per di­ven­ta­re uo­mi­ni in pan­chi­na.

GETTY

Ro­lan­do Ma­ran

LAP­RES­SE

Bep­pe Ia­chi­ni

GETTY

Ste­fa­no Co­lan­tuo­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.