Stel­lo­ne e un me­se a rit­mo... eu­ro­peo

Nel­la clas­si­fi­ca de­gli ul­ti­mi 4 tur­ni il Fro­si­no­ne è se­sto da­van­ti al­la Ju­ve e al­le mi­la­ne­si: in zo­na Eu­ro­pa Lea­gue!

Corriere dello Sport (Roma) - - Frosinone - Di Fa­bio Mas­si­mo Splen­do­re ©RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

Due cam­pio­na­ti in ot­to gior­na­te. Spez­zia­mo le clas­si­fi­che, dal­la pri­ma al­la quar­ta e dal­la quar­ta al­la ot­ta­va, l’ul­ti­ma gio­ca­ta, sa­ba­to e do­me­ni­ca scor­si. E co­sì il Fro­si­no­ne sco­pre che nel­la se­con­da clas­si­fi­ca par­zia­le, nes­sun’al­tra ha sca­la­to 13 po­si­zio­ni nell’ul­ti­mo me­se di se­rie A. Era il fa­na­li­no di co­da a ze­ro pun­ti a me­tà set­tem­bre, è se­sto a 7 pun­ti in que­sta “spe­cia­le” clas­si­fi­ca tra il quar­to e l’ot­ta­vo tur­no: ha sca­la­to 11 po­sti il Na­po­li che sa­reb­be pri­mo, ne ha ri­sa­li­ti 6 l’Ata­lan­ta. E’ chia­ro che par­lia­mo di una gra­dua­to­ria fit­ti­zia, quel­la ef­fet­ti­va dice che pri­ma è sem­pre la Fio­ren­ti­na e che do­po la vit­to­ria sulla Samp il Fro­si­no­ne è co­mun­que per la pri­ma vol­ta fuo­ri dal­la zo­na re­tro­ces­sio­ne.

CA­LEN­DA­RIO TO­STO. C’è da di­re che la par­ten­za in qual­che mo­do ha vi­sto la for­ma­zio­ne cio­cia­ra pa­ga­re lo scot­to del­la ca­te­go­ria, ma non a li­vel­lo di gio­co. La sen­sa­zio­ne del grup­po di Stel­lo­ne, di aver per­so pun­ti pre­zio­si tra la ga­ra con il To­ri­no, quel­la con la Lazio te­nu­ta fi­no all’ul­ti­mo quar­to d’ora sul­lo 0-0, in qual­che mo­do è sta­ta con­di­vi­sa da chi li ha vi­sti all’ope­ra in que­ste sfi­de. E c’è an­che da di­re che do­po quel­lo del Car­pi, la for­ma­zio­ne la­zia­le ha avu­to il ca­len­da­rio più ar­duo, con il To­ri­no, la Ro­ma, la Ju­ven­tus a To­ri­no e la Lazio di Pio­li all’Olim­pi­co. Il via è ar­ri­va­to con quel pa­reg­gio d’oro al­lo Ju­ven­tus Sta­dium, me­ri­ta­to e strap­pa­to da una in­cur­sio­ne del di­fen­so­re cen­tra­le (bian­co­ne­ro di fe­de cal­ci­sti­ca) Blanchard. Poi la vit­to­ria con l’Em­po­li, il ko con la Lazio. E la vit­to­ria con la Samp sem­pre al Ma­tu­sa, che è sta­to un fortino ine­spu­gna­bi­le tra i cam­pio­na­ti di Le­ga Pro e se­rie B e sta pro­van­do a ri­pren­der­si il suo ruo­lo. Non sa­rà sem­pre fa­ci­le, ma dall’esta­te Stel­lo­ne dice che ine­vi­ta­bil­men­te la sal­vez­za an­drà co­strui­ta in ca­sa.

UN GIO­IEL­LI­NO. Cer­to, que­sta clas­si­fi­ca par­zia­le fa sco­pri­re sor­pren­den­te­men­te al Fro­si­no­ne un rit­mo che sa di Eu­ro­pa Lea­gue. Que­sto di­co­no i nu­me­ri, poi i pie­di van­no te­nu­ti ben sal­di per ter­ra. ma l’arit­me­ti­ca - di­cia­mo co­sì - re­ga­la an­che que­sto so­gno. Di cer­to il club di Mau­ri­zio Stir­pe rap­pre­sen­ta un mo­del­lo esem­pla­re. Sa­rà che l’uo­mo che gui­da que­sta so­cie­tà è im­pren­di­to­re che ha sa­pu­to tra­sfe­ri­re den­tro una pas­sio­ne la sua men­ta­li­tà d’azien­da: «Ho sem­pre ri­te­nu­to che l’im­pren­di­to­re do­ves­se por­si al ser­vi­zio dell’im­pre­sa e non vi­ce­ver­sa». Con lo stes­so spi­ri­to di ser­vi­zio Stir­pe dice che «i pro­prie­ta­ri del Fro­si­no­ne so­no i ti­fo­si, che pa­ga­no il bi­gliet­to al­lo sta­dio e gli abbonamenti tv per ve­de­re le par­ti­te: so­no le lo­ro ri­sor­se che con­sen­to­no al­la squa­dra di esi­ste­re». Il cen­tro spor­ti­vo che è già ope­ra­ti­vo e lo sta­dio che ver­rà, sa­ran­no la for­za pa­tri­mo­nia­le per non es­se­re una me­teo­ra nel pro­fes­sio­ni­smo che conta. Nel si­ste­ma cal­cio che or­mai co­no­sce da più di die­ci an­ni Stir­pe vuo­le pro­va­re a cam­bia­re cer­ti mec­ca­ni­smi con­so­li­da­ti che, in­sie­me ad al­tri col­le­ghi, non ri­tie­ne pro­dut­ti­vi e fun­zio­na­li a una giu­sta cre­sci­ta del mo­vi­men­to La squa­dra è sta­ta co­strui­ta a co­sto ze­ro, che non è un mo­do di di­re: il ds Mar­co Gian­nit­ti è gio­va­ne, ha co­strui­to la sua car­rie­ra con una pro­mo­zio­ne die­tro l’al­tra, dai di­let­tan­ti al­la A, le ul­ti­me due pro­prio con il Fro­si­no­ne. Tra pre­sti­ti e ac­qui­si­zio­ni tra­mi­te re­scis­sio­ni con­trat­tua­li dai club di pro­ve­nien­za, ec­co che so­no arrivati Lea­li, Dia­ki­tè, Pa­vlo­vic, Chib­sah, Ver­de, Lon­go, To­nev e Ca­stil­lo. Gio­ca­va in porta nell’Arez­zo quan­do Wal­ter Sa­ba­ti­ni era di­ret­to­re lì. Er­ne­sto Sal­vi­ni, il di­ret­to­re ge­ne­ra­le, rap­pre­sen­ta la con­ti­nui­tà di que­sto pro­get­to: ha la­vo­ra­to sul set­to­re gio­va­ni­le ri­co­struen­do­lo e dal­la Ber­ret­ti che vin­se con Stel­lo­ne in pan­chi­na è na­to que­sto mi­ra­co­lo. Stel­lo­ne, già: lui è l’ani­ma di que­sto grup­po che se ora ha ag­giun­to all’or­ga­niz­za­zio­ne di gio­coil­ne­ces­sa­rio­ci­ni­smo­può pro­va­re a to­glier­si del­le sod­di­sfa­zio­ni. E sal­var­si. Per­ché al­la sal­vez­za Stel­lo­ne cre­de da quan­do è sa­li­to in se­rie A. Ora Udi­ne e poi lo scon­tro di­ret­to con il Car­pi in ca­sa: ser­vi­reb­be­ro al­tri 4 pun­ti per so­gna­re.

Al­la quar­ta gior­na­ta ave­va ze­ro pun­ti Nel raf­fron­to del­le due gra­dua­to­rie sca­la­te 13 po­si­zio­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.