TA­RE DI­CE BA­STA «La­zio pe­na­liz­za­ta co­sì non gio­chia­mo»

Il ds bian­co­ce­le­ste ac­cu­sa: «Ab­bia­mo su­bi­to ben 11 tor­ti Inac­cet­ta­bi­le, se è co­sì pos­sia­mo an­che non pre­sen­tar­ci»

Corriere dello Sport (Roma) - - Empoli-lazio 1-0 - Di Da­nie­le Rin­do­ne ©RIPRODUZIONE RISERVATA

La La­zio di­ce ba­sta! Co­sì non vuo­le an­da­re avan­ti, mi­nac­cia de­ci­sio­ni cla­mo­ro­se, an­che di non pre­sen­tar­si in cam­po. E’ una pro­vo­ca­zio­ne, ser­ve per chie­de­re ri­spet­to e at­ten­zio­ne. Il dies­se Ta­re s’è pre­sen­ta­to in tv co­me una furia: « E’ inac­cet­ta­bi­le quel­lo che sta suc­ce­den­do, se dob­bia­mo con­ti­nua­re co­sì pos­sia­mo an­che non pre­sen­tar­ci do­me­ni­ca! Il der­by era sta­to con­di­zio­na­to da un er­ro­re, la La­zio non de­ve es­se­re trat­ta­ta co­sì, sta su­ben­do trop­po in que­sto pe­rio­do». Ta­re è piom­ba­to ne­gli spo­glia­toi a fi­ne par­ti­ta, ha chie­sto spie­ga­zio­ni all’ar­bi­tro Fab­bri e ai suoi col­la­bo­ra­to­ri, l’ave­va già fat­to con Ta­glia­ven­to do­po il der­by con la Ro­ma: «Cer­co sem­pre un dia­lo­go con gli ar­bi­tri, cer­co di ave­re buo­na fe­de nei lo­ro con­fron­ti al­tri­men­ti si smet­te di gio­ca­re su­bi­to, ma non mi han­no da­to una mo­ti­va­zio­ne. So­no ner­vo­so, non vor­rei di­re co­se sba­glia­te. Mi di­spia­ce di­scu­te­re di que­ste co­se, è mio do­ve­re far­lo».

ELEN­CO. Il ri­go­re di Can­na­va­ro in ca­sa del Sas­suo­lo, il ri­go­re re­ga­la­to al­la Ro­ma da Ta­glia­ven­to, i due gol an­nul­la­ti a Em­po­li. Ta­re ha de­nun­cia­to 11 tor­ti: «Sia­mo in­die­tro in clas­si­fi­ca pe­rò c’è un da­to di fat­to, ab­bia­mo su­bi­to 11 tor­ti ar­bi­tra­li, con i pun­ti man­can­ti par­le­rem­mo di un’al­tra clas­si­fi­ca. Gli er­ro­ri di Em­po­li so­no la ci­lie­gi­na sul­la tor­ta, ve­de­re que­sti due gol an­nul­la­ti fa dav­ve­ro ma­le. Gli er­ro­ri ci so­no sta­ti a Ve­ro­na, con­tro il Sas­suo­lo, con­tro la Ro­ma. Va di­scus­sa la pre­sta­zio­ne, ma gli epi­so­di so­no sta­ti de­ci­si­vi».

LA MO­VIO­LA. I gol, per il dies­se Ta­re, era­no re­go­la­ris­si­mi: «Stia­mo gio­can­do tra mil­le difficoltà e ogni pun­to ha il suo va­lo­re. Gli epi­so­di so­no cla­mo­ro­si, è dif­fi­ci­le com­men­tar­li. Ab­bia­mo con­te­sta­to i due gol per­ché se­con­do noi so­no re­go­la­ris­si­mi, non è la pri­ma vol­ta che su­bia­mo tor­ti ar­bi­tra­li. L’en­tra­ta di Klo­se è re­go­la­re, ma è an­co­ra più gra­ve il se­con­do er­ro­re. La se­con­da re­te è re­go­la­ris­si­ma, l’er­ro­re è cla­mo­ro­so, più di co­sì non pos­sia­mo di­re. Se si an­nul­la un gol del ge­ne­re vuol di­re che qual­cu­no ha sba­glia­to, ma al­la fi­ne il con­to lo pa­ghia­mo noi». Ha as­sol­to Pio­li e la squa­dra: « La scon­fit­ta è fi­glia so­lo de­gli er­ro­ri ar­bi­tra­li, non sia­mo riu­sci­ti a fa­re la par­ti­ta che vo­le­va­mo, ma nel­la ri­pre­sa sia­mo ve­nu­ti fuo­ri be­ne, co­struen­do di­ver­se pal­le gol. Ab­bia­mo su­bi­to un cal­cio piaz­za­to e non sia­mo sta­ti at­ten­ti. Poi ab­bia­mo avu­to di­ver­se oc­ca­sio­ni, ab­bia­mo se­gna­to due gol re­go­la­ri».

LA DE­LU­SIO­NE. Ta­re no­no­stan­te tut­to e tut­ti cre­de nel­la svol­ta: «Non è il cam­pio­na­to che vo­le­va­mo fa­re, sia­mo con­sa­pe­vo­li di que­sta si­tua­zio­ne, ma sia­mo an­che fi­du­cio­si, pos­sia­mo uscir­ne be­ne...». Fuo­ri ca­sa si per­de sem­pre o qua­si, non si può an­da­re avan­ti co­sì: « E’ una que­stio­ne di men­ta­li­tà, la squa­dra è sta­ta co­strui­ta per il ver­ti­ce, sta fa­cen­do mol­ta fa­ti­ca so­prat­tut­to fuo­ri ca­sa, que­sto è un da­to di fat­to. L’at­teg­gia­men­to va cam­bia­to as­so­lu­ta­men­te. Ci aspet­tia­mo una gran­de rea­zio­ne dal grup­po». CRI­TI­CHE. Co­me si va avan­ti? Pro­va a dir­lo lui: « Dob­bia­mo su­bi­re e ac­cet­ta­re le cri­ti­che che so­no giu­ste, al­me­no la mag­gior par­te. La rea­zio­ne del se­con­do tem­po de­ve es­se­re un pun­to di par­ten­za». Gli ar­bi­tri stan­no sba­glian­do, ma nien­te ali­bi: « Non mi na­scon­do die­tro que­sti epi­so­di, ab­bia­mo un gran­de po­ten­zia­le, dob­bia­mo lot­ta­re per la pri­ma fa­scia del cam­pio­na­to, per gli obiet­ti­vi elen­ca­ti ad ini­zio sta­gio­ne». La La­zio è sta­ta ab­ban­do­na­ta dai ti­fo­si, è un al­tro dei pro­ble­mi da af­fron­ta­re e ri­sol­ve­re: «La par­ti­ta con la Ju­ven­tus? Sa­reb­be fon­da­men­ta­le se il pub­bli­co fos­se dal­la no­stra par­te, ma è la squa­dra che de­ve di­mo­stra­re di me­ri­ta­re fi­du­cia. Il cam­mi­no per ades­so non è suf­fi­cien­te».

«Mi di­spia­ce di­re que­ste co­se ma è com­pi­to mio E con gli ar­bi­tri cer­co di par­la­re»

«Con i pun­ti tol­ti ora par­le­rem­mo di un’al­tra clas­si­fi­ca Non pos­sia­mo es­se­re trat­ta­ti co­sì»

«Epi­so­di cla­mo­ro­si L’en­tra­ta di Klo­se è re­go­la­re, ma an­cor più gra­ve è l’er­ro­re sul se­con­do gol»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.