Il «Ma­le» fuo­ri dal co­ro ri­sa­le in bi­ci e si ri­met­te in gio­co

Corriere dello Sport Stadio (Bologna) - - Calcio -

BO­LO­GNA - Chia­ria­mo su­bi­to: non cer­ca­te Ma­le­sa­ni nel­le vec­chie fo­to sgra­na­te, in ber­mu­da, cia­bat­te e ciuf­fo ri­bel­le. Pre­i­sto­ria. Non cer­ca­te il Ma­le­sa­ni clic­can­do su Youtu­be, ok, fa sor­ri­de­re quan­do si in­caz­za con i gior­na­li­sti gre­ci - « Ma do­ve sia­mo, c....? Cos’è di­ven­ta­to il cal­cio? ‘na giun­gla c..... . E ri­do­no, e ri­do­no, co­sa ri­de­te co­sa? » - e nell’in­ter­ca­la­re piaz­za una fu­ci­la­ta di escla­ma­zio­ni che fan­no ri­ma con paz­zo, quel­lo è ca­ba­ret. Non è lui che do­po una vit­to­ria a Sie­na tro­va a ti­ro la gior­na­li­sta di Sky Va­nes­sa Leo­nar­di e la ba­cia, è che cer­te vol­te gli vie­ne co­sì, non ci pen­sa e stu­pi­sce suo mal­gra­do. Non fa­te fin­ta di di­men- LA BI­CI - Una vol­ta ha det­to che si emo­zio­na­va a cam­mi­na­re sull’er­ba di un pra­to: do­ve­te par­ti­re da qui, se vo­le­te ca­pi­re que­st’uo­mo di­ver­so da tut­ti i suoi col­le­ghi, ugua­le sem­pre a se stes­so e nep­pu­re sem­pre, è lì che si fre­ga. Fuo­ri dal co­ro, vo­lu­ta­men­te sto­na­to. Si sa: Al­ber­to Ma­le­sa­ni va in bi­ci. Per ca­pir­ci: non è os­ses­sio­na­to co­me Gui- ti­ca­re che quan­do esul­ta­va in gi­noc­chio sot­to la cur­va del Ve­ro­na, tut­ti a fa­re gli snob e pic­chiet­tar­gli il di­ti­no sul­la schie­na per di­re eh no, co­sì non si fa; poi suc­ce­de che lo fac­cia Mou­ri­n­ho, ah beh, tut­ti pro­ni a ce­le­brar­lo: quan­to è bel­lo, bra­vo e te­le­vi­si­vo. do­lin, lui in bi­ci go­de, pe­da­la, an­si­ma, si pren­de tut­te le pau­se che vuo­le, si guar­da at­tor­no nell’as­so­la­ta cam­pa­gna e ogni tan­to pen­sa di es­se­re Gi­mon­di, il suo ido­lo. SQUA­DRE BEL­LE - Ti­fa(va) Mi­lan, da pic­co­li­no, da bo­cia co­me di­co­no in Ve­ne­to, Mi­lan e Ve­ro­na di­cia­mo, per­chè lui è na­to lì, a San Mi­che­le Ex­tra, lo stes­so pae­se di Ma­rio­li­no Cor­so. E’ del ‘54, da cal­cia­to­ri­no era un tor­nan­te pen­san­te, ma gli man­ca­va il guiz­zo. A se­di­ci an­ni fe­ce un pro­vi­no per il Vi­cen­za: boc­cia­to. E’ sta­to lì che ha pen­sa­to: non fa per me. Poi è suc­ces­so tut­to in fret­ta. Quan­do si è al­za­to dal­la se­dia di pel­le da­van­ti al­la scri­va­nia per an­da­re a se­der­si in pan­chi­na, pri­ma nei di­let­tan­ti e poi al Chie­vo, i suoi mo­del­li era­no l’Ajax di Cruy­iff (quan­do gi­ra­va per la Ca­non an­da­va spes­so ad Am­ster­dam e fa­ce­va tap­pa al­lo sta­dio) e il Mi­lan di Sac­chi, ariec­co il go­di­men­to. Gli è ri­ma­sta, quel­la vo­glia di pen­sa­re squa­dre bel­le, ario­se, do­ve si cor­re tut­ti e tut­ti per qual­co­sa: quan­do an­da­va in gi­ro per l’Eu­ro­pa a vin­ce­re col Par­ma e quan­do a Sie­na l’an­no scor­so ha riac­ce­so la fiam­mel­la, ren­den­do me­no ama­ra la re­tro­ces­sio­ne.

BLACK OUT - E in mez­zo a tut­to, pro­prio sul più bel­lo, c’è sta­to l’in­ci­den­te in au­to­stra­da. Ai tem­pi di Par­ma. Ne è usci­to mal­con­cio, più che al­tro nel­la te­sta. C’ha mes­so un bel po’ per su­pe­ra­re il trau­ma. Pe­rò vie­ne dal­la cam­pa­gna, non bi­so­gna mai di­men­ti­car­lo. Nel 2004 era sen­za squa­dra. La mat­ti­na si se­de­va da­van­ti al com­pu­ter del suo stu­dio di ca­sa a Ve­ro­na e ci re­sta­va ot­to ore, co­me un im­pie­ga­to. Il fat­to è che la­vo­ro per lui si­gni­fi­ca cul­tu­ra, re­sta­re in cam­po, su­da­re, fa­re fa­ti­ca, sen­tir­se­la ad­dos­so, quel­la fa­ti­ca. AL­TRO GI­RO - Ne­gli an­ni è sta­to pri­ma un si­gnor nes­su­no (ne­gli ar­ti­co­li era sem­pre l’im­pie­ga­to che un gior­no ac- cet­tò la pro­po­sta di Cam­pe­del­li a Chie­vo: « Ma­le­sa­ni, se la sen­te? »), poi un top coa­ch ai tem­pi di Fi­ren­ze e Par­ma (Cop­pa Ue­fa, Cop­pa Ita­lia e Su­per­cop­pa), è tor­na­to a Ve­ro­na ed è sta­to l’er­ro­re più gros­so (ma rim­pian­ti mai, vi di­ce lui), si è in­fo­gna­to in un pa­io di scel­te sba­glia­te, ha pa­ga­to, si è ri­lan­cia­to, ma non del tut­to, non an­co­ra. Bo­lo­gna, a 56 an­ni, è un bel mo­do per sa­li­re di nuo­vo in bi­ci e aspet­ta­re che la fa­ti­ca fac­cia il suo la­vo­ro. Lo sa­pe­te, ve­ro, che nel­la vi­ta ba­sta met­te­re a fuo­co l’obiet­ti­vo e il più è fat­to, co­me spie­ga­va Al­ber­to Ma­le­sa­ni da San Mi­che­le Ex­tra quan­do ven­de­va mac­chi­ne fo­to­gra­fi­che in gi­ro per il mon­do.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.