Il so­gno dell’Ita­lia si spez­za in fi­na­le col Por­to­gal­lo

Non ba­sta­no le re­ti di Co­ro­si­ni­ti e Go­ri: gli uo­mi­ni di Espo­si­to per­do­no (2-3) con i pa­dro­ni di ca­sa. Ta­vec­chio: «Or­go­glio­si di una squa­dra che ha da­to il mas­si­mo»

Corriere dello Sport Stadio (Bologna) - - Calcio -

E’GLI AZ­ZUR­RI - L'Ita­lia è tor­na­ta a re­ci­ta­re, in ogni ca­so, un ruo­lo di pri­mo pia­no nel pa­no­ra­ma in­ter­na­zio­na­le del bea­ch soc­cer. L'obiet­ti­vo rag­giun­to rap­pre­sen­ta un ot­ti­mo via­ti­co per il cam­mi­no che gli az­zur­ri del­la sab­bia do­vran­no in­tra­pren­de­re. Da og­gi si ri­par­te con mag­gio­re slan­cio ver­so la co­stru­zio­ne di un pro­get­to am­bi­zio­so, un per­cor­so pa­ral­le­lo all'im­pe- POR­TO­GAL­LO: Graça, Coim­bra, Alan, Ma­d­jer, B. No­vo, Jor­dan, Ma­ri­n­ho, Bil­ro, Joao Car­los; All. Ma­teus ITA­LIA: Del Me­stre, Leghissa, Feu­di, Co­ro­si­ni­ti, Ca­ro­te­nu­to, Pla­ta­nia, Di Ma­io, Pal­mac­ci, Go­ri, Rasulo; All. Espo­si­to ARBITRI: Zim­mer­mann (Svi) e Eriz Ma­ta (Spa) MARCATORI: nel pt 2' Co­ro­si­ni­ti (I), 7' Alan (P); nel st 7' Bru­no No­vo (P); nel tt 7' Go­ri (I), 10' Bru­no No­vo (P) sta­to bel­lo so­gna­re ed ac­ca­rez­za­re an­co­ra una vol­ta il so­gno di ri­con­qui­sta­re la co­ro­na d'Eu­ro­pa. La fa­vo­la è fi­ni­ta nell'ul­ti­mo scon­tro, do­po aver chiu­so fe­li­ce­men­te la fa­se eli­mi­na­to­ria del­le Su­per­fi­nal 2010 di Eu­ro­lea­gue, il cam­pio­na­to ri­ser­va­to al­le na­zio­na­li del con­ti­nen­te ed or­ga­niz­za­to dal­la Bea­ch Soc­cer World Wi­de, or­ga­ni­smo che ope­ra con l'ap­pro­va­zio­ne del­la FI­FA. Con­tro i pa­dro­ni di ca­sa del Por­to­gal­lo, da­van­ti al lo­ro in­fiam­ma­to e nu­me­ro­so pub­bli­co che ha gre­mi­to gli spal­ti del Bea­ch Sta­dium di Be­lém, lun­go­ma­re di Li­sbo­na, è sta­ta ve­ra bat­ta­glia. Una sfi­da epi­ca, de­ci­sa da epi­so­di. gno del­la Le­ga Na­zio­na­le Di­let­tan­ti, con l'ap­pog­gio del­la FI­GC, nell'as­se­gna­zio­ne del­la pros­si­ma FI­FA World Cup del 2011 all'Ita­lia. «La squa­dra ha da­to il mas­si­mo -è sta­to il com­men­to di Car­lo Ta­vec­chio, pre­si­den­te del­la LND che ha se­gui­to a Li­sbo­na l'av­ven­tu­ra eu­ro­pea dell'Ital­bea­ch - c'è ben po­co da ag­giun­ge­re quan­do una fi­na­le vie­ne de­ci­sa da un gol di scar­to. Que­stio­ne di epi­so­di ma an­che di un ar­bi­trag­gio che mi è par­so un po' ca­sa­lin­go. Fac­cio i com­pli­men­ti al tec­ni­co, per­ché in po­co tem­po ha ri­com­pat­ta­to il grup­po e da­to un'ot­ti­ma im­ma­gi­ne del­la no­stra Na­zio­na­le» . TRA­GUAR­DO - Per Massimiliano Espo­si­to, giun­to al­la gui­da de­gli az­zur­ri del bea­ch soc­cer dal­la fi­ne di lu­glio, il tra­guar­do del­la fi­na­lis­si­ma co­sti­tui­sce co­mun­que un gran bel bi­gliet­to da vi­si­ta. «E' chia­ro che di­spia­ce per­de­re co­sì quan­do si era ad un pas­so dal tra­guar­do - ha am­mes­so il com­mis­sa­rio tec­ni­co, ex at­tac­can­te di La­zio, Na­po­li, Bre­scia e Ve­ne­zia, ol­tre che ca­pi­ta­no e bom­ber di Coil Li­gna­no - so­no pe­rò gra­to ai ra­gaz­zi per l'im­pe­gno e la se­rie­tà che han­no di­mo­stra­to in que­sti gior­ni di in­ten­se sfi­de» . Poi, il ca­po de­le­ga­zio­ne Al­ber­to Mam­bel­li, non­ché vi­ca­rio del­la LND: «Po­co più di un me­se fa non avrei mai pen­sa­to che la no­stra squa­dra po­tes­se rag­giun­ge­re que­sto pre­sti­gio­so tra­guar­do. Ab­bia­mo co­mun­que rad­driz­za­to una sta­gio­ne in cui sem­bra­va an­dar­ci tut­to quan­to stor­to. Com­pli­men­ti ad Espo­si­to per quan­to ha fat­to, so- L'Ita­lia schie­ra­ta in cam­po pri­ma del­la fi­na­lis­si­ma con il Por­to­gal­lo prat­tut­to per la ca­pa­ci­tà di ri e lo staff che fi­no all'ul­ti­mo Di Ma­io e l'esu­be­ran­za di Cain­fon­de­re un gran­de ca­rat­te­han­no cre­du­to all'im­pre­sa. ro­te­nu­to, sen­za nul­la to­glie­re re a tut­ti i no­stri gio­ca­to­ri, La ro­ve­scia­ta di Ga­brie­le al re­sto del­la squa­dra. che han­no bril­la­to per ca­ra­tGo­ri, l'at­tac­can­te del Via­reg­te­re ed uni­tà d'in­ten­ti» . gio e il più gio­va­ne del­la co­mi­ti­va par­ti­ta per Li­sbo­na, sem­bra­va il col­po di sce­na ca­pa­ce di in­ver­ti­re le sor­ti dell'in­con­tro, do­po che Co­ro­si­ni­ti ave­va ac­ce­so gli ani­mi por­tan­do l'Ita­lia per pri­ma in van­tag­gio. Il col­po del ko, giun­to qual­che istan­te do­po per ope­ra di Bru­no No­vo, ha mes­so in­ve­ce fi­ne al­le spe­ran­ze de­gli az­zur­ri ed ha con­se­gna­to al Por­to­gal­lo il suo quar­to ti­to­lo con­ti­nen­ta­le. Ma il ge­sto tec­ni­co di Go­ri, al­la sua pri­ma com­pe­ti­zio­ne uf­fi­cia­le, rie­sce a sin­te­tiz­za­re tut­to il va­lo­re e lo sfor­zo di Espo­si­to e dei suoi ra­gaz­zi. Co­sì co­me la te­na­cia di Co­ro­si­ni­ti ed i colpi di Pal­mac­ci, co­me la ge­ne­ro­si­tà di LA PAR­TI­TA - Nel­la ga­ra con­tro il Por­to­gal­lo la squa­dra ha for­se av­ver­ti­to trop­po il pe­so dell'in­con­tro. La re­spon­sa­bi­li­tà di con­qui­sta­re un tro­feo che man­ca in ba­che­ca da cin­que an­ni ha di cer­to in­flui­to sul­la ca­pa­ci­tà di es­se­re lu­ci­di e reat­ti­vi co­me nel­le ga­re di qua­li­fi­ca­zio­ne. Sen­za con­ta­re la ca­ra­tu­ra dell'av­ver­sa­rio, che ol­tre a po­ter con­ta­re sul ca­lo­re dei pro­pri so­ste­ni­to­ri, rap­pre­sen­ta una se­le­zio­ne tra le più ta­len­tuo­se e quo­ta­te del Mon­do. Sta­vol­ta la de­ter­mi­na­zio­ne ed il cuo­re non so­no sta­ti suf­fi­cien­ti a sca­val­ca­re l'osta­co­lo. La de­lu­sio­ne è pa­le­se fra i gio­ca­to- EMO­ZIO­NI - E' sta­to l'Eu­ro­peo de­gli esor­dien­ti, dei ve­te­ra­ni, di chi ha lot­ta­to con co­rag­gio e pas­sio­ne. Un Eu­ro­peo da emo­zio­ni for­ti: dal­la vo­glia di ri­vin­ci­ta di un grup­po mes­so in di­scus­sio­ne per le de­lu­den­ti pro­ve in cam­po in­ter­na­zio­na­le per ar­ri­va­re all'en­tu­sia­smo di chi ha avu­to la chan­che di ve­sti­re la ma­glia az­zur­ra per la pri­ma vol­ta, op­pu­re a ri­tro­var­la sul­le spal­le do­po tan­to tem­po. E' sta­ta un'av­ven­tu­ra vis­su­ta in­ten­sa­men­te e che da­rà nuo­va lin­fa al bea­ch soc­cer ita­lia­no. Gli ono­ri di Mar­si­glia 2005 re­sta­no an­co­ra lon­ta­ni, ma la stra­da per tor­na­re a cre­sce­re è pre­sa. E se sa­rà in sa­li­ta, po­co im­por­ta. Il cuo­re c'è.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.