Bo­lo­gna, fi­du­cia a tem­po dal­la squa­dra

An­co­ra una set­ti­ma­na, poi qual­che gio­ca­to­re co­min­ce­rà a muo­ver­si per la mes­sa in mo­ra

Corriere dello Sport Stadio (Bologna) - - Calcio - di Fu­rio Za­ra

BO­LO­GNA - Fi­du­cia a tem­po. E’ quel­la che da­ran­no i gio­ca­to­ri del Bo­lo­gna al­la so­cie­tà, o a chi ne fa le ve­ci. L’in­di­ca­zio­ne stra­da­le nel­la ro­ton­da in cui sta gi­ran­do (a vuo­to) da un pa­io di set­ti­ma­ne il Bo­lo­gna di­ce: mes­sa in mo­ra, e c’è la frec­cia. Ogni li­mi­te ha una pa­zien­za, fi­lo­so­feg­gia­va To­tò che in ef­fet­ti - pen­san­do­ci - sa­preb­be co­me tra­sfor­ma­re in far­sa que­sta sto­riac­cia che si sta con­su­man­do ai dan­ni del club ros­so­blù. CAOS - Nel caos so­cie­ta­rio del Bo­lo­gna, nel mel­mo­so e po­co chia­ro sta­gno su cui og­gi gal­leg­gia la so­cie­tà, nel gi­ro­ton­do mes­so in at­to at­tor­no al­la car­cas­sa di un club con un pre- si­den­te (Por­ced­da) che è di­ven­ta­to un cor­po estra­neo e tan­ti (trop­pi) pro­ta­go­ni­sti che fan­no un pas­so avan­ti e due di la­to; la squa­dra si è iso­la­ta, cer­can­do ri­fu­gio nel­le po­che cer­tez­ze che le so­no ri­ma­ste. E pro­prio per que­sto, da par­te dei ti­fo­si, la squa­dra vie­ne ri­te­nu­ta, e a ra­gio­ne, la par­te più sa­na di quel che re­sta del Bo­lo­gna. Ma quan­to po­trà du­ra­re tut­to ciò? Per quan­to an­co­ra i gio­ca­to­ri sa­pran­no te­ne­re fe­de al « pat­to d’ono­re » di cui ave­va par­la­to Ma­le­sa­ni nei gior­ni scor­si ri­fe­ren­do­si al­la vo­lon­tà di chiu­der­si a ric­cio per re­sta­re im­per­mea­bi­li al di­sa­stro che si sta ma­ni­fe­stan­do fuo­ri dal­lo spo­glia­to­io? E glie­ne si può fa­re una col­pa, in que­sto Bo­lo­gna che non è in gra­do di da­re nes­sun pun­to di ri­fe­ri­men­to, il gior­no in cui de­ci­de­ran­no di rom­pe­re il ghiac­cio e far par­ti­re le pri­me rac­co­man­da­te per la mes­sa in mo­ra? PE­NA­LIZ­ZA­ZIO­NE - Og­gi ar­ri­ve­rà, a me­no di slit­ta­men­ti, l’uf­fi­cia­li­tà del pun­to di pe­na­liz­za­zio­ne pre­vi­sto per il man­ca­to pa­ga­men­to dell’Ir­pef. Gli al­tri due ver­ran­no tol­ti a feb­bra­io, an­che se nel­le ul­ti­me ore si te­me che - in real­tà - la pe­na­liz­za­zio­ne pos­sa ad­di­rit­tu­ra es­se­re ac­cor­pa­ta fin da su­bi­to. Nel­la mi­glio­re del­le ipo­te­si, co­mun­que, la clas­si­fi­ca del Bo­lo­gna (per ora) cam­bie­rà co­sì: i ros­so­blù sca­le­ran­no da 14 a 13 pun­ti, le squa­dre sot­to re­sta­no sem­pre quattro (Bre­scia, Ce­se­na, Lec­ce e Ba­ri) e c’è sem­pre una par­ti­ta da re­cu­pe­ra­re, quel­la rin­via­ta do­me­ni­ca scor­sa col Chie­vo: si gio­che­rà pro­ba­bil­men­te l’8 di­cem­bre al Dall’Ara.

FI­DU­CIA COL TI­MER - Nel­lo spo­glia­to­io del Bo­lo­gna og­gi, ma an­che ie­ri e pu­re do­ma­ni, non si par­la (e si è par­la­to e si par­le­rà) d’al­tro. Ok, si fa il pro­prio la­vo­ro, ci si con­cen­tra, si va in cam­po e si cer­ca di di­men­ti­ca­re che da tre me­si (ma fan­no cin­que, vi­sto che le men­si­li­tà non pa­ga­te si ri­fe­ri­sco­no a lu- glio, ago­sto e set­tem­bre) non si bec­ca lo sti­pen­dio. La mag­gio­ran­za dei gio­ca­to­ri è per la li­nea mor­bi­da: sia­mo fi­du­cio­si, non fac­cia­mo pre­ci­pi­ta­re gli even­ti. Ma con­vin­ce­re tut­ti non è sem­pli­ce. So­prat­tut­to: non co­sì a lun­go, e sen­za al­cu­na cer­tez­za del fu­tu­ro. Co­sì sta suc­ce­den­do che la squa­dra ha de­ci­so di da­re una fi­du­cia a tem­po al­la so­cie­tà. Una set­ti­ma­na di tem­po. Poi, con ogni pro­ba­bi­li­tà e so­prat­tut­to in as­sen­za di ras­si­cu­ra­zio­ni, ver­ran­no po­ste le ba­si per la mes­sa in mo­ra del­la so­cie­tà. I gio­ca­to­ri si so­no già con­sul­ta­ti con i lo­ro pro­cu­ra­to­ri. Che a lo­ro vol­ta han­no co­min­cia­to a con­tat­ta­re i le­ga­li.

MO­VI­MEN­TI - No­ti­zie da Ca­stel­de­bo­le. L’ad Sil­vi­no Mar­ras og­gi sa­reb­be do­vu­to par­ti­re per Lon­dra do­ve avreb­be do­vu­to in­con­tra­re il fan­to­ma­ti­co ac­qui­ren­te stra­nie­ro. Toh, l’ae­ro­por­to di Lon­dra ie­ri era chiu­so per mal­tem­po. Nien­te viag­gio. Non par­ti, no par­ty. E co­sì Mar­ras è ri­ma­sto a Ca­stel­de­bo­le. E il com­pra­to­re non può com­pra­re. Da re­gi­stra­re che le vo­ci in cit­tà par­lan­do or­mai di Al­fre­do Caz­zo­la co­me dell’uo­mo che, in un mo­do o nell’al­tro, pe­se­rà sui de­sti­ni del Bo­lo­gna. Clau­dio Sa­ba­ti­ni in­si­ste nel­la col­let­ta per il sal­va­tag­gio del Bo­lo­gna. Ma l’im­pres­sio­ne è che, die­tro al pal­co­sce­ni­co, qual­cu­no co­no­sca già il fi­na­le di que­sta sto­ria che è par­ti­ta da via del­la Zec­ca e che lì - aspet­tan­do le of­fer­te - do­vrà chiu­der­si.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.