Corriere dello Sport Stadio (Bologna)

‘‘‘

In­for­tu­ni? Fi­no­ra ab­bia­mo la­vo­ra­to in emer­gen­za ma pri­ma o poi fi­ni­rà. E sa­rann i no­stri mi­glio­ri ac­qui­sti Ba­lo­tel­li? Co­me mi sa­reb­be pia­ciu­to al­le­nar­lo, ma quan so­no ar­ri­va­to in ne­raz­zur­ro la si­tua­zio­ne era sta­ta de­ci­sa Cas­sa­no? Là da­van­ti c’è già mol­ta

- A di­spo­si­zio­ne:

22 Or­lan­do­ni, 39 San­ton, 34 Bi­ra­ghi, 23 Ma­te­raz­zi, 8 Mot­ta, 40 Nwan­k­wo, 31 Ali­bec. In­di­spo­ni­bi­li: Ma­ri­ga, Mancini, Sa­muel, Mai­con, Chi­vu, Obi, Mi­li­to, Ju­lio Ce­sar, Sua­zo, Cou­ti­n­ho. Eto'o. Dif­fi­da­ti: - Re­ja ha pro­va­to il 43-1-2 ma è pron­to a tor­na­re al 4-2-3-1 an­che a par­ti­ta in cor­so. Bal­lot­tag­gio in re­gia tra Ma­tu­za­lem e Le­de­sma. IN­TER Na­ta­li­no po­treb­be par­ti­re ti­to­la­re: gio­che­rà a de­stra o cen­tra­le (con Cor­do­ba, non al top, ter­zi­no de­stro). L'al­ter­na­ti­va è Ma­te­raz­zi. Mun­ta­ri fa­vo­ri­to su Mot­ta.

«Ho fi­du­cia al 100% nel­la mia squa­dra. Ve­do i gio­ca­to­ri la­vo­ra­re e so­no con­ten­to per­ché do­po tut­to quel­lo che han­no fat­to la scor­sa sta­gio­ne, sa­pe­vo che po­te­va es­se­re un an­no dif­fi­ci­le. Con gli in­for­tu­na­ti che stan­no ri­tor­nan­do, l’In­ter sa­rà di nuo­vo al suo li­vel­lo».

Fir­me­reb­be per ar­ri­va­re a giu­gno vin­cen­do ol­tre al­la Su­per­cop­pa ita­lia­na il Mon­dia­le per club? «No, non fir­me­rei». Que­sta In­ter ha an­co­ra fa­me?

«Sì. Lo no­to quan­do par­lo con i gio­ca­to­ri, ma an­che quan­do ve­do gli al­le­na­men­ti. E' una fa­me di­ver­sa per­ché i ra­gaz­zi già han­no vin­to, ma la fa­me è sem­pre... fa­me. E c’è, ve lo as­si­cu­ro».

Vi sen­ti­te an­co­ra in cor­sa per lo scu­det­to?

«Cer­to. Man­ca­no tan­te gior­na­te e con il Li­ver­pool ho fat­to 9-11 vit­to­rie di fi­la in Pre­mier­ship. Pos­sia­mo ri­pe­ter­ci an­che con l’In­ter».

Pe­rò in que­sto mo­men­to in cam­pio­na­to il Mi­lan è fa­vo­ri­to.

«No, la mia fa­vo­ri­ta è sem­pre l'In­ter. So­no co­scien­te del­la dif­fi­col­tà che ab­bia­mo, ma ho fi­du­cia nel­la mia squa­dra».

Il Mi­lan dun­que è fa­vo­ri­to co­me do­po... il pri­mo tem­po del­la fi­na­le di Cham­pions a Istan­bul?

(Ri­de) «Il Mi­lan è for­te ed è in una buo­na po­si­zio­ne, ma il cam­pio­na­to è lun­go e noi dob­bia­mo fa­re il no­stro la­vo­ro. Al­la fi­ne sa­re­mo in te­sta».

Si aspet­ta­va che la Ro­ma po­tes­se tor­na­re in cor­sa?

«La Ro­ma è una for­ma­zio­ne di qua­li­tà e non era nor­ma­le che si tro­vas­se nel­la par­te bas­sa del­la clas­si­fi­ca».

La ri­scos­sa dei gial­lo­ros­si è ini­zia­ta pro­prio do­po la vit­to­ria sull'In­ter.

«Sì, ma noi in quell'oc­ca­sio­ne avrem­mo me­ri­ta­to di più. Ma­ga­ri in fu­tu­ro la for­tu­na ci da­rà una ma­no».

L'ha sor­pre­sa l'eli­mi­na­zio­ne del­la Ju­ven­tus dall'Eu­ro­pa Lea­gue?

«Non mi pia­ce mol­to par­la­re del­le al­tre. La Ju­ve è for­te e ora che non è più in Eu­ro­pa po­trà con­cen­trar­si so­lo sul cam­pio­na­to. Sa­rà un’av­ver­sa­ria te­mi­bi­le».

Quan­do avrà tut­ti gli uo­mi­ni a di-

A fi­ne mag­gio si aspet­ta di aver con­vin­to chi ades­so la cri­ti­ca?

«So­no si­cu­ro che la squa­dra fa­rà me­glio, che vin­ce­rà di più e co­sì sa­rà più fa­ci­le per la gen­te cam­bia­re opi­nio­ne».

Da co­me par­la si aspet­ta di vin­ce­re più del­la Su­per­cop­pa ita­lia­na mes­sa in ba­che­ca ad ago­sto. spo­si­zio­ne pen­sa di gio­ca­re con il 42-3-1 co­me a ini­zio sta­gio­ne op­pu­re con Mi­li­to ed Eto'o più vi­ci­ni nel 43-1-2 sti­le der­by?

«Di­pen­de dal­lo sta­to di for­ma dei sin­go­li. Pri­ma di tut­to l'equi­li­brio del­la squa­dra». Ha un po' drib­bla­to la do­man­da... (Ri­de) «Sì, lo am­met­to». Que­sta In­ter so­mi­glia al suo pri­mo Va­len­cia o al suo pri­mo Li­ver­pool?

«No, è di­ver­sa da en­tram­be per­ché quan­do so­no ar­ri­va­to al Va­len­cia, la squa­dra era ar­ri­va­ta 2 vol­te in fi­na­le di Cham­pions Lea­gue, ma non ave­va vin­to né la Li­ga né una cop­pa. Que­sta In­ter in­ve­ce ha con­qui­sta­to il cam­pio­na­to e la Cham­pions. Uno psi­co­lo­go qual­che gior­no fa spie­ga­va che per un nuo­vo al­le­na­to­re c'è una gran­de dif­fe­ren­za tra gui­da­re una for­ma­zio­ne che ha vin­to e una che non ci è riu­sci­ta».

Tra Eto'o e Mi­li­to chi so­mi­glia di più a Torres?

«Nes­su­no dei due. Torres è fi­si­ca­men­te più po­ten­te e più ve­lo­ce, men­tre, per esem­pio, Mi­li­to ha più in­tel­li­gen­za tat­ti­ca».

Do­po i due gol che le ha se­gna­to do­me­ni­ca, que­sto me­se chie­de­rà a Cre­spo, che le ha af­fit­ta­to ca­sa, di pa­ga­re me­tà af­fit­to?

(Ri­de di­ver­ti­to) «Her­nan è un bra­vo ra­gaz­zo e an­che un gran­de at­tac­can­te».

Ba­lo­tel­li con­ti­nua a se­gna­re al Ci­ty: è un ram­ma­ri­co non po­ter­lo al­le­na­re?

«In ri­ti­ro ne­gli Sta­ti Uni­ti mi di­ce­va che vo­le­va gio­ca­re ogni par­ti­ta e ave­va de­ci­so di par­ti­re. Ha tro­va­to

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy