Corriere dello Sport Stadio (Bologna)

Laz­za­ro-Ap­piah ri­na­to a Ce­se­na stu­pi­sce an­co­ra

- Da­rio Gior­do/ass

BO­LO­GNA - Co­me Ulis­se, an­zi pu­re me­glio. Ste­phen Ap­piah ha pas­sa­to la vi­ta a gi­ra­re il mon­do, ma più dell'eroe ome­ri­co ha la re­sur­re­zio­ne. Spor­ti­va, e non so­lo, ripensando a quell'em­bo­lo nel­la gam­ba che per po­co non gli co­stò la vi­ta quan­do gio­ca­va nel Fe­ner­ba­hçe, tre an­ni fa. Nell'oblio l'av­ven­tu­ra tur­ca, s'è ri­ci­cla­to a Bo­lo­gna, in­gag­gia­to un an­no fa su sug­ge­ri­men­to oc­cul­to di Lu­cia­no Mog­gi. Un pas­sag­gio da co­me­ta, tant'è che si fa­ti­ca a ri­cor­dar­lo in ros­so­blù: due pre­sen­ze in tut­to, 110' com­ples­si­vi, e tan­ti sa­lu­ti a sta­gio­ne fi­ni­ta. Par­ten­za con de­sti­na­zio­ne Su­da­fri­ca, ci so­no i Mon­dia­li da ono­ra­re con la ma­glia del Gha­na, di cui è un mo­nu­men­to: Ap­piah ci dev'es­se­re, an­che se una ga­ra in­te­ra non la gio­ca­va da due an­ni. Sfio­ra­te le se­mi­fi­na­li, si ri­ci­cla su­bi­to do­po a un'ora di mac­chi­na dal­le Due Tor­ri, ac­ca­san­do­si al Ce­se­na. Un­di­ci pre­sen­ze fin qui, do­di­ci con la Cop­pa Ita­lia: un lus­so, ripensando a qual­che me­se fa.

Il gio­ca­to­re non s'è mai di­scus­so, ma co­me pa­ga­to­re ha sem­pre la­scia­to a de­si­de­ra­re. De­bi­ti spar­si ovun­que, so­prat­tut­to in Ita­lia, fin dai tem­pi del­la Ju­ve. Pro­cu­ra­to­ri e av­vo­ca­ti fra i prin­ci­pa­li cre­di­to­ri: un ex agen­te, San­tia­go Mor­raz­zo, gli chie­de ol­tre 600 mi­la eu­ro. Il tri­bu­na­le se ne ri­cor­da, e lo fa in­se­gui­re fi­no a Ca­stel­de­bo­le. Il gha­ne­se non può pa­ga­re, e al­lo­ra l'uf­fi­cia­le giu­di­zia­rio pre­sen­ta il con­to ai Me­na­ri­ni. E ti pa­re­va. Nel dub­bio, con­ti­nua a non gio­ca­re. Col­pa di un trans­fer che la fe­de­ra­zio­ne tur­ca non vuol sa­pe­re di spe­di­re, me­mo­re del con­ten­zio­so col Fe­ner­ba­hçe. Il tem­po pas­sa, e lui s'in­for­tu­na: da so­lo, cal­cian­do la pal­la in un a par­ti­tel­la in­fra­set­ti­ma­na­le. Out un me­se e mez­zo, ma se non al­tro sal­ta la Cop­pa d'Afri­ca, al­tri­men­ti si ri­schia­va di non ve­der­lo mai. Si ri­pren­de, e - mi­ra­co­lo - ar­ri­va pu­re il suo tur­no. Pe­nul­ti­ma di cam­pio­na­to, a sal­vez­za in ta­sca: en­tra nel­la ri­pre­sa e gli scap­pa la la­cri­ma do­po due an­ni di tor­men­ti.

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy