Corriere dello Sport Stadio (Bologna)

La squa­li­fi­ca di Co­mot­to ri­lan­cia l’ex la­zia­le «Non è un cal­cio per gio­va­ni»

De Sil­ve­stri: «Sen­to mia la po­li­ti­ca del­la Fio­ren­ti­na. Si di­ce sem­pre che per cre­sce­re bi­so­gna gio­ca­re, poi gli stra­nie­ri ti por­ta­no via il po­sto»

- di Alessandro Rialti

«Ci vor­reb­be un lea­der gio­va­ne e ma­ga­ri un po’ più ma­tu­ro, di­cia­mo Mon­to­li­vo». Buo­na idea. FI­REN­ZE - La li­sta è sta­ta fat­ta sul­la car­ta gial­la del ri­sto­ran­te Trey, Cor­vi­no ci pas­sa per un at­ti­mo gli oc­chi so­pra e sor­ri­de, lo stes­so fa uno dei suoi uo­mi­ni, Nic­co­li­ni. So­pra c’è di­se­gna­ta quel­la che po­treb­be es­se­re la Fio­ren­ti­na del pros­si­mo fu­tu­ro, la squa­dra ye-ye del­la qua­le par­lia­mo da tem­po. La li­sta sul­la car­ta gial­la la por­tia­mo an­che al Fran­chi e la mo­stria­mo a De Sil­ve­stri, il lea­der di que­sta squa­dra di ra­gaz­zi che pos­so­no far so­gna­re. Pu­re lui sor­ri­de e in ro­ma­ne­sco ci di­ce: «Ma que­sto è uno squa­dro­ne...» . Leg­ge i no­mi, da Se­cu­lin pas­san­do da Car­ra­ro, a Lja­jic, Jo­ve­tic, Ba­ba­car, uno e più per ogni ruo­lo e poi con­vin­tis­si­mo: TOR­NA CA­VAL­LO-Nes­sun dub­bio, ai ti­fo­si vio­la De Sil­ve­stri pia­ce. Lo chia­ma­no il ca­val­lo per quel suo bat­te­re la fa­scia a gran rit­mo e ora il ca­val­lo sta per tor­na­re. «Non pos­so non sen­ti­re mia la po­li­ti­ca in­tra­pre­sa dal­la so­cie­tà - ha com­men­ta­to il di­fen­so­re vio­la - an­che nel cal­cio i gio­va­ni rap­pre­sen­ta­no il fu­tu­ro. E fos­se per me in­tro­dur­rei in Ita­lia il cam­pio­na­to ri­ser­ve al po­sto di quel­lo Pri­ma­ve­ra co­me già av­vie­ne in Inghilterr­a. Si di- ce sem­pre che un gio­va­ne per cre­sce­re de­ve gio­ca­re, poi ar­ri­va­no gli stra­nie­ri e ti por­ta­no via il po­sto. Io di­co in­ve­ce che i gio­va­ni me­ri­ta­no fi­du­cia e van­no pre­pa­ra­ti per be­ne. Lja­jic e Ba­ba­car? De­vo­no aiu­tar­ci ades­so e in fu­tu­ro. Ba­ba­car con l'in­for­tu­nio di Gi­lar­di­no sta aven­do le sue oc­ca­sio­ni e in­tan­to ce lo coc­co­lia­mo. Ha so­lo 17 an­ni e non dob­bia­mo ca­ri­car­lo di trop­pe re­spon­sa­bi­li­tà, pe­rò vo­glia­mo ve­der­lo sem­pre co­me con­tro la Reg­gi­na, ca­pa­ce di pren­de­re bot­te per aiu­ta­re la squa­dra e fa­re pu­re gol. Lja­jic è già un gran­de gio­ca­to­re. Ma ce ne so­no tan­ti al­tri, pu­re Car­ra­ro è for­te». Ades­so pe­rò De Sil­ve­stri è im­pe­gna­to a ri­tro­va­re il po­sto da ti­to­la­re per­du­to ul­ti­ma­men­te a van­tag­gio del più esper­to Co­mot­to la cui squa­li­fi­ca do­me­ni­ca ri­lan­ce­rà pro­prio l'ex la­zia­le: «So­no pron­to a ri­pren­der­mi la fa­scia de­stra an­che se so che è una con­qui­sta che va fat­ta ogni gior­no, in al­le­na­men­to. All'ini­zio era nor­ma­le che fos­si ar­rab­bia­to per l'esclu­sio­ne ma que­sto ha fat­to pia­ce­re a Mi­ha­j­lo­vic per­ché ha ca­pi­to che ci te­ne­vo. Am­met­to che l'ave­vo pre­sa ma­le, ero un po' trop­po ner­vo­so poi pe­rò mi so­no rim­boc­ca­to le ma­ni­che per met­te­re in dif­fi­col­tà l’al­le­na­to­re». VIO­LA-AZ­ZUR­RO - Co­me tan­ti al­tri ra­gaz­zi vio­la è ar­ri­va­to al­la ma­glia az­zur­ra, ad­di­rit­tu­ra a quel­la del­la Na­zio­na­le di Pran­del­li. «Al­la Na­zio­na­le pen­so sem­pre, co­me del re­sto tut­ti i gio­ca­to­ri ita­lia­ni, ma so che pri­ma de­vo fa­re be­ne con la Fio­ren­ti­na». Ma ades­so è tem­po di Ca­glia­ri: «E’ una ga­ra dif­fi­ci­le, col nuo­vo tec­ni­co han­no vin­to due ga­re di fi­la e poi c'è Ma­tri che è in for­mis­si­ma e se­gna tan­to. Noi avre­mo mol­ti as­sen­ti fra in­for­tu­na­ti e squa­li­fi­ca­ti ma que­sto non dev’es­se­re un ali­bi, sia­mo la Fio­ren­ti­na, gio­chia­mo da­van­ti al no­stro pub­bli­co, vo­glia­mo e dob­bia­mo vin­ce­re». Con gran­de te­ne­rez­za ri­cor­da il suo ami­co San­dri, il ti­fo­so la­zia­le mor­to nel no­vem­bre del 2007: «La giu­sti­zia ha fat­to il suo cor­so e bi­so­gna pren­der­ne at­to e ri­spet­tar­la. Tut­ti san­no del mio rap­por­to con Ga­brie­le e la sua fa­mi­glia, ie­ri ho man­da­to un mes­sag­gio al fra­tel­lo, a Cri­stia­no. So­no con­ten­to di aver sen­ti­to tut­ta la fa­mi­glia sod­di­sfat­ta del­la sen­ten­za an­che se nien­te e nes­su­no po­tran­no ri­por­ta­re in­die­tro Ga­brie­le. Sua ma­dre ha det­to che ora che è sta­ta fat­ta giu­sti­zia po­treb­be an­che per­do­na­re? E' una co­sa mol­to bel­la, un mo­do per riac­cre­di­ta­re in qual­che ma­nie­ra una per­so­na che ha com­mes­so un gran­de, ter­ri­bi­le, er­ro­re» . In­fi­ne sul­la scio­pe­ro dei cal­cia­to­ri: «An­dreb­be spie­ga­to me­glio al­la gen­te per­ché non tut­ti i gio­ca­to­ri so­no dei na­bab­bi, ba­sta pen­sa­re a quel­li di B e C. E' una bat­ta­glia che va al di là dell'aspet­to eco­no­mi­co, co­mun­que spe­ro che si ar­ri­vi a un ac­cor­do».

 ??  ??
 ??  ?? Lo­ren­zo De Sil­ve­stri, 22 an­ni: ha de­but­ta­to
in A con la La­zio con­tro la Fio­ren­ti­na
nel 2007 (Sestini)
Lo­ren­zo De Sil­ve­stri, 22 an­ni: ha de­but­ta­to in A con la La­zio con­tro la Fio­ren­ti­na nel 2007 (Sestini)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy