Gi­ra, si ri­par­te con­tro il Pa­via

Corriere dello Sport Stadio (Bologna) - - Cronache Di Bologna - di Ri­nal­do Paolucci

OZ­ZA­NO - Quel­la di do­ma­ni al Pa­laGi­ra con­tro il Pa­via, che si è au­to­re­tro­ces­so dal­la Le­ga­due, per il Pen­ta­grup­po po­treb­be rap­pre­sen­ta­re il pun­to di par­ten­za per una rin­cor­sa che stan­do ai nu­me­ri ap­pa­re sem­pre più pro­ble­ma­ti­ca ma che nel­la real­tà è più che mai al­la por­ta­ta. In fin dei con­ti la zo­na sal­vez­za è a so­li quattro pun­ti. Pro­prio co­me ha af­fer­ma­to Gian­lu­ca Tuc­ci nel do­po ga­ra di Sie­na, è ne­ces­sa­rio fa­re più pun­ti nel­le pros­si­me cin­que ga­re. L’AP­PUN­TA­MEN­TO - E la pri­ma di que­ste, per­ché a Bre­scia l'8 di­cem­bre sa­rà ve­ra­men­te du­ra, è pro­prio con­tro il Pa­via che do­po una buo­na par­ten­za ha ac­cu­sa­to una lun­ga fles­sio­ne e quin­di ap­pa­re più che mai al­la por­ta­ta, an­che se l'ul­ti­mo tur­no ha fat­to re­gi­stra­re ri­sul­ta­ti con­tra­stan­ti: vit­to­rie del Pa­via sul Se­ni­gal­lia, scon­fit­ta im­me­ri­ta­ta del Pen­ta­grup­po a Sie­na.

LE SO­LU­ZIO­NI - C'è pe­rò un aspet­to che po­treb­be BO­LO­GNA - Ora San Laz­za­ro, do­po la Me­dia­te­ca, si è ar­ric­chi­ta di un al­tro cen­tro In­for­ma­zio­ne e Do­cu­men­ta­zio­ne (CID) af­fi­lia­to all' AICS (As­so­cia­zio­ne Ita­lia­na Sport e Cul­tu­ra) che ha fi­nal­men­te un pro­prio pun­to sta­bi­le in via del­la Spe­ran­za 43. Il Cen­tro ha ini­zia­to a muo­ve­re i suoi pri­mi pas­si a me­tà de­gli an­ni ‘80 rac­co­glien­do ed or­di­nan­do i li­bri edi­ti dall'AICS. In se­gui­to è ini­zia­ta la rac­col­ta di li­bri, do­cu­men­ti e non so­lo ri- con­di­zio­na­re il cam­mi­no del­la for­ma­zio­ne di Tuc­ci: so­sti­tui­re un ele­men­to co­me An­tro­pos Igin­ts che al­cu­ne set­ti­ma­ne fa ha de­ci­so di pas­sa­re al Rie­ti. Ora il Pen­ta­grup­po è pra­ti­ca­men­te for­ma­to da no­ve gio­ca­to­ri, an­che se a re­fer­to ne van­no die­ci. La so­cie­tà an­drà sul mer­ca­to? «Non c’è fret­ta - pre­ci­sa il ds Gio­van­ni Set­ti - Se do­ves­se ca­pi­ta­re l'oc­ca­sio­ne la po­tre­mo pren­de­re in con­si­de­ra­zio­ne. E poi l'ori­gi­ne di cer­te scon­fit­te non è cer­to da im­pu­ta­re al­la man­can­za di un gio­ca­to­re; so­no ben al­tre e le ab­bia­mo già ab­bon­dan­te­men­te ana­liz­za­te. E' ve­ro, ab­bia­mo no­ve gio­ca­to­ri più un un­der, ma tut­ti han­no la pos­si­bi­li­tà di gio­ca­re, crear­si il lo­ro spa­zio e ac­cu­mu­la­re mi­nu­ti im­por­tan­ti. Se do­ves­si­mo pren­de­re un rin­for­zo do­vreb­be es­se­re un ele­men­to ca­pa­ce di far ma­tu­ra­re i ra­gaz­zi». Set­ti ac­cen­na ad al­tre ra­gio­ni per le scon­fit­te. «Una del­le cau­se è che que­sta squa­dra ten­de a sco­rag­giar­si quan­do co­min­cia­no ad emer­ge­re le dif­fi­col­tà. E' un com­ples­so mol­to gio­va­ne ed è sog­get­to a que­ste si­tua­zio­ni che noi, pe­ral­tro, ave­va­mo mes­so in pre- guar­dan­ti le di­sci­pli­ne spor­ti­ve in par­ti­co­la­re ed in ge­ne­ra­le lo sport se­guen­do le sue di­ver­se spe­ci­fi­ci­tà. Un im­pe­gno si­gni­fi­ca­ti­vo che ha con­sen­ti­to di rac­co­glie­re e ca­ta­lo­ga­re li­bri del­le di­ver­se te­ma­ti­che da­gli aspet­ti le­ga­li a quel­li del­la sa­lu­te, dall'im­pian­ti­sti­ca spor­ti­va al­lo sport svi­lup­pa­to dal­le Pub­bli­che am­mi­ni­stra­zio­ni. Una do­ta­zio­ne li­bra­ria e mul­ti­me­dia­le che è sta­ta ri­co­no­sciu­ta dal Cen­tro In­ter­bi­blio­te­ca­rio Bo­lo­gne­se se­gui­to dall'Uni­ver­si­tà di Bo­lo­gna ca­ta­lo­ga­ta se­con­do le re­go­le e le di­spo­si­zio­ni del­la ca­ta­lo­ga­zio­ne pub­bli­ca. Il CID-AICS è co­sì en­tra­to nel­la re­te del­le bi­blio­te­che pub­bli­che con­sen­ten­do­ne una vi­sio­ne mol­to am­pia. L'at­tua­le do­ta­zio­ne ca­ta­lo­ga­ta com­pren­de ol­tre 2500 ti­to­li tra li­bri, dvd e vhs. Un pa­tri­mo­nio che so­lo in par­te è sta­to ca­ta­lo­ga­to, in quan­to al­tro an­co­ra sa­rà fat­to nel pros­si­mo fu­tu­ro, di­ven­tan­do pun­to di ri­fe- ven­ti­vo. Ora si trat­ta so­lo di con­ti­nua­re nel no­stro la­vo­ro per­ché so­no con­vin­to che que­sta squa­dra ab­bia tut­ti i nu­me­ri per po­ter­se­la gio­ca­re con tut­te. Ci vuo­le so­lo pa­zien­za». L’ADAT­TA­MEN­TO - Non è la so­la ra­gio­ne, pe­rò. «C'è an­che un fat­to le­ga­to ad un adat­ta­men­to non fa­ci­le per que­sti ra­gaz­zi a un cam­pio­na­to che esce un po' dal­la lo­ro sfe­ra abi­tua­le: han­no bi­so­gno di tem­po per ma­tu­ra­re sot­to l'aspet­to fi­si­co, tec­ni­co e men­ta­le». Clas­si­fi­ca al­la ma­no, te­nu­to con­to che so­no ot­to le re­tro­ces­sio­ni, la si­tua­zio­ne del Pen­ta­grup­po non è poi co­sì dram­ma­ti­ca: la sal­vez­za è so­lo a quattro pun­ti, con tut­to un gi­ro­ne di ri­tor­no do­ve, si spe­ra, la squa­dra avrà già avu­to tem­po di adat­tar­si. «E' quel­lo che spe­ria­mo tut­ti - con­clu­de Set­ti - so­no più che con­vin­to che que­sta squa­dra riu­sci­rà ad ave­re quell'evo­lu­zio­ne che il tem­po con­ce­de­rà. Il gi­ro­ne di ri­tor­no po­treb­be "gio­ca­re" per noi». In­tan­to Gian­lu­ca Tuc­ci con­ti­nua la pre­pa­ra­zio­ne in vi­sta dell'im­por­tan­te ap­pun­ta­men­to di do­ma­ni. Al mo­men­to non sem­bra vi sia­no pro­ble­mi, es­sen­do rien­tra­to quel­lo di Gril­lo che mar­te­dì non era pre­sen­te all'al­le­na­men­to ma che ora si è riu­ni­to al grup­po. ri­men­to per stu­den­ti, spor­ti­vi, tec­ni­ci e di­ri­gen­ti. Si­cu­ra­men­te un aspet­to si­gni­fi­ca­ti­vo per mi­glio­ra­re la co­no­scen­za e lo stu­dio di quan­ti sen­to­no l'esi­gen­za di ap­pro­fon­di­re ul­te­rior­men­te te­mi ed ar­go­men­ti spe­ci­fi­ci. Nel tem­po il pa­tri­mo­nio si è ar­ric­chi­to con do­na­zio­ni da par­te di di­ri­gen­ti ed or­ga­niz­za­zio­ni spor­ti­ve che nel con­di­vi­der­ne le fi­na­li­tà han­no con­ces­so del pa­tri­mo­ni pro­pri. Per ap­pro­fon­di­re ul­te­rior­men­te le at­ti-

I con­si­gli di Gian­lu­ca Tuc­ci

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.