Corriere dello Sport Stadio (Bologna)

Uno “sce­rif­fo” sot­to as­se­dio

Coa­ch Per­di­chiz­zi: «Mi sen­to sem­pre in di­scus­sio­ne. So­no un po’ pa­ra­noi­co, il club è più se­re­no di me...»

- di Clau­dio Li­mar­di

Lo Sce­rif­fo è in un an­go­lo. Gio­van­ni Per­di­chiz­zi lo chia­ma­no co­sì fin dai tem­pi in cui al­le­na­va a Bar­cel­lo­na Poz­zo di Got­to, il suo tram­po­li­no di lan­cio: un po’ per la cam­mi­na­ta di di­noc­co­la­ta, da pi­sto­le­ro im­pe­gna­to in un duel­lo, un po’ per le sue do­ti di lea­der den­tro lo spo­glia­to­io. Ma do­po ot­to pro­mo­zio­ni, l'al­le­na­to­re abi­tua­to a vin­ce­re, si tro­va al­le cor­de: a Brin­di­si, ha in­cas­sa­to cin­que scon­fit­te di fi­la, l'Enel è pe­nul­ti­ma e si ap­pre­sta do­me­ni­ca con­tro Mon­te­gra­na­ro a gio­ca­re con tut­ta la di­spe­ra­zio­ne del­la clas­si­fi­ca ad­dos­so.

« In real­tà quan­do ho al­le­na­to in A a Ca­po d'Or­lan­do ho fat­to due an­ni nel­le zo­ne bas­se del­la clas­si­fi­ca, quin­di non è una no­vi­tà in sen­so as­so­lu­to, an­zi ci ve­do mol­te si­mi­li­tu­di­ni. Pe­rò è ve­ro che so­no abi­tua­to all'al­ta clas­si­fi­ca, a vin­ce­re. E va­le an­che per Brin­di­si. Le aspet­ta­ti­ve era­no su­pe­rio­ri, pe­rò ho no­ta­to una pre­sa di co­scien­za da par­te dell'am­bien­te del­le dif­fi­col­tà che incontra una neo­pro­mos­sa che ha bi­so­gno di con­so­li­dar­si e non può ave­re ita­lia­ni di li­vel­lo che esca­no dal­la pan­chi­na e fac­cia­no la dif­fe­ren­za. Per­ché gli stra­nie­ri for­ti pos­so­no aver­li in tan­ti, gli ita­lia­ni no. Que­sto è il no­stro pro­ble­ma».

Ma al­la vi­gi­lia del­lo scon­tro con Mon­te­gra­na­ro si sen­te in di­scus­sio­ne?

«Io mi sen­to in di­scus­sio­ne per prin­ci­pio, an­che quan­do sto vin­cen­do o so­no pri­mo in clas­si­fi­ca. Ma i mes­sag­gi che mi ar­ri­va­no dal­la pro­prie­tà tra­smet­to­no fi­du­cia. Cre­do che que­sta sta­gio­ne la vi­vre­mo as­sie­me fi­no in fon­do, co­mun­que va­da. Qual­che vol­ta so­no io che mi fac­cio del­le pa­ra­no­ie, men­tre la so­cie­tà vi­ve il mo­men­to con gran­de se­re­ni­tà».

Qual è il pro­ble­ma di Brin­di­si? Non ave­te pan­chi­na?

« La qua­li­tà del­la pan­chi­na la de­ter­mi­na il grup­po de­gli ita­lia­ni. In que­sto cer­chia­mo di mi­glio­ra­re usan­do ciò che ab­bia­mo, sen­za ri­cor­re­re al mer­ca­to per­ché tan­to di ita­lia­ni for­ti da pren­de­re non ce ne so­no. Il mio ram­ma­ri­co è non es­se­re riu­sci­to a far ca­pi­re al­la so­cie­tà quan­to sa­reb­be sta­to im­por­tan­te crea­re una pan­chi­na di qua­li­tà. Il no­stro quin­tet­to è com­pe­ti­ti­vo, ma dob­bia­mo por­tar­lo al fi­na­le in con­di­zio­ni mi­glio­ri. Per­ché suc­ce­da i cam­bi de­vo­no fa­re le pic­co­le co­se, da­re ener­gia, fa­re due fal­li, man­gia­re tem­po. Con Ca­ser­ta e Sas­sa­ri pur per­den­do i pro­gres­si so­no sta­ti lam­pan­ti. Con­tro Ca­ser­ta se Di­xon non aves­se avu­to pro­ble­mi di fal­li avrem­mo vin­to. A Sas­sa­ri ab­bia­mo avu­to il ti­ro del­la vit­to­ria. Da tre set­ti­ma­ne con gli in­ne­sti di Tou­rè e Pu­gi la­vo­ria­mo in die­ci be­ne du­ran­te la set­ti­ma­na, sia­mo più ag­gres­si­vi in di­fe­sa e si ve­de in cam­po».

Quan­to ha in­ci­so la per­di­ta Ch­ris Mon­roe per in­for­tu­nio?

«Tut­ti i ma­li di que­sta squa­dra so­no sta­ti ge­ne­ra­ti dall'in­for­tu­nio di Mon­roe e dal­la de­fe­zio­ne di Eric Wil­liams. La squa­dra era sta­ta pen­sa­ta per ave­re ac­can­to ad un play­ma­ker pic­co­lo co­me Di­xon una guar­dia fi­si­ca co­me Mon­roe. E poi un cen­tro di pe­so con pun­ti nel­le ma­ni. Kris Lang è bra­vo ma di­ver­so da Wil­liams. Di Mon­roe, co­me or­mai san­no tut­ti, è sta­to ge­sti­to ma­le l'in­for­tu­nio, ca­pi­ta­to il pri­mo di set­tem­bre. Que­ste due per­di­te ci han­no scon­vol­to la squa­dra. Per for­tu­na Mon­roe en­tro la fi­ne del me­se tor­ne­rà in cam­po».

Quin­di il pro­ble­ma del suo so­sti­tu­to An­tho­ny Ro­ber­son è che...

«... che sem­pli­ce­men­te è di­ver­so da Mon­roe, per­ché è una guar­dia pic­co­la, co­me Di­xon, e con po­ca at­ti­tu­di­ne di­fen­si­va. Non ci so­no pre­clu­sio­ni nei suoi con­fron­ti, so­lo che non è per­fet­to per que­sta squa­dra. Di si­cu­ro è un gran rea­liz­za­to­re: pro­prio per que­sto ades­so lo uti­liz­zo da se­sto uo­mo per da­re qua­li­tà al se­con­do quin­tet­to. Nei pri­mi cin­que par­te Ma­re­sca».

di Gio­van­ni Per­di­chiz­zi po­chi me­si fa fe­steg­gia­va la pro­mo­zio­ne in se­rie A di Brin­di­si. Og­gi il suo sta­to d’ani­mo è ben dif­fe­ren­te...

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy