Su­ben­tra Donadoni? Va (qua­si) sem­pre me­glio di pri­ma

E’ la 4ª vol­ta in A che en­tra in cor­sa. In tre ca­si ha mi­glio­ra­to la me­dia-pun­ti cen­tran­do sem­pre l’obiet­ti­vo

Corriere dello Sport Stadio (Bologna) - - BOLOGNA - lo.lo.

- Il su­ben­tro nu­me­ro cinque, nel­la car­rie­ra in pan­chi­na di Ro­ber­to Donadoni, è an­che quel­lo che, stan­do ai nu­me­ri, si pre­sen­ta come il ca­so più com­pli­ca­to, per­ché mai nei quat­tro pre­ce­den­ti il nuo­vo tec­ni­co ros­so­blù ave­va pre­so pos­ses­so di una squa­dra con una clas­si­fi­ca tan­to de­fi­ci­ta­ria da tro­var­si fra le ul­ti­me tre e, per­tan­to, vir­tual­men­te re­tro­ces­sa. Ma è ap­pun­to l'av­ver­bio che conta: vir­tua­le non si­gni­fi­ca rea­le, e ave­re a di­spo­si­zio­ne ven­tot­to gior­na­te vuol di­re dav­ve­ro po­ter ri­met­te­re in se­sto una si­tua­zio­ne a og­gi com­pro­mes­sa. An­che per­ché, ana­liz­zan­do lo sco­re di Donadoni da su­ben­tra­to, le sta­ti­sti­che par­la­no a suo fa­vo­re e sem­bra­no af­fer­ma­re che il tec­ni­co ber­ga­ma­sco pos­sa es­se­re l'uo­mo giu­sto per cam­bia­re l'iner­zia del­la sta­gio­ne. Li­vor­no, Na­po­li, Ca­glia­ri, Par­ma: i nu­me­ri di­co­no che Donadoni in tre ca­si su quat­tro ha mi­glio­ra­to il rendimento ot­te­nu­to dai suoi predecessori, non riu­scen­do nell'in­ten­to so­lo a Na­po­li, dove pe­rò ven­ne chia­ma­to a mar­zo inol­tra­to, con una ro­sa or­mai de­fi­ni­ta - a di­spo­si­zio­ne non ave­va nem­me­no più una fi­ne­stra di mer­ca­to per por­re ri­me­dio ad al­cu­ne si­tua­zio­ni - e una squa­dra che, di fat­to, pro­se­guì fa­cen­do so­stan­zial­men­te se­gna­re i ri­sul­ta­ti del­la ge­stio­ne pre­ce­den­te, quel­la di Re­ja, chiu­den­do do­di­ce­si­ma men­tre, pri­ma dell'in­se­dia­men­to del nuo­vo tec­ni­co, era un­di­ce­si­ma. Det­ta­gli di una sta­gio­ne me­dio­cre, se ci si chia­ma Na­po­li. RIN­COR­SA. Ne­gli al­tri ca­si, quan­do è su­ben­tra­to nel gi­ro­ne di an­da­ta, Donadoni ha por­ta­to a ter­mi­ne il com­pi­to con ot­ti­mi ri­sul­ta­ti. A Li­vor­no ri­le­vò Co­lom­ba con una squa­dra che co­mun­que non sta­va an­dan­do ma­le, ne au­men­tò il pas­so (1,25 pun­ti di me­dia a par­ti­ta ri­spet­to all'1,11 del tec­ni­co gros­se­ta­no) e chiu­se nel­la co­lon­na si­ni­stra del­la clas­si­fi­ca, men­tre a Ca­glia­ri (sta­gio­ne 2010-2011) ere­di­tò da Bi­so­li una si­tua­zio­ne piut­to­sto cri­ti­ca - se­di­ce­si­mo po­sto, 11 pun­ti in 12 par­ti­te - e fi­nì il cam­pio­na­to co­mo­da­men­te sal­vo. La sua me­dia pun­ti fu di 1,3 e, per di­re, se riu­scis­se a ri­pe­ter­la a Bo­lo- gna, la pro­ie­zio­ne a ora in poi por­te­reb­be a fi­ne cam­pio­na­to a 42-43 pun­ti, gras­so che co­la con­si­de­ran­do i 6 at­tua­li. Ed è in fon­do pro­prio quel­la di Ca­glia­ri l'espe­rien­za che più si av­vi­ci­na a quel­la at­tua­le, e non so­lo per que­stio­ni cro­ma­ti­che. L'ul­ti­ma vol­ta poi, fu un ca­po­la­vo­ro, sulla pan­chi­na del Par­ma, an­co­ra al po­sto di Co­lom­ba: ve­ro è che la squa­dra ave­va una ca­ra­tu­ra si­gni­fi­ca­ti­va, ma l'ac­ce­le­ra­zio­ne dell'era Donadoni fu dav­ve­ro im­pres­sio­nan­te.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.