BO­LO­GNA De­stro a le­zio­ne da al­tri bom­ber

Donadoni «Con me gli at­tac­can­ti han­no sem­pre se­gna­to». Da Ca­val­li a Prot­ti: è ve­ro

Corriere dello Sport Stadio (Bologna) - - BOLOGNA - Di Lo­ren­zo Lon­ghi BO­LO­GNA

Mat­tia De­stro che «non ha di­men­ti­ca­to come si fa», le pun­te che con lui «se­gna­no sem­pre», un'area più af­fol­la­ta per­ché co­sì le pos­si­bi­li­tà di an­da­re in gol au­men­ta­no: con­si­de­ran­do che dal­la B si­no ad og­gi uno dei guai del Bo­lo­gna è sta­ta la fa­se of­fen­si­va, spes­so asfit­ti­ca sia con Lo­pez che con Ros­si e so­stan­zial­men­te in­ca­pa­ce di ren­der­si pe­ri­co­lo­sa e an­da­re a re­te, Ro­ber­to Donadoni ha usa­to l'ot­ti­mi­smo per nor­ma­liz­za­re il pro­ble­ma. Ot­ti­mi­smo e fi­du­cia nel­la pro­pria fi­lo­so­fia di gio­co, come si con­vie­ne ad un al­le­na­to­re che, per an­ni, è sta­to cal­cia­to­re ec­cel­so, uno di quel­li che chis­sà quante vol­te ha mes­so i suoi (in­ve­ro spes­so su­bli­mi) com­pa­gni in porta. E al­lo­ra, ec­co spie­ga­te le ra­gio­ni del­la fi­du­cia, cor­ro­bo­ra­ta dal­la pra­ti­ca d'at­tac­co del­le sue squa­dre del pas­sa­to. BOM­BER. A Lec­co, qua­si quin­di­ci an­ni fa, era un al­tro mon­do, una ca­te­go­ria che nem­me­no si chia­ma più co­sì (C1, era il gi­ro­ne A) e il Donadoni tec­ni­co era un tren­tot­ten­ne al de­but­to in pan­chi­na: idea di cal­cio chia­ra, e tan­ta fi­du­cia in un gio­va­not­to che di an­ni ne ave­va ven­ti­due e che la sta­gio­ne pre­ce­den­te, a Car­ra­ra, ave­va se­gna­to 7 re­ti, Si- mo­ne Ca­val­li. Ne se­gne­rà 15, in quel Lec­co, e nel pro­sie­guo del­la car­rie­ra su­pe­re­rà quel­la ci­fra so­lo una vol­ta, a Ce­se­na, sem­pre in C1. Ca­val­li fu il pri­mo bom­ber di Donadoni, ma la sta­gio­ne se­guen­te, nel­la sua pri­ma espe­rien­za a Li­vor­no, il tec­ni­co tro­vò un ca­val­lo di raz­za, Igor Prot­ti, uno che di re­ti ne fe­ce 23 tut­te in una vol­ta: non è un ca­so che il suo no­me sia il più ver­ga­to sui mu­ri dell'Ar­den­za ma, al di là dell'in­di­scu­ti­bi­le fiu­to, Prot­ti si gio­vò an­che dei mo­vi­men­ti del­la fa­se of­fen­si­va. E Li­vor­no, quan­do Donadoni vi fe­ce ri­tor­no do­po la pa­ren­te­si ge­noa­na, gli re­ga­lò un al­tro bom­ber ve­ro: ec­co Cri­stia­no Lu­ca­rel­li che, in sta­gio­ne, se­gne­rà 24 re­ti (15 del­le qua­li con Donadoni) e, in quel­la se­guen­te, pri­ma dell'eso­ne­ro del tec­ni­co ber­ga­ma­sco, ne met­te­rà den­tro al­tre 11. La­scian­do da par­te la Na­zio­na­le e pu­re il Na­po­li, dove è ri­ma­sto trop­po po­co per in­ci­de­re, ec­co poi il Ca­glia­ri, con Ma­tri a re­te in 8 oc­ca­sio­ni du­ran­te il re­gno di Donadoni. GEN­TE IN AREA. Oc­chio: Ma­tri (11 re­ti to­ta­li in quel cam­pio­na­to) ave­va un com­pa­gno di re­par­to che, con Donadoni, an­dò a se­gno 7 vol­te (8 com­pre­so il pe­rio­do di Bi­so­li) e da al­lo­ra an­co­ra de­ve ri­tro- va­re quel fee­ling con la porta. No­me Ro­bert, co­gno­me Ac­qua­fre­sca, se­gni par­ti­co­la­ri: fe­li­cis­si­mo di ritrovare a Bo­lo­gna un al­le­na­to­re che di lui ha di­mo­stra­to di fi­dar­si e che lui ha ri­pa­ga­to con i gol. Ma al di là del ca­so spe­ci­fi­co, Donadoni ha par­la­to di più gen­te in area, e an­che qui il pas­sa­to dà sup­por­to. A Li­vor­no, ac­can­to a Lu­ca­rel­li se­gna­va­no an­che Cor­ra­do Co­lom­bo e Raf­fae­le Pal­la­di­no, co­sì come nel suo pri­mo Par­ma (quel­lo del su­ben­tro) ac­can­to al prin­ci­pe del gol Gio­vin­co (8 re­ti nei me­si di Donadoni) an­da­va­no a re­te an­che Floc­ca­ri, Bia­bia­ny e Oka­ka, 13 re­ti in tre in mez­za sta­gio­ne. Poi Amau­ri e Bel­fo­dil (9 e 8 gol) nel 2012-2013 con tan­ti gio­ca­to­ri a re­te (tra cui an­co­ra Pal­la­di­no) ma nes­su­no in dop­pia ci­fra, si­no a Cas­sa­no, 17 gol in un an­no e mezzo con Donadoni. E se il tec­ni­co do­ves­se dav­ve­ro riu­sci­re a ri­sol­ve­re il pro­ble­ma, ne ve­dre­mo del­le bel­le.

Tut­to ha avu­to ini­zio a Lec­co. E a Ca­glia­ri an­che Ac­qua­fre­sca al­la fi­ne ha ri­pa­ga­to la fi­du­cia del tec­ni­co

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.