L’Ir­lan­da all’Eu­ro­peo Fuo­ri Dze­ko e Pja­nic

De­ci­de la dop­piet­ta di Wal­ters: 2-0 Pri­mo gol se­gna­to su ri­go­re di­scus­so

Corriere dello Sport Stadio (Bologna) - - DA PRIMA PAGINA - Di Ales­san­dra Giar­di­ni BO­LO­GNA

In prin­ci­pio è una sto­ria co­me tan­te. Quel­la di un ra­gaz­zo che do­po il li­ceo sce­glie di an­da­re all’uni­ver­si­tà lon­ta­no da ca­sa, per usci­re dal gu­scio, per co­min­cia­re una vi­ta nuo­va, au­to­no­ma, in­di­pen­den­te. Mi­che­le Uva sce­glie, co­me mol­ti, Bo­lo­gna: da ca­sa sua, nel cen­tro in­can­ta­to di Ma­te­ra, so­no più di set­te­cen­to chi­lo­me­tri. «Vo­le­vo an­da­re lon­ta­no, fa­re un’espe­rien­za nuo­va. Ma nel­lo stes­so tem­po Bo­lo­gna non era del tut­to estra­nea. C’era già mio fra­tel­lo Al­do che stu­dia­va qui». Un bi­lo­ca­le nel cuo­re del quar­tie­re uni­ver­si­ta­rio, in via del Bor­go, le le­zio­ni al­la fa­col­tà di Far­ma­cia, scel­ta per­ché è l’at­ti­vi­tà di fa­mi­glia e c’è bi­so­gno di qual­cu­no che la por­ti avan­ti (al­la fi­ne non sa­rà lui, ma la più pic­co­la di ca­sa, Te­re­sa), gli ami­ci, lo sport. Che in quel mo­men­to è sol­tan­to pra­ti­ca­to. Lo sport è la pal­la­vo­lo, la squa­dra è la for­ma­zio­ne B del­la Zi­nel­la, a San Laz­za­ro: ci so­no i ra­gaz­zi che aspi­ra­no ad ar­ri­va­re un gior­no in pri­ma squa­dra e i vec­chi che han­no smes­so di gio­ca­re ad al­ti li­vel­li. «Ero un mo­de­sto gio­ca­to­re, mi re­si con­to dei miei li­mi­ti, ca­pii che non sa­rei mai ar­ri­va­to a gio­ca­re in Se­rie A, che por­ta­vo sol­tan­to via tem­po al­lo stu­dio». De­ci­de di smet­te­re e il pre­si­den­te del­la so­cie­tà, Gior­gio Bel­li, lo in­vi­ta a una par­ti­ta, al Pa­laDoz­za. «Per­ché non fai il re­spon­sa­bi­le del set­to­re gio­va­ni­le?». E’ il 1985, trent’an­ni fa. IL PAS­SA­TO. Co­min­cia co­sì, da un «per­ché no?» det­to per istin­to, una car­rie­ra che por­te­rà Mi­che­le Uva ai mas­si­mi li­vel­li di­ri­gen­zia­li del­lo sport. Pal­la­vo­lo, basket, cal­cio. Og­gi, a cin­quan­tun’an­ni ap­pe­na com­piu­ti, età in cui in Ita­lia sei an­co­ra un gio­va­ne ma­na­ger, Uva è il di­ret­to­re ge­ne­ra­le del­la Fe­der­cal­cio. E tor­na nel­la «sua» Bo­lo­gna per l’ami­che­vo­le fra l’Ita­lia e la Ro­ma­nia. «E’ sem­pre spe­cia­le ve­ni­re qui. Ho an­co­ra tan­tis­si­mi ami­ci, che han­no con­di­vi­so con me an­ni bel­lis­si­mi, in­di­men­ti­ca­bi­li. La pri­ma espe­rien­za da so­lo, il pri­mo im­pat­to con la vi­ta ve­ra. E poi l’in­con­tro con lo sport di­ri­gen­zia­le. Non ave­vo mai pen­sa­to che po­tes­se di­ven­ta­re il mio la­vo­ro». Nel set­to­re gio­va­ni­le del­la Zi­nel­la Uva ve­de au­men­ta­re in fret­ta le sue re­spon­sa­bi­li­tà. «Co­no­sce­vo l’in­gle­se, quel­la è sta­ta la chia­ve. Quan­do la Zi­nel­la pre­se il ca­na­de­se John Bar­rett co­min­ciai ad ave­re con­tat­ti con la pri­ma squa­dra. E poi fui coin­vol­to nell’or­ga­niz­za­zio­ne del­le due fi­na­li di Cop­pa Cev». In­tan­to dal set­to­re gio­va­ni­le ar­ri­va­va­no le pri­me sod­di­sfa­zio­ni, «lo scu­det­to Un­der 17 con­tro Fal­co­na­ra di Pao­li­ni e Pa­pi ri­ma­ne il suc­ces­so più bel­lo del­la mia car­rie­ra». IL FU­TU­RO. Uva ri­ma­ne a Bo­lo­gna fi­no al 1990. Lo no­ta­no i di­ri­gen­ti del­la Si­sley, e lo por­ta­no a Treviso. Gli an­ni del vo­lon­ta­ria­to so­no fi­ni­ti, in Ve­ne­to ar­ri­va il pri­mo sti­pen­dio e l’idea che lo sport può es­se­re una pro­fes­sio­ne. «Fi­no a quel mo­men­to ero an­co­ra con­vin­to che sa­rei tor­na­to a Ma­te­ra a fa­re il far­ma­ci­sta. Trent’an­ni fa non era ipo­tiz­za­bi­le una car­rie­ra da di­ri­gen­te spor­ti­vo. E’ sta­to ca­sua­le, e gra­dua­le. Ma gli an­ni di Bo­lo­gna, la pa­le­stra del vo­lon­ta­ria­to, so­no sta­ti es­sen­zia­li. Si la­vo­ra­va con pas­sio­ne, con de­di­zio­ne. Lì ho ca­pi­to che la pro­fes­sio­na­li­tà è più im­por­tan­te del pro­fes­sio­ni­smo. Bo­lo­gna mi ha an­che av­vi­ci­na­to al basket: la pal­la­vo­lo qui ha sem­pre com­bat­tu­to ad ar­mi im­pa­ri con la pal­la­ca­ne­stro, ma l’idea di po­li­spor­ti­vi­tà è im­por­tan­te. Il basket è sta­to un al­tro sport fon­da­men­ta­le nel­la mia vi­ta». Treviso, Par­ma, Ro­ma, «Bo­lo­gna è una giu­sta via di mez­zo fra Ma­te­ra, la cit­tà do­ve so­no na­to, e Ro­ma, la cit­tà in cui vi­vo». Og­gi il Bo­lo­gna ha una nuo­va pro­prie­tà e un fu­tu­ro che ap­pa­re so­li­do. «Ho co­no­sciu­to Joey Sa­pu­to, e mi è pia­ciu­ta mol­to la sua chia­rez­za. Per uno che vie­ne dall’al­tra par­te del mon­do po­te­va non es­se­re fa­ci­le en­tra­re in un mon­do co­me quel­lo del cal­cio ita­lia­no, ma Clau­dio Fe­nuc­ci è la per­so­na giu­sta per dar­gli tut­te le chia­vi. C’è un bi­so­gno as­so­lu­to di gen­te che por­ti qual­co­sa di nuo­vo da fuo­ri: non sol­tan­to a li­vel­lo eco­no­mi­co, ma so­prat­tut­to a li­vel­lo di men­ta­li­tà. Ab­bia­mo ne­ces­si­tà di un cal­cio cre­di­bi­le e so­ste­ni­bi­le, e vo­glia­mo te­sti­mo­niar­lo an­che fuo­ri dall’Ita­lia. Aver por­ta­to la Na­zio­na­le a Bo­lo­gna è an­che un ri­co­no­sci­men­to all’in­ve­sti­men­to che Sa­pu­to ha fat­to nel cal­cio ita­lia­no».

«Que­sta par­ti­ta è un gra­zie per l’im­pe­gno di Sa­pu­to Per me tor­na­re è sem­pre spe­cia­le»

La gio­ia de­gli ir­lan­de­si per il pass agli Eu­ro­pei

GETTY IMAGES

Mi­che­le Uva, 51 an­ni, lu­ca­no, si è lau­rea­to in Far­ma­cia all’uni­ver­si­tà di Bo­lo­gna

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.