L’agen­te di Ca­ce­res «E’ mol­to sor­pre­so»

Fon­se­ca: «Non era ubria­co: ha brin­da­to a una fe­sta con ami­ci, ma l’al­col-te­st...»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Juventus-siviglia 2-0 - Di Fi­lip­po Bon­si­gno­re

Ca­ce­res è ri­sul­ta­to po­si­ti­vo all’al­col te­st, sep­pu­re per va­lo­ri di po­co su­pe­rio­ri ai li­mi­ti con­sen­ti­ti, ma tan­to è ba­sta­to per il ri­ti­ro del­la pa­ten­te, il fer­mo am­mi­ni­stra­ti­vo dell’au­to per sei me­si e le mul­te, una com­mi­na­ta dal­la Po­li­zia Stra­da­le di To­ri­no e l’al­tra dal­la so­cie­tà bian­co­ne­ra, che si è ag­giun­ta al­la so­spen­sio­ne dall'at­ti­vi­tà ago­ni­sti­ca. «Il gio­co del cal­cio è uno sport di squa­dra do­ve bi­so­gna ri­spet­ta­re i do­ve­ri di una co­mu­ni­tà. Chi sba­glia è giu­sto che pa­ghi: cer­ta­men­te ci so­no del­le at­te­nuan­ti, ma ab­bia­mo de­ci­so di pren­de­re del­le de­ci­sio­ni for­ti in un mo­men­to dif­fi­ci­le. La so­cie­tà de­ve da­re un’im­ma­gi­ne al­la squa­dra, per­ché spes­so si di­ce che la squa­dra sia lo spec­chio del­la so­cie­tà». Pa­ro­le di Ma­rot­ta.

RI­CO­STRU­ZIO­NE. Fon­se­ca, ex at­tac­can­te, tra gli al­tri, di Ju­ven­tus, Ro­ma e Na­po­li, ri­co­strui­sce co­sì a Sky la se­ra­ta del di­fen­so­re bian­co­ne­ro. «Mar­tin era a ce­na da al­cu­ni ami­ci, fe­steg­gia­va­no un com­plean­no - spie­ga ai mi­cro­fo­ni di Sky -. Si sa co­me va in que­ste si­tua­zio­ni, ma­ga­ri si brin­da, si be­ve un po’ di cham­pa­gne e og­gi ap­pe­na si be­ve si ri­sul­ta su­bi­to po­si­ti­vi all’al­col te­st. Si è mes­so al­la gui­da di una Fer­ra­ri, non è tan­to esper­to e ha per­so il con­trol­lo a cau­sa del­la piog­gia. Si­cu­ra­men­te non era ubria­co, nel­la sua car­rie­ra ha sem­pre di­mo­stra­to di ave­re gran­de pro­fes­sio­na­li­tà, in al­le­na­men­to ci met­te l'ani­ma. So­no epi­so­di che pos­so­no ca­pi­ta­re, il gio­ca­to­re è mol­to di­spia­ciu­to, spe­ria­mo fi­ni­sca tut­to pre­sto. La Ju­ven­tus ha mes­so Mar­tin fuo­ri ro­sa e ha tut­te le ra­gio­ni del mon­do. Mar­tin è mol­to sor­pre­so ma è un di­pen­den­te e de­ve ac­cet­ta­re le de­ci­sio­ni del­la so­cie­tà. Ades­so con un po' di tem­po è giu­sto che su­pe­ri an­che que­sto epi­so­dio». L'en­ti­tà del­la so­spen­sio­ne si de­ve an­co­ra co­no­sce­re.

AN­SA

Mar­tin Ca­ce­res

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.