So­le­ri, il gi­ra­mon­do che guar­da Dze­ko dall’al­to

Un gi­gan­te non an­co­ra mag­gio­ren­ne ma dal ca­rat­te­re d’ac­cia­io: ec­co la mos­sa di­spe­ra­ta di Gar­cia a Bo­ri­sov

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Roma - Di Mar­co Evan­ge­li­sti RO­MA

Lì bi­so­gna­va an­dar­lo a pren­de­re un cen­tra­van­ti più al­to di Edin Dze­ko, un me­tro e 94 con­tro 93, lì nel­la Pri­ma­ve­ra, e por­tar­lo in pan­chi­na do­ve tut­ti i gat­ti so­no scu­ri e tut­ti sem­bra­no lun­ghi al­lo stes­so mo­do. E poi suc­ce­de che Edoar­do So­le­ri deb­ba en­tra­re con­tro il Ba­te Bo­ri­sov per­ché man­ca­no due mi­nu­ti al­la fi­ne di tut­to, an­che del re­cu­pe­ro, e con un gol da ri­mon­ta­re può suc­ce­de­re qual­co­sa, un’ap­pa­ri­zio­ne, un mi­ste­ro gau­dio­so.

Non suc­ce­de per­ché al­cu­ne se­ra­te so­no im­per­mea­bi­li al­la gio­ia, pe­rò So­le­ri pro­va a scar­di­na­re il pie­de di un di­fen­so­re e per un pa­io di cen­ti­me­tri non ar­ri­va a ti­ra­re in por­ta e a quel pun­to chi può sa­per­lo co­me s’in­ver­te la rot­ta del mon­do. A di­cias­set­te an­ni, qua­si di­ciot­to via, non hai nean­che bi­so­gno di se­gna­re un gol del pa­reg­gio.Ma­ga­ri ti ba­sta es­ser­ci, op­pu­re no, per­ché i cal­cia­to­ri so­no gen­te par­ti­co­la­re e So­le­ri è più par­ti­co­la­re di al­tri. E’ uno che al pa­dre che cer­ca di con­vin­cer­lo a smet­te­re per­ché tan­to gli al­le­na­to­ri pen­sa­no ad al­tro e ad al­tri ri­spon­de: «Non so­no un per­den­te». Ha ca­pi­to che ne­gli al­lie­vi il tec­ni­co Ro­ber­to Muz­zi non lo sta igno­ran­do, sta so­lo aspet­tan­do il mo­men­to giu­sto, quel­lo in cui il me­tro e 94 da im­pic­cio di­ven­ta ar­ma le­ta­le e to­ta­le.

Di pas­so in pas­so e di ca­te­go­ria in ca­te­go­ria So­le­ri è ar­ri­va­to al­la Cham­pions Lea­gue, spre­co di ener­gie fi­si­che in pan­chi­na men­tre in cam­po ven­go­no sbal­za­ti via tre uo­mi­ni fat­ti che quan­do han­no stret­to la ma­no all’ar­bi­tro han­no do­vu­to al­za­re lo sguar­do. Non sa­pe­va­no nep­pu­re esat­ta­men­te co­me si chia­mas­se quel ra­gaz­zo e sul­la so­vrim­pres­sio­ne te­le­vi­si­va è ap­par­so sol­tan­to il co­gno­me, So­le­ri. Fac­cia­mo fin­ta sia sta­to un vez­zo su­da­me­ri­ca­no, da­to che Edoar­do è na­to a Ro­ma ma a tre me­si si è tra­sfe­ri­to a Bue­nos Ai­res per via del la­vo­ro del pa­dre, al­lo­ra ma­na­ger del­la Te­le­com. E nel 2001 per il me­de­si­mo mo­ti­vo a San Pao­lo del Bra­si­le, pur­ché non gli to­glia­te il cal­cio e da quel­le par­ti non c’è pe­ri­co­lo. Dal bar­rio Pa­ler­mo in Argentina al­la scuo­la cal­cio del Joc­key Club bra­si­lia­no. E quan­do nel 2005 tor­na in Ita­lia va al Fùt­bol Club, do­ve lo al­le­na Ro­ber­to Ba­ro­nio, già cen­tro­cam­pi­sta del­la La­zio.

Lì c’è un pre­si­den­te che si chia­ma Ber­ga­mi­ni, c’è Di Li­vio che gi­ra per i cam­pi e c’è Bru­no Con­ti che ha un fi­lo di­ret­to con en­tram­bi. Nel 2011 So­le­ri pas­sa al­la Ro­ma. Vuo­le gio­ca­re sul­la tre­quar­ti. In­ve­ce Muz­zi lo guar­da dai pie­di al­la te­sta e dal­la te­sta ai pie­di e quan­do, pa­rec­chio tem­po do­po, ha fi­ni­to di guar­dar­lo lo met­te di pun­ta ac­can­to a Ca­lì.

Il tem­po pas­sa, Ca­lì ora è al­la Pri­ma­ve­ra del­la La­zio, So­le­ri al­la Pri­ma­ve­ra del­la Ro­ma do­ve lo chia­ma­no il Fred­do per­ché il co­gno­me è quel­lo di un per­so­nag­gio di Ro­man­zo Cri­mi­na­le. Al­tri lo chia­ma­no Edo. L’Ue­fa no, ma da­te­le tem­po e lo co­no­sce­rà.

L’in­fan­zia pas­sa­ta tra Argentina e Bra­si­le, il ri­tor­no e quel so­pran­no­me da ve­ro cat­ti­vo

MO­RI­NI

Edoar­do So­le­ri, 18 an­ni il pros­si­mo 19 ot­to­bre

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.