SOU­SA «Fio­ren­ti­na, vo­la an­che in Eu­ro­pa»

«Vo­glia­mo ri­scat­ta­re la pri­ma scon­fit­ta in Cop­pa»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Belenenses-fiorentina(ore19) - Di Ales­san­dro Rial­ti INVIATO A LI­SBO­NA

So­le, lo stadio ci­vet­tuo­lo ada­gia­to sul Ta­go che tie­ne prez­zi strac­cia­ti: bi­gliet­ti da 7,5 eu­ro al mas­si­mo di 15, per fa­re il pie­no e spe­ra­re nel­la gran­de im­pre­sa del Be­le­nen­ses. Pu­re qui scio­pe­ro dei tas­si­sti e caos ge­ne­ra­le. Con­fe­ren­za stam­pa di Pau­lo Sou­sa che geo­gra­fi­ca­men­te gio­ca in ca­sa (ex Spor­ting e Ben­fi­ca) co­sì co­me era suc­ces­so con il Ba­si­lea e che, per la ve­ri­tà, gli ha por­ta­to po­chis­si­ma for­tu­na. An­zi Sou­sa de­ve re­pli­ca­re in Cop­pa quel­lo che per ades­so sta fa­cen­do, be­nis­si­mo, in cam­pio­na­to do­ve è il re as­so­lu­to.

PAR­LA PAU­LO. «Tec­ni­co del mo­men­to? No, mi sen­to so­lo con mag­gio­re re­spon­sa­bi­li­tà, ma nei mo­men­ti più bel­li non de­vi per­de­re la con­cen­tra­zio­ne per­ché so­lo co­sì puoi con­ti­nua­re a mi­glio­ra­re. Vi­ce­ver­sa sei fre­ga­to». Co­me sem­pre ge­li­do, una la­ma. «Be­le­nen­ses è un club che nel­la sua sto­ria ha avu­to mo­men­ti dif­fi­ci­li, pe­rò ha sa­pu­to reg­ge­re e an­da­re avan­ti. E' una squa­dra or­ga­niz­za­ta, che gio­ca con gran­de grin­ta, co­me grin­to­so è il suo al­le­na­to­re, vo­glio­no re­ci­ta­re un ruo­lo in Eu­ro­pa. Noi ci dob­bia­mo ri­cor­da­re del­la no­stra pri­ma scon­fit­ta in Cop­pa: dun­que gran­de in­ten­si­tà ago­ni­sti­ca, per cer­ca­re di ri­spon­de­re su­bi­to sul cam­po». GRAN­DE RESPONSABI­LITA'. Con­cen­tra­zio­ne, mas­si­ma, bat­ta­glia, per tor­na­re su­bi­to in cor­sa nel gi­ro­ne. Una bat­tu­ta su Ron­ca­glia che ha an­co­ra un po' di do­lo­re e Sou­sa di­ce che la de­ci­sio­ne sa­rà pre­sa so­lo in ex­tre­mis («Non è un ve­ro e pro­prio in­for­tu­nio, va­lu­te­re­mo col pas­sa­re del­le ore»). Pre­tat­ti­ca sem­pre e co­mun­que. Sul­la co­per­ta cor­ta del­la di­fe­sa: «Ab­bia­mo pro­va­to al­tre so­lu­zio­ni». Mol­la un po­chi­no so­lo quan­do par­la di Ros­si: «Pe­pi­to ha mol­te pos­si­bi­li­tà di gio­ca­re». Uni­ca con­ces­sio­ne nel­la sua for­mi­da­bi­le ra­gna­te­la di ve­dia­mo-for­se-ve­dia­mo. Ma Ros­si ci sa­rà, al­me­no que­sta lo fa ca­pi­re. For­se. «Vo­glia­mo re­cu­pe­ra­re quel­lo che ab­bia­mo per­so nel­la pri­ma ga­ra con il Ba­si­lea, ab­bia­mo bi­so­gno di vin­ce­re, dob­bia­mo as­so­lu­ta­men­te im­por­re il no­stro gio­co». E' qua­si una pro­mes­sa, la gran­de de­ter­mi­na­zio­ne di chi vuol as­so­lu­ta­men­te di­ven­ta­re pro­ta­go­ni­sta in Eu­ro­pa. Fe­li­ce di ri­tro­va­re

un ami­co co­me Sa Pin­to.

PRI­MI. Ov­vie le do­man­de sul­la Fio­ren­ti­na pri­ma in clas­si­fi­ca e sul suo ruo­lo, nuo­vo, nel cam­pio­na­to ita­lia­no. «Io cer­co so­lo di es­se­re me stes­so e di tra­smet­te­re i miei va­lo­ri, co­me quel­lo del la­vo­ro e l'uni­tà, che ti per­met­te di an­da­re avan­ti più for­ti. Pen­so an­che a tra­smet­te­re l'amo­re che ho per il cal­cio, la mia gran­de pas­sio­ne e l'im­por­tan­za dell'uni­tà del grup­po». Poi sul cam­pio­na­to (ar­ri­va l'Ata­lan­ta) e la Cop­pa, in Por­to­gal­lo, qua­le è più im­por­tan­te. Qui la ri­spo­sta è de­ci­sa, sen­za al­cu­na esi­ta­zio­ne: «Quel­la di do­ma­ni (og­gi, ndi) è la par­ti­ta più im­por­tan­te». Nes­su­na bat­tu­ta su­gli av­ver­sa­ri, per ri­spet­to. Ma quel­lo che più con­ta re­sta la «ne­ces­si­tà» di rea­gi­re su­bi­to in Eu­ro­pa, la ga­ra di og­gi con­ta, più di ogni al­tra. Per que­sto al­la sua squa­dra ha chie­sto la bat­ta­glia del­le bat­ta­glie.

«Il Be­le­nen­ses gio­ca con grin­ta e or­ga­niz­za­zio­ne Ai miei gio­ca­to­ri chie­do in­ten­si­tà»

«Io il tec­ni­co del mo­men­to? Sen­to sol­tan­to più re­spon­sa­bi­li­tà Ros­si sa­rà ti­to­la­re»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.