Ba­ba­car c’è Be­ne Ve­ci­no Se­pe ri­po­sa

Ber­nar­de­schi se­gna e in­ven­ta Asto­ri e To­mo­vic so­no un mu­ro

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Belenenses-fiorentina 0-4 - Di Ales­san­dro Rial­ti

SOU­SA (ALL.) 7

Vo­le­va vin­ce­re in Cop­pa, vo­le­va vin­ce­re nel suo Por­to­gal­lo, vo­le­va vin­ce­re co­me in Cam­pio­na­to e la sua squa­dra non lo de­lu­de. E’ una Fio­ren­ti­na pa­zien­te e pragmatica, una squa­dra che fa quel­lo che de­ve. Non si con­ce­de spet­ta­co­lo e di­ver­ti­men­to? Vin­ce­re è di­ver­ten­te, co­me nes­sun’al­tra co­sa. E ades­so c’è il cam­pio­na­to. Pri­ma l’Ata­lan­ta e suc­ces­si­va­men­te Na­po­li e Ro­ma. Lì l’esa­me fi­na­le che pro­ba­bil­men­te fa­rà ca­pi­re al­la squa­dra do­ve po­trà ar­ri­va­re.

BA­BA­CAR 7

A lun­go Pau­lo Sou­sa lo ri­chia­ma, vor­reb­be par­te­ci­pas­se al gio­co co­me fa Ka­li­nic. Ma Ba­ba è...Ba­ba. Pe­rò quan­do la por­ta è vi­ci­na lui non sba­glia, an­che con il con­cor­so di al­tri. Brut­ti? So­no sem­pre gol pe­san­ti.

BER­NAR­DE­SCHI 7

Se­gna il gol che met­te sot­to la Be­le­nen­ses. Non lo ten­go­no con le buo­ne ma­nie­re. Lui sa sem­pre quel­lo che de­ve fa­re, an­che fos­se un sem­pli­ce ap­pog­gio.

VE­CI­NO 7

For­se la ri­ve­la­zio­ne del cam­pio­na­to vio­la e an­che ol­tre. Ta­len­to gio­va­ne e con la pos­si­bi­li­tà di cre­ce­re all’om­bra di un mae­stro qual è Pau­lo Sou­sa, che non ha vo­lu­to ce­der­lo al Na­po­li du­ran­te l’ul­ti­ma fi­ne­stra di mer­ca­to.

ROS­SI 6,5

Pa­re un po’ il sol­da­ti­no di piom­bo. Bra­vis­si­mo a ese­gui­re ogni ri­chie­sta del tec­ni­co, ma pe­san­te. Ha an­co­ra bi­so­gno di la­vo­ra­re sul­la ra­pi­di­tà. Ma quan­do ha l’oc­ca­sio­ne giu­sta tor­na il Fe­no­me­no e se­gna. Co­me sa fa­re lui, da cam­pio­ne. Ora ri­tro­va­to.

TO­MO­VIC 6,5

De­via di te­sta sul­la tra­ver­sa una del­le po­che oc­ca­sio­ni por­to­ghe­si. Per il re­sto par­te­ci­pa al­la chiu­su­ra er­me­ti­ca del re­par­to, che si sta con­fer­man­do par­ti­ta do­po par­ti­ta.

ASTO­RI 6,5

Sem­pre più a suo agio. In net­to pro­gres­so, uti­lis­si­mo. Po­treb­be fi­nal­men­te tro­va­re con­ti­nui­tà.

ALON­SO 6,5

De­ve ba­da­re più a di­fen­de­re che a far par­ti­re le sue lun­ghe le­ve in at­tac­co. Or­di­na­to, pre­ci­so.

M. SUA­REZ 6

Pro­gres­si, da una sua azio­ne ca­par­bia na­sce lo 0-2, non è an­co­ra il guar­dia­no del­la di­fe­sa che vor­reb­be il tec­ni­co vio­la, ma sta en­tran­do pro­gres­si­va­men­te nel­la par­te. Può so­lo mi­glio­ra­re.

MA­TI FER­NAN­DEZ 6

Nel pri­mo tem­po è fra i più vi­va­ci, qua­si fre­ne­ti­co. Uti­le ma non ispi­ra­to co­me nei suoi mo­men­ti mi­glio­ri. Co­mun­que sem­pre il...do­di­ce­si­mo ti­to­la­re co­me lo ave­va de­fi­ni­to Mon­tel­la.

BA­DE­LJ 6

Co­me sem­pre of­fre una ma­no lad­do­ve ce n’è bi­so­gno.

RE­BIC 6

Ga­ra di gran­de par­te­ci­pa­zio­ne e di­spen­dio di ener­gie. Que­sta vol­ta sul­la fa­scia de­stra, cor­re per due. E’ esat­ta­men­te quel­lo che gli chie­de Sou­sa e lui ese­gue. Ub­bi­dien­te e po­si­ti­vo.

SE­PE 6

Può sta­re tran­quil­lo a per­fe­zio­na­re l’ab­bron­za­tu­ra.

AN­SA

Giu­sep­pe Ros­si, 28 an­ni, os­ser­va il suo ti­ro fi­ni­re in por­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.