Du­ran­te la ge­stio­ne pre­ce­den­te fu di­ret­to­re del­la ra­dio uf­fi­cia­le: «Ma non era­no se­ri...»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Parma - PAR­MA

Sca­la, Mi­not­ti, Apol­lo­ni. I pro­ta­go­ni­sti del gran­de Par­ma di ini­zio an­ni No­van­ta per far ri­na­sce­re il club nau­fra­ga­to nel ma­re di de­bi­ti del­la ge­stio­ne Ghi­rar­di-Leo­nar­di. Non so­lo: an­che Piz­zi, Ga­las­si, Mor­ro­ne, Ba­ro­ne, Do­na­ti. Ora po­treb­be ag­gre­gar­si al­la nuo­va squa­dra di­ri­gen­zia­le e tec­ni­ca un al­tro ex gial­lo­blu, uno che nel Du­ca­to vin­se una cop­pa Ita­lia, una cop­pa del­le cop­pe, una Ue­fa e una su­per­cop­pa eu­ro­pea. Il pri­mo gio­ca­to­re del Par­ma a ve­sti­re la ma­glia del­la na­zio­na­le ita­lia­na. Al­ber­to Di Chia­ra si di­ce pron­to ad un in­ca­ri­co nel­la so­cie­tà na­ta in esta­te. «Ho da­to la mia di­spo­ni­bi­li­tà, cre­do sia im­por­tan­te da­re un con­tri­bu­to. Le por­te so­no aper­te». Pa­ro­le dell'ex ter­zi­no, che mer­co­le­dì ha fat­to un sal­to al Tar­di­ni in oc­ca­sio­ne del­la ga­ra di cop­pa Ita­lia di se­rie D tra Par­ma e Ri­bel­le. Di Chia­ra ha se­gui­to la par­ti­ta dal­la tri­bu­na, se­du­to al fian­co dell'ami­co Mi­not­ti. Sul­le pol­tron­ci­ne vi­ci­ne al­tri di­ri­gen­ti del club. So­lo una vi­si­ta di cor­te­sia per sa­lu­ta­re vec­chi ami­ci? Di Chia­ra drib­bla la que­stio­ne, ma di cer­to a mar­gi­ne del mat­ch si è se­du­to a ta­vo­la con lo stes­so Mi­not­ti e so­prat­tut­to col pre­si­den­te Sca­la. Una lun­ga chiac­chie­ra­ta per ta­sta­re con ma­no la nuo­va real­tà spor­ti­va, un pro­get­to uni­co in Ita­lia all'in­se­gna del cal­cio pu­li­to.

SO­NO PRON­TO. «Ho ri­vi­sto tut­ti, mi ha fat­to mol­to pia­ce­re» spie­ga Di Chia­ra a Ra­dio Par­ma. «Vo­le­vo ca­pi­re da vi­ci­no com'è la nuo­va so­cie­tà sot­to tut­ti i pun­ti di vi­sta. Il club si sta svi­lup­pan­do, a li­vel­lo strut­tu­ra­le azio­ni­sti co­me Ba­ril­la so­lo que­stio­ne di tem­po. È lo stes­so Di Chia­ra ad apri­re al­la pos­si­bi­li­tà, pur non dan­do nul­la per cer­to: «Quan­do si for­ma un bel grup­po, co­me era sta­to fat­to ne­gli an­ni No­van­ta, si pos­so­no rag­giun­ge­re tut­ti gli obiet­ti­vi di que­sto

Per Al­ber­to Di Chia­ra un in­ca­ri­co nel Par­ma non sa­reb­be una no­vi­tà. Du­ran­te la pre­ce­den­te ge­stio­ne fu di­ret­to­re del­la ra­dio uf­fi­cia­le del club, pre­sen­tò al fian­co dell'ex ad Leo­nar­di il lo­go del Par­ma per il cen­te­na­rio. Ora spie­ga: «Cre­do che in un club la co­mu­ni­ca­zio­ne sia fon­da­men­ta­le, il sa­per par­la­re al mo­men­to giu­sto. Se pos­so da­re un con­tri­bu­to con la mia espe­rien­za, ben vo­len­tie­ri». Di Chia­ra, co­me tan­ti, è ri­ma­sto scot­ta­to dal­la ge­stio­ne Ghi­rar­di: «Sì, è co­sì. La si­tua­zio­ne si ca­pi­sce al vo­lo quan­do non c'è se­rie­tà d'in­ten­ti. Si può an­che sba­glia­re, ma in buo­na fe­de. Il pro­ble­ma è che spes­so in Ita­lia le so­cie­tà so­no pre­se da im­pren­di­to­ri av­ven­tu­rie­ri

GETTY IMAGES

Fa­bio Lau­ria, 29 an­ni, se­gna il 2° gol con­tro la Ri­bel­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.