E’ un Hi­guain mai vi­sto «Ora non vo­glio fer­mar­mi»

È il suo mi­glior av­vio di sta­gio­ne: «Sar­ri mi fa sen­ti­re im­por­tan­te. Sia­mo una squa­dra so­li­da, stia­mo cre­scen­do»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Fiorentina - Di An­to­nio Gior­da­no INVIATO A MI­LA­NO

E quan­do s’è pre­so il pal­lo­ne che ha co­min­cia­to a pen­sa­re di sco­va­re nell’«io» più pro­fon­do d’un ta­len­to son­tuo­so, per­ché l’idea, i ge­ni, san­no co­me an­dar­la a sca­va­re nel nul­la. Hi­guain si è mes­so a dan­za­re, ha ac­ca­rez­za­to la sfe­ra e poi, pum, in­ter­no-col­lo, con pa­ra­bo­la che sca­te­na im­pro­ba­bi­li pa­ra­go­ni. «Non so se è il più bel­lo, ma è uno dei più bel­li». Un fo­to­gram­ma in­can­cel­la­bi­le, che il cal­cio è tor­na­to a di­ve­ni­re l’in­can­to, una fol­go­ran­te rap­pre­sen­ta­zio­ne da re­sta­re stu­pi­ti: «Mam­ma mia...». Per­ché ci so­no pro­dez­ze che re­sta­no nell’im­ma­gi­na­rio col­let­ti­vo, e ora che Le­gia Var­sa­via-Na­po­li è sem­pli­ce­men­te un det­ta­glio esi­sten­zia­le, il pa­ra­gra­fo d’un an­no in­te­ro, stac­car­si dai vi­deo - sui so­cial - o de­ru­bri­ca­re quel ca­po­la­vo­ro co­me sem­pli­cis­si­mo gol sa di sciat­te­ria. «Mi sen­to be­ne, fi­si­ca­men­te e nel­la te­sta; so­no fe­li­ce e la con­di­zio­ne mi aiu­ta: ora non

ho vo­glia di fer­mar­mi».

SUPERBOMBE­R. La sin­te­si è in quel ge­sto. Ma il re­sto, in­ve­ce, è nei nu­me­ri, nel­la lo­ro ani­ma ri­bel­le che ri­vol­ta­no le abi­tu­di­ni e tra­sfor­ma­no le «fal­se» par­ten­ze in uno scat­to ful­mi­nan­te, cin­que re­ti che con­ten­go­no le dop­piet­ta al­la Samp e al­la La­zio e quel graf­fio al­la Vec­chia Si­gno­ra. «Ma ades­so bi­so­gna con­ti­nua­re. La vit­to­ria di Var­sa­via ci av­vi­ci­na ad un obiet­ti­vo - va­le a di­re qua­li­fi­car­si il pri­ma pos­si­bi­le in Eu­ro­pa Lea­gue - ed è sta­to un suc­ces­so im­por­tan­te, per­ché ha con­fer­ma­to la no­stra so­li­di­tà. Pe­rò do­ma­ni ci aspet­ta il Mi­lan, un club che ha una sto­ria im­po­nen­te, un’av­ver­sa­ria di as­so­lu­to va­lo­re: e dob­bia­mo di­mo­stra­re, par­ti­ta do­po par­ti­ta, che sia­mo gran­di».

SES­SAN­TA. Si scri­ve el Pi­pi­ta e si ri­leg­go­no i suoi due an­ni stra­to­sfe­ri­ci con Be­ni­tez, 54 gol, una cop­pa Ita­lia e una Su­per­cop­pa e (so­prat­tut­to) la sua «enor­mi­tà», con lo spes­so­re di chi è vis­su­to nel­la ca­sa blan­ca e può con­ce­de­re il fa­sci­no di sé. E’ sta­to bel­lo, dia­mi­ne, si­no al set­tan­te­si­mo di Na­po­li-La­zio, si­no a quel ri­go­re fi­ni­to nel­le neb­bie. «Ma quel­lo è il pas­sa­to e bi­so­gna guar­da­re avan­ti. Ades­so stia­mo vi­ven­do una nuo­va espe­rien­za im­por­tan­te e noi la­vo­ran­do pos­sia­mo far me­glio».

LUI E SAR­RI. Sei vol­te Hi­guain, ab­bat­ten­do il mu­ro (an­ti­pa­ti­co) del­la sta­ti­sti­ca di ini­zio sta­gio­ne e spar­gen­do ovun­que le trac­ce di un gio­ca­to­re stel­la­re. «Ho un ot­ti­mo rap­por­to con Sar­ri, che nel­le pri­me set­ti­ma­ne mi è sem­pre sta­to al fian­co, fa­cen­do­mi sen­ti­re im­por­tan­te. Il suc­ces­so di Var­sa­via può di­ven­ta­re fon­da­men­ta­le per la qua­li­fi­ca­zio­ne, l’ab­bia­mo ot­te­nu­to su un cam­po dif­fi­ci­le. E il gol, vab­bè: mi han­no da­to la pal­la, ho aspet­ta­to il mo­men­to giu­sto per ti­ra­re e per for­tu­na è an­da­ta be­ne». Sem­pli­ce­men­te fan­ta­sti­co...

MO­SCA

Gon­za­lo Hi­guain, 27 an­ni, do­po il gol al Le­gia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.