Ba­rça in pie­na emer­gen­za

Con il Si­vi­glia sen­za Mes­si, Ver­mae­len, Ra­fi­n­ha e Inie­sta

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Estero - Di An­drea De Pau­li BARCELLONA LON­DRA

Por­ta­ti a ca­sa, in set­ti­ma­na, tre fa­ti­co­sis­si­mi pun­ti con­tro il Bayer Le­ver­ku­sen nel grup­po E di Cham­pions, in cui è im­pe­gna­ta an­che la Ro­ma, Luis En­ri­que si guar­da at­tor­no, per ca­pi­re a chi af­fi­dar­si nel­la de­li­ca­ta sfi­da del San­chez Pi­z­juan con il Si­vi­glia. In real­tà, non è che se la pas­si mol­to me­glio il col­le­ga Eme­ry, usci­to mal­con­cio dal Ju­ven­tus Sta­dium e a sua vol­ta per­se­gui­ta­to da­gli in­for­tu­ni, ma il nu­me­ro di le­sio­ni ec­cel­len­ti sof­fer­te ul­ti­ma­men­te dai blau­gra­na sem­bra pre­oc­cu­pa­re pa­rec­chio un Lu­cho ap­par­so piut­to­sto ir­ri­ta­bi­le, nel­le con­fe­ren­za stam­pa del­la vi­gi­lia. L'ex tec­ni­co gial­lo­ros­so, a quan­to sem­bra, è com­bat­tu­to tra la ten­ta­zio­ne di spre­me­re qual­che in­toc­ca­bi­le, con il fi­ne di­chia­ra­to di ap­pro­fit­ta­re del der­by di Ma­drid di do­ma­ni se­ra per di­stan­zia­re di qual­che pun­to al­me­no una del­le due con­cor­ren­ti, e il più ra­gio­ne­vo­le pia­no di far ri­fia­ta­re al­me­no un pa­io di gio­ca­to­ri usci­ti piut­to­sto af­fa­ti­ca­ti dal tour de for­ce di set­te par­ti­te nel gi­ro di ven­ti gior­ni se­gui­to all'ul­ti­ma so­sta im­po­sta dal­le Na­zio­na­li.

DE­CI­MA­TI. Ol­tre a Leo Mes­si, Ver­mae­len e Ra­fi­n­ha, Luis En­ri­que per un po’ di tem­po non po­trà con­ta­re nep­pu­re su Inie­sta, mes­so ko dall’en­ne­si­mo pro­ble­ma mu­sco­la­re sof­fer­to dal­la ro­sa ca­ta­la­na in que­sto com­pli­ca­tis­si­mo av­vio di sta­gio­ne. Per col­pa di no­ie si­mi­li, in­fat­ti, si era­no già fer­ma­ti in pre­ce­den­za an­che Dou­glas, Da­ni Al­ves e Jor­di Al­ba, che fa­ti­co­sa­men­te stan­no ri­tro­van­do la mi­glior con­di­zio­ne, esat­ta­men­te co­me Ney­mar, che per non far­si man­ca­re nul­la, ad ago­sto, si è fat­to an­che una de­ci­na di gior­ni a let­to con gli orec­chio­ni. «I ti­to­li si vin­co­no per me­ri­to dell’in­te­ra ro­sa, non so­lo gra­zie a un pa­io di in­di­vi­dua­li­tà», il com­men­to pic­ca­to del tec­ni­co astu­ria­no di fron­te all’emer­gen­za. «E’ ov­vio, pe­rò, che gio­ca­re con Mes­si o me­no cam­bia un po’ le co­se». Gli ri­cor­da­no i mu­gu­gni pa­le­sa­ti in esta­te, a cau­sa del­la tour­née a stel­le e stri­sce. «Non ha sen­so pen­sar­ci ora. L’al­le­na­to­re del Ba­rça può pen­sa­re so­lo al pre­sen­te». Non ri­ma­ne che con­so­lar­si con il re­cu­pe­ro di Clau­dio Bra­vo e Adria­no e con l’ot­ti­mo sta­to di for­ma di Luis Sua­rez, de­ci­si­vo an­che mar­te­dì con­tro il Bayer. «Per noi è un gio­ca­to­re fon­da­men­ta­le. Si fa tro­va­re sem­pre pron­to nei mo­men­ti com­pli­ca­ti». Una mez­za be­ne­di­zio­ne, quin­di, che sia il Pi­sto­le­ro uru­gua­ia­no che Ney, en­tram­bi squa­li­fi­ca­ti con le ri­spet­ti­ve Na­zio­na­li, non pos­sa­no es­se­re ar­ruo­la­ti da Ta­ba­rez e Dun­ga. «Non mi di­spe­ro, è chia­ro», l’iro­ni­ca chio­sa di Lu­cho. «Mi fa pia­ce­re, co­mun­que, se fan­no be­ne con le lo­ro se­le­zio­ni». Non può fa­re che an­da­re avan­ti con quel che ha pu­re Eme­ry, che si pre­pa­ra ad ac­co­glie­re il Ba­rça pri­vo dei va­ri Be­to, Car­riço, Ra­mi, Ni­co Pa­re­ja, Ever Ba­ne­ga e Ka­ku­ta. Si ri­ve­dran­no, in­ve­ce, Fer­nan­do Llo­ren­te e Vi­to­lo. Chis­sà quan­to gli sa­rà co­sta­ta. Cer­ta­men­te do­lo­ro­sa per la sua smi­su­ra­ta au­to­sti­ma. Ma per­si­no su­per­flua per l’evi­den­za dei nu­me­ri. Co­sì al­la vi­gi­lia del­la sfi­da ca­sa­lin­ga con­tro il Sou­thamp­ton, Jo­sé Mou­ri­n­ho è sta­to co­stret­to a un un’am­mis­sio­ne che suo­na qua­si co­me au­to-ac­cu­sa. «E’ il pe­rio­do più dif­fi­ci­le del­la mia car­rie­ra». Qua­si un’ov­vie­tà se si pa­ra­go­na­no i ri­sul­ta­ti di que­sto Chel­sea a qual­sia­si al­tra squa­dra al­le­na­ta dal por­to­ghe­se. Nu­me­ri im­pie­to­si, che spie­ga­no il 14° po­sto in Pre­mier Lea­gue (già tre scon­fit­te) e ri­cor­da­no an­che la bat­tu­ta d’ar­re­sto di mar­te­dì a Opor­to. Nep­pu­re nel­la sua pri­ma (bre­ve) espe­rien­za da “pri­mo al­le­na­to­re”, al­la gui­da del Ben­fi­ca quan­do era su­ben­tra­to a Jupp Heync­kes (set­tem­bre 2000) ave­va fat­to co­sì ma­le.

AN­SA

Luis En­ri­que, 45 an­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.