NED­VED: Ju­ve mia cre­do al­la ri­mon­ta

«Squa­dra for­te, co­strui­ta be­ne, ab­bia­mo pa­ga­to so­lo gli in­for­tu­ni. Dy­ba­la? Fe­no­me­no. Pog­ba sia me­no bel­lo»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Juventus - Di Fi­lip­po Bon­si­gno­re TO­RI­NO

Fi­du­cia nel­la ri­mon­ta scu­det­to e nel­le qua­li­tà del­la squa­dra. Una ca­rez­za a Dy­ba­la, uno sti­mo­lo a Pog­ba, una ti­ra­ta d'orec­chie a Ca­ce­res e, so­prat­tut­to, ze­ro spa­zio al gos­sip e al­le vo­ci che si so­no rin­cor­si nel­le ul­ti­me set­ti­ma­ne su un suo ad­dio al­la Ju­ven­tus. Pa­vel Ned­ved tor­na a par­la­re a 360 gra­di sul mon­do bian­co­ne­ro pri­ma di una ri­las­san­te gior­na­ta sul cam­po di golf. «Non dob­bia­mo pen­sa­re ora al­la ri­mon­ta per­ché non ce n'è bi­so­gno, è trop­po pre­sto. Ab­bia­mo co­min­cia­to co­sì co­sì per col­pa so­prat­tut­to de­gli in­for­tu­ni ma la squa­dra è sta­ta fat­ta mol­to be­ne da Ma­rot­ta e Pa­ra­ti­ci, con un bel mix di esper­ti, co­me Khe­di­ra, e gio­va­ni. E io ho mol­to fi­du­cia per­ché il li­vel­lo tec­ni­co è dav­ve­ro al­to. Dob­bia­mo sta­re tran­quil­li e la­vo­rar­ci so­pra per­ché so­no sta­ti pre­si gio­ca­to­ri ve­ra­men­te bra­vi. Non so­no per nien­te pre­oc­cu­pa­to».

Ci so­no del­le so­mi­glian­ze con la ri­mon­ta del 2002 con lei pro­ta­go­ni­sta? «Nel 2002 è sta­to ve­ra­men­te bel­lo e cre­do che le co­se si pos­sa­no ri­pe­te­re an­che ades­so. Ma, ri­pe­to, in que­sto mo­men­to i ra­gaz­zi non ci deb­ba­no pen­sa­re, de­vo­no so­lo pen­sa­re a gio­ca­re e a la­vo­ra­re».

E a bat­te­re l'In­ter... «Sì, sa­rà il no­stro pros­si­mo av­ver­sa­rio ma non im­por­ta, man­ca­no an­co­ra tan­te par­ti­te e c'è tan­tis­si­mo tem­po».

Per­ché c'è tan­ta dif­fe­ren­za tra la Ju­ve di Cham­pions e quel­la di cam­pio­na­to? «E' dif­fi­ci­le dir­lo, po­te­va­mo pen­sa­re che i vec­chi po­tes­se­ro ave­re qual­che ca­lo men­ta­le in cam­pio­na­to ma non è co­sì, per­ché li ve­do ogni gior­no. Se­con­do me sia­mo sta­ti ab­ba­stan­za sfor­tu­na­ti nel­le par­ti­te in cui ab­bia­mo fat­to gio­co ma non sia­mo riu­sci­ti a vin­ce­re».

Ha ra­gio­ne il Ct fran­ce­se De­schamps a di­re a Pog­ba di es­se­re me­no le­zio­so e più ef­fi­ca­ce? «A Paul par­lo sem­pre chia­ra­men­te: lui de­ve cer­ca­re me­no la gio­ca­ta, es­se­re me­no bel­lo ma più de­ter­mi­nan­te per la squa­dra. E' gio­va­ne, ha tan­to tem­po per di­ven­ta­re un fuo­ri­clas­se».

Mo­ra­ta in­ve­ce sta se­gnan­do tan­to: la Ju­ve ha la spe­ran­za di po­ter­lo trat­te­ne­re l'an­no pros­si­mo? «E' un no­stro gio­ca­to­re, io lo ve­do so­lo con noi per­ché è mol­to for­te e pen­so che fi­no­ra ab­bia da­to so­lo il 60%».

Le vo­ci sul­le sue pos­si­bi­li di­mis­sio­ni? «Non ho mai pen­sa­to di la­scia­re la Ju­ve. Ho svol­to un la­vo­ro mol­to im­por­tan­te con il Pre­si­den­te del­la Fe­der­cal­cio del­la Re­pub­bli­ca Ce­ca, ho fat­to mol­ta espe­rien­za, mi ha fat­to cre­sce­re, ma non c'è sta­to nes­sun pro­ble­ma con la Ju­ve».

Per Mo­ra­ta e Ned­ved, quin­di, un fu­tu­ro al­la Ju­ve. (sor­ri­de, ndr) «Mo­ra­ta si­cu­ro, Ned­ved ve­dia­mo»

La Re­pub­bli­ca Ce­ca ha il di­rit­to di 'recompra' su di lei? (al­tro sor­ri­so, ndr) «E' il mio pae­se e aiu­tar­lo mi fa pia­ce­re. Ab­bia­mo fat­to un bel la­vo­ro in Ci­na. E' sta­ta mol­to im­por­tan­te co­me espe­rien­za per me. Io pre­si­den­te? Non c'è bi­so­gno».

L'aria è se­re­na in se­de? «Sì, non cre­do al gos­sip su ten­sio­ni tra i cu­gi­ni (John El­kann e An­drea Agnel­li, ndr), ul­ti­ma­men­te ho vi­sto che c'è uni­tà. La vi­ta pri­va­ta non si do­vreb­be por­ta­re den­tro al la­vo­ro».

Quan­do ver­rà rein­te­gra­to Ca­ce­res? «Si­cu­ra­men­te sa­rà rein­te­gra­to ma non so quan­do. Mar­tin è il pri­mo a sa­pe­re di aver fat­to una caz­za­ta ed è sta­to pu­ni­to giu­sta­men­te, la so­cie­tà non può ac­cet­ta­re un com­por­ta­men­to co­sì. Quan­do un gio­ca­to­re è in­for­tu­na­to de­ve pen­sa­re so­lo a gua­ri­re e a re­cu­pe­ra­re, que­sto se­con­do me è sta­to l'er­ro­re più gra­ve».

Dy­ba­la è co­me se l'aspet­ta­va? «As­so­lu­ta­men­te sì, ha tut­to per di­ven­ta­re un fe­no­me­no. A li­vel­lo tec­ni­co non ha ugua­li, fi­no a que­sto mo­men­to ha fat­to più di quel­lo che mi aspet­ta­vo»

La ces­sio­ne di Co­man è sta­ta un er­ro­re? «No per­ché noi te­nia­mo so­lo gio­ca­to­ri che vo­glio­no gio­ca­re con la Ju­ve e Co­man ha espres­so la vo­lon­tà di an­da­re via an­che se sap­pia­mo che è for­te».

Le è di­spia­ciu­to di più che non sia ar­ri­va­to Ham­sik o Ibra­hi­mo­vic? «Ibra? Non sa­pe­vo fos­se in gio­co, lo sta­te di­cen­do voi... Ham­sik mi sa­reb­be pia­ciu­to per­ché è un gio­ca­to­re mol­to for­te, già esper­to, pe­rò è del Na­po­li che se lo tie­ne stret­to. Non sem­pre rie­sci ad ar­ri­va­re ai gio­ca­to­ri che so­gni».

Vi sen­ti­te an­co­ra più for­ti co­me ro­sa? «Ci sen­ti­va­mo for­ti an­che pri­ma, fin­ché non riu­scia­mo a rag­giun­ge­re dei ri­sul­ta­ti ci dà fa­sti­dio, pe­rò que­sto non crea squi­li­brio nel­la so­cie­tà o in squa­dra».

«Non ho mai pen­sa­to di la­scia­re que­sto club. Pe­rò di si­cu­ro re­sta sol­tan­to Mo­ra­ta...»

Buf­fon fuo­ri dal Pal­lo­ne d'oro? «Io me l'aspet­ta­vo tra i pro­ba­bi­li vin­ci­to­ri, l'an­no scor­so ha fat­to una sta­gio­ne fan­ta­sti­ca...».

«Buf­fon fuo­ri dal­la ro­sa del Pal­lo­ne d’oro? Mi aspet­ta­vo lo vin­ces­se... La so­cie­tà è se­re­na»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.