Di Bia­gio: Ha vin­to la fa­me di que­sti ra­gaz­zi

«Be­ne co­sì, ma dob­bia­mo gio­ca­re con un rit­mo su­pe­rio­re. Mo­na­chel­lo? Bra­vo, ci pro­va sem­pre»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Under 21 - INVIATO A KO­PER a.ghi.

- A vol­te una par­ti­ta si cam­bia in un at­ti­mo, at­tra­ver­so una so­sti­tu­zio­ne az­zec­ca­ta. Cer­to è du­ra far usci­re quel­lo che ha le car­te in re­go­la per cam­bia­re la ga­ra da un mo­men­to all’al­tro. Spie­ga di­ret­ta­men­te Di Bia­gio: «Ho vi­sto Fe­de­ri­co (Ber­nar­de­schi, ndi) un po’ stan­co e l’ho tol­to. Non era con­ten­to, ma è un ra­gaz­zo in­tel­li­gen­te e ca­pi­sce cer­ti mo­men­ti. Co­mun­que può sta­re tran­quil­lo per­ché per noi re­sta un gio­ca­to­re im­por­tan­te». Il ca­po­la­vo­ro si com­pie nel mo­men­to in cui entra chi de­ci­de in ma­nie­ra net­ta, va­le a di­re Mo­na­chel­lo: «Lui ci met­te sem­pre una vo­glia in­cre­di­bi­le - con­ti­nua Di Bia­gio - è un ra­gaz­zo che ha fa­me. Ha sfrut­ta­to il la­vo­ro spor­co di Cer­ri, Boa­teng e Be­nas­si e ha tro­va­to una dop­piet­ta fon­da­men­ta­le per noi. Be­ne lui, quin­di. Ma be­ne an­che la squa­dra che in quel mo­men­to sta­va at­tac­can­do».

MO­DU­LO. Il 4-4-2, al­me­no nel­la pri­ma par­te, non ha da­to gran­di se­gna­li. Sa­reb­be sta­to me­glio op­ta­re per il 4-3-3? «Nel­la mia vi­ta di cal­cio - ri­pren­de il ct az­zur­ro - ho sem­pre pen­sa­to che al di là del mo­du­lo con­ti­no or­ga­niz­za­zio­ne e ca­pa­ci­tà di sa­per al­za­re i rit­mi. All’an­da­ta ave­va­mo fat­to l’in­ver­so, usan­do pri­ma le tre pun­te e poi pas­san­do a due. Sta­vol­ta sia­mo an­da­ti me­glio con il tri­den­te, nel fi­na­le, ma an­che per­ché a quel pun­to la par­ti­ta si era aper­ta. Ma ri­pe­to: se non al­zia­mo il rit­mo sia­mo una squa­dra nor­ma­le, e ci ser­vo­no mag­gio­ri flui­di­tà e con­ti­nui­tà». Di una co­sa in par­ti­co­la­re Di Bia­gio è sod­di­sfat­to: «E’ un grup­po pro­po­si­ti­vo, in tan­ti pro­va­no le gio­ca­te giu­ste e an­che sta­vol­ta ab­bia­mo crea­to tan­te oc­ca­sio­ni da gol. Poi si può sba­glia­re, ma fin­ché c’è la vo­glia di pro­va­re vuol di­re che la stra­da è giu­sta».

DIFFICOLTA’. Va det­to poi che il ct dell’Un­der 21 si ri­tro­va ogni vol­ta ad ave­re gio­ca­to­ri che nei club gio­ca­no po­co o nien­te. Non è sem­pli­ce, ec­co il per­ché: «Va­do a me­mo­ria, ma se pen­so a gen­te co­me Con­ti, Boa­teng, Ru­ga­ni, Cra­gno e al­tri, pen­so a gio­ca­to­ri che han­no ze­ro o po­chi mi­nu­ti nel­le gam­be con le ri­spet­ti­ve so­cie­tà. E’ qua­si na­tu­ra­le, poi, che nell’ul­ti­ma mezz’ora di una par­ti­ta in­ter­na­zio­na­le co­me que­sta pos­sa­no an­da­re in dif­fi­col­tà. E in av­vio, ma­ga­ri, pos­so­no an­che non ave­re la gio­ca­ta già pron­ta da ti­rar fuo­ri. Non è sem­pli­ce, in­som­ma». Il grup­po de­gli az­zur­ri­ni nel frat­tem­po cre­sce: «Si co­no­sco­no da tan­to - chiu­de il ct - dai tem­pi dell’Un­der 20, al­la gui­da del­la qua­le c’ero io. E’ una squa­dra che na­sce da lon­ta­no, og­gi sia­mo al­la par­te fi­na­le di un per­cor­so che ha già avu­to di­ver­se tap­pe di cre­sci­ta».

PRO­TA­GO­NI­STA. In­fi­ne ec­co Mo­na­chel­lo, l’eroe di Slo­ve­nia. Dop­piet­ta e assist, tan­ta ro­ba per lui: «De­vo rin­gra­zia­re la squa­dra - rac­con­ta la pun­ta dell’Ata­lan­ta - e gran­di me­ri­ti van­no al tec­ni­co che è riu­sci­to a crea­re un grup­po for­te e coe­so che vuo­le sem­pre vin­ce­re. Per me è una gran­de sod­di­sfa­zio­ne, per un at­tac­can­te se­gna­re è sem­pre la me­di­ci­na mi­glio­re. Ho cer­ca­to di da­re il mas­si­mo co­me fac­cio di so­li­to. La vit­to­ria del­la squa­dra, pe­rò, ri­ma­ne sem­pre la co­sa più im­por­tan­te». Mo­na­chel­lo do­po il se­con­do gol è vo­la­to ad ab­brac­cia­re qual­cu­no in pan­chi­na: «Emi­lio - di­ce il cen­tra­van­ti - è il ma­gaz­zi­nie­re con cui ho un bel­lis­si­mo rap­por­to, con me è sem­pre di­spo­ni­bi­le. E poi a ogni par­ti­ta mi di­ce che se­gne­rò e non po­te­vo non cor­re­re da lui...». E al­lo­ra bra­vo Emi­lio, sta­vol­ta ci hai pre­so al­la gran­de.

Il go­lea­dor fe­li­ce: «Le re­ti e la vit­to­ria so­no me­ri­to del Ct Ha crea­to un grup­po dav­ve­ro for­te»

ACTIVA

L’esul­tan­za di Mo­na­chel­lo (con il nu­me­ro 18)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.