RA­NIE­RI «CO­ME MI PIA­CE QUE­STA SE­RIE A»

Un’ora con il tec­ni­co del Lei­ce­ster trent’an­ni tra Ita­lia, Spa­gna, Fran­cia e In­ghil­ter­ra «E’ aper­ta ed equi­li­bra­ta, quan­to la Pre­mier in que­sta sta­gio­ne Cua­dra­do e Sa­lah? Il cal­cio ita­lia­no li esal­ta, quel­lo in­gle­se no»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Il Forum -

La vo­ca­zio­ne da al­le­na­to­re eu­ro­pei­sta l’ha re­spi­ra­ta qua­si su­bi­to. A 46 an­ni Clau­dio Ra­nie­ri era a Va­len­cia e do­po una sta­gio­ne di “pro­va” avreb­be vin­to su­bi­to un In­ter­to­to e una Cop­pa di Spa­gna. «Ho avu­to la for­tu­na di gi­ra­re cit­tà straor­di­na­rie», si sie­de nel­la sa­la dei fo­rum al Cor­rie­re del­lo Sport e sor­ri­de. «Ec­co il mio gior­na­le». Lo di­ce da ro­ma­no. In ef­fet­ti scor­ri la car­rie­ra di Ra­nie­ri e ti lec­chi i baf­fi: Ca­glia­ri, Na­po­li, Fi­ren­ze, Va­len­cia, che è l’uni­co po­sto in cui fi­no­ra è tor­na­to mi­glio­ran­do­si per­ché nel 2004 al­zò la Su­per­cop­pa Eu­ro­pea. E Ma­drid (spon­da Atle­ti­co), Lon­dra (non il Chel­sea stra­ric­co, quel­lo pre-Abra­mo­vi­ch: quan­do il ma­gna­te rus­so ar­ri­vò, lui fe­ce le va­li­ge). E an­co­ra Par­ma, To­ri­no (leg­gi Ju­ven­tus), Ro­ma, la sua Ro­ma, Mi­la­no (all’In­ter) e Mon­te­car­lo. Un po’ per ar­te, un po’ per sto­ria, un po’ per ma­re, qua­li­tà e scin­til­lio del­la vi­ta, per quel fa­sci­no che spri­gio­na­no le me­tro­po­li, Ra­nie­ri ha scel­to be­ne. E in qual­che mo­do il de­sti­no lo ha aiu­ta­to a sce­glie­re. «A Na­po­li ho un ri­cor­do che ha dell’in­cre­di­bi­le: cre­do du­rò un me­se e mez­zo-due, abi­ta­va­mo al Vo­me­ro con mia mo­glie e ave­va­mo tut­ta la cit­tà sot­to e il ma­re. Dor­mi­va­mo con le tap­pa­rel­le aper­te e ci sve­glia­va­mo per forza al­le sei, con la pri­ma lu­ce del so­le, per go­der­ci quel­lo spet­ta­co­lo. Una me­ra­vi­glia, ce l’ho an­co­ra da­van­ti agli oc­chi». Il pre­sen­te è Lei­ce­ster, in qual­che mo­do an­che que­sto è un ri­tor­no: nel­la Pre­mier, do­po il Chel­sea dal 2000 al 2004. Ra­nie­ri sor­ri­de: «Cer­te vol­te pen­so di es­se­re un al­le­na­to­re giu­sto ar­ri­va­to in al­cu­ni po­sti al mo­men­to sba­glia­to: per esem­pio io all’In­ter ho do­vu­to ven­de­re Cou­ti­n­ho e Mot­ta. Pen­so di es­se­re sta­to l’uni­co a ven­de­re gio­ca­to­ri all’In­ter».

A Lei­ce­ster sta pro­van­do a co­strui­re un al­tro pic­co­lo mi­ra­co­lo. Ma un pen­sie­ro a dar fa­sti­dio in vet­ta lo fa? «Io quel­lo che pen­so è che ho fat­to 15 pun­ti e con al­tri 25 mi sal­vo. Poi è ve­ro che la Pre­mier que­st’an­no sem­bra aper­ta e in­cer­ta, il Ci­ty do­vreb­be far la par­te del leo­ne ma non pen­so che Van Gaal sba­gli il se­con­do an­no di fi­la co­sì fa­cil­men­te. Poi ve­di cer­ti ri­sul­ta­ti, noi ab­bia­mo bat­tu­to il We­st Ham che ave­va vin­to in ca­sa dell’Ar­se­nal e con­tro il Ci­ty. C’è in­cer­tez­za que­st’an­no in Pre­mier».

E il cal­cio ita­lia­no, pa­ra­go­na­to a quel­lo in­gle­se, co­me lo ve­de, a che pun­to è? «In gran­de ri­pre­sa. Stia­mo tor­nan­do com­pe­ti­ti­vi. I sol­di fan­no le squa­dre com­pe­ti­ti­ve, è sem­pre sta­to co­sì. C’è sta­to un pe­rio­do in cui era­va­mo noi a det­ta­re leg­ge, por­ta­va­mo due squa­dre in fi­na­le di Cham­pions Lea­gue. Poi, lo sce­na­rio è cam­bia­to. E ora sta ri­cam­bian­do. Cer­to, non si può ot­te­ne­re tut­to dall’og­gi al do­ma­ni, ma in Ita­lia cre­dia­mo di far­lo: ve­dia­mo la Ju­ven­tus, gran­dis­si­ma squa­dra, gran­dis­si­ma di­ri­gen­za, pe­rò non si pos­so­no per­de­re tre gio­ca­to­ri co­me Pir­lo, Te­vez e Vi­dal e non ri­sen­tir­ne pur rim­piaz­zan­do­li be­ne. Ora, Al­le­gri de­ve ave­re il tem­po di rias­sem­bla­re e far ca­pi­re be­ne ai nuo­vi quel­lo che vuo­le».

Pe­rò il cal­cio in­gle­se è più in­ten­so, mol­to più ve­lo­ce del no­stro. O no? «Ma sì, cer­to, è sem­pre sta­to co­sì. E’ nel lo­ro spi­ri­to. E quan­do un gio­ca­to­re este­ro ar­ri­va in In­ghil­ter­ra o si adat­ta a quel­la ve­lo­ci­tà di gio­co

Clau­dio Ra­nie­ri con il di­ret­to­re Ales­san­dro Vo­ca­lel­li e il con­di­ret­to­re Ste­fa­no Ba­ri­gel­li

e a quei con­tra­sti an­che. O è fuo­ri con­te­sto». in­gle­se può ri­guar­da­re Cua­dra­do e Sa­lah? «Cre­do che il cal­cio di Pre­mier Lea­gue va a mil­le all’ora e in que­st sen­so la ve­lo­ci­tà di Cua­dra­do non si esal­ta­va co­me avreb­be do­vu­to, co­me in Ita­lia, per esem­pio. Co­sì co­me pen­so che Sa­lah, egi­zia­no, uo­mo del Sud, ave­va pro­ba­bil­men­te bi­so­gno di un ca­lo­re che a Lon­dra non ha tro­va­to e a Fi­ren­ze e a Ro­ma sì. Io l’ho vi­sto in un pa­io di oc­ca­sio­ni con il Chel­sea, non ti da­va la sen­sa­zio­ne del gio­ca­to­re li­be­ro: gran­de ta­len­to, ma non riu­sci­va a espri­mer­lo».

A pro­po­si­to del Chel­sea... Sta­re so­pra a Mou­ri­n­ho le dà un sot­ti­le pia­ce­re? «No, per ca­ri­tà, lo ho già det­to e ci ten­go a ri­pe­ter­lo. Io guar­do sem­pre con sim­pa­tia al­le squa­dre che ho al­le­na­to. E la sto­ria con Mou­ri­n­ho è as­so­lu­ta­men­te da­ta­ta. Di­rei an­ti­ca». Nel suo Lei­ce­ster due gio­ca­to­ri si so­no pre­si la co­per­ti­na: Ja­mie Var­dy e Riyad Mah­rez. Ce li rac­con­ta? «Var­dy è ve­nu­to fuo­ri da due an­ni, gio­ca­va nei Di­let­tan­ti. Ve­lo­cis­si­mo, pres­sa an­che le tri­bu­ne, sta fa­cen­do gol, in B ne ha fat­ti 16 gol, l’an­no scor­so 5 e que­st’an­no è cre­sciu­to, ha tro­va­to il suo equi­li­brio».

A chi so­mi­glia Var­dy? «Do­vrei dir­vi un cal­cia­to­re che pe­rò in Ita­lia nel­la La­zio non ha fat­to ve­de­re quel­lo che fe­ce con me al Va­len­cia: Clau­dio Lo­pez, il Pio­jo».

E Mah­rez? «Se sta be­ne lui cam­bia la par­ti­ta. L’an­no scor­so gio­ca­va die­tro la pun­ta, io ho pen­sa­to cha da man­ci­no gio­can­do a de­stra po­te­va rien­tra­re e far ma­le agli av­ver­sa­ri: lui sal­ta l’uo­mo, ha qua­li­tà, vi­sio­ne di gio­co. Quan­do si muo­ve può suc­ce­de­re sem­pre qual­co­sa di im­por­tan­te».

Al­la ri­pre­sa del cam­pio­na­to ci sa­rà il Sou­thamp­ton di Pel­lè. In Ita­lia fa­ti­ca­va e ora sta reg­gen­do l’at­tac­co del­la na­zio­na­le di Con- Clau­dio Ra­nie­ri, ro­ma­no, il 20 ot­to­bre com­pi­rà 64 an­ni. Al fo­rum con il tec­ni­co del Lei­ce­ster, nel­la se­de del Cor­rie­re del­lo Sport-Stadio, han­no par­te­ci­pa­to an­che il vi­ce di­ret­to­re Ste­fa­no Agre­sti, il ca­po re­dat­to­re Giu­lia­no Ri­va, Gui­do D’Ubal­do e Al­ber­to Pol­ve­ro­si te ol­tre a fa­re gol in Pre­mier. Che ne pen­sa? «Lui è esplo­so in Olan­da con Koe­man che poi se lo è por­ta­to e ha con­ti­nua­to a fa­re mol­to be­ne. Ha tut­te le car­te in re­go­la per con­ti­nua­re a cre­sce­re an­co­ra».

La Pre­mier «Se mi chie­de­te qua­le cal­cio pre­fe­ri­sco vi di­co quel­lo in cui sto al­le­nan­do. In­car­na il mio spi­ri­to: non ero un cam­pio­ne ma cor­re­vo, non mol­la­vo mai»

Sa­reb­be pron­to an­che un ri­tor­no in gran­de sti­le in Ita­lia, in un top club? «Per me sì: chi se­gna co­sì in Pre­mier può gio­ca­re ovun­que».

Con­si­de­ra chiu­sa la sua espe­rien­za nel cal­cio ita­lia­no «Nel cal­cio quan­do di­ci una co­sa vie­ni smen­ti­to. Mai di­re mai, quin­di».

Si par­la già del do­po Con­te: le pia­ce­reb­be iscri­ver­si al­la cor­sa? «No, io de­vo ave­re un rap­por­to quo­ti­dia­no con la squa­dra, mi sen­to più por­ta­to per il la­vo­ro di al­le­na­to­re che non di ct. Poi an­che qui, mai di­re mai».

I de­trat­to­ri di­reb­be­ro che in ef­fet­ti con la Gre­cia non è an­da­ta pro­prio be­ne... «Beh, ai de­trat­to­ri al­lo­ra di­cia­mo che io ho fat­to quat­tro par­ti­te, ades­so ne han­no fat­te no­ve e non mi pa­re che stia­no vo­lan­do». (e ri­den­do) «Da­te­mi le col­pe che me­ri­to, non quel­le che non me­ri­to».

Con­te è ar­ri­va­to in az­zur­ro trop­po gio­va­ne? «Non è un fat­to di età, ma di ca­rat­te­re: an­che lui vuo­le tra­smet­te­re le sue idee e ha bi­so­gno di tem­po per far­lo. E il tem­po te lo dà il club. Quel­lo del­la na­zio­na­le è un la­vo­ro dif­fe­ren­te che a me non è pia­ciu­to».

Tra i tut­ti i club che ha al­le­na­to, in qua­le ha re­spi­ra­to gran­dez­za as­so­lu­ta? «La Ju­ven­tus. Non c’era la di­ri­gen­za di ades­so, c’era un aria di rin­no­va­men­to, ma il pe­so del­la so­cie­tà lo re­spi­ra­vi tut­to».

BARTOLETTI

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.