«Se per­dia­mo, sa­rà du­ra»

Bar­za­gli: Sia­mo a ot­to pun­ti dall’In­ter, vie­ta­to sba­glia­re

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Juventus - A.b./ass

- An­drea Bar­za­gli è ap­pe­na rien­tra­to da­gli im­pe­gni con la Na­zio­na­le di An­to­nio Con­te con la qua­le ha cen­tra­to la qua­li­fi­ca­zio­ne ad Eu­ro 2016. Ora, pe­rò, è già tem­po di pen­sa­re al­la Ju­ven­tus e al pros­si­mo im­pe­gno: il big mat­ch di do­me­ni­ca se­ra a San Si­ro con­tro l'In­ter: «Sa­rà la par­ti­ta del­la ve­ri­tà - ha det­to ie­ri ai mi­cro­fo­ni di Sky -. Ot­to pun­ti di di­stac­co dai ne­raz­zur­ri ini­zia­no a es­se­re tan­ti: se do­ves­se­ro fa­re ri­sul­ta­to sa­reb­be un pro­ble­ma per noi». Dall'al­to del­la sua espe­rien­za e do­po cin­que an­ni in bian­co­ne­ro, ana­liz­za que­sto ini­zio di sta­gio­ne sin­ghioz­zan­te con gran­de lu­ci­di­tà: «Se sa­rà una svol­ta per il no­stro cam­pio­na­to? Lo ve­dre­mo. Di­pen­de­rà sol­tan­to da noi. Ci so­no al­cu­ni aspet­ti che dob­bia­mo li­ma­re: con­ce­dia­mo mol­to po­co in di­fe­sa, quin­di non va be­ne che i no­stri av­ver­sa­ri se­gni­no al pri­mo ti­ro. Que­sto in­di­ca che ci so­no sta­ti dei ca­li di at­ten­zio­ne sui qua­li oc­cor­re la­vo­ra­re. Quan­do di­fen­di ol­tre all'aspet­to fi­si­co de­vi cu­ra­re an­che quel­lo men­ta­le. Oc­cor­re es­se­re sem­pre con­cen­tra­ti sen­za la­scia­re un me­tro agli at­tac­can­ti av­ver­sa­ri. Poi, chia­ra­men­te, l'equi­li­brio di­fen­si­vo non di­pen­de so­lo dal re­par­to ar­re­tra­to ma da co­me si muo­ve tut­ta la squa­dra».

GAP. Con­tro i ne­raz­zur­ri sa­rà du­ra:«Stia­mo­mi­glio­ran­do:ab­bia­mo di­spu­ta­to due buo­ne par­ti­te ma dob­bia­mo an­co­ra la­vo­ra­re mol­to. Sia­mo an­co­ra in una fa­se ini­zia­le del­la sta­gio­ne ma è fon­da­men­ta­le usci­re da San Si­ro fa­cen­do ri­sul­ta­to. L'In­ter è una squa­dra dif­fi­ci­le da bat­te­re, con gio­ca­to­ri di ta­len­to. Inol­tre è da­van­ti a noi: vo­glia­mo ac­cor­cia­re la clas­si­fi­ca se vo­glia­mo ave­re an­co­ra un mi­ni­mo di spe­ran­ze per il ti­to­lo». Il der­by d'Ita­lia po­treb­be es­se­re de­ci­so, co­me spes­so ca­pi­ta­to in pas­sa­to, dal­le gio­ca­te di un sin­go­lo: «Cua­dra­do ci ha im­pres­sio­na­to per la per­so­na­li­tà: si fa sem­pre da­re il pal­lo­ne e non si na­scon­de. Sta la­vo­ran­do mol­to be­ne, co­me tut­ti noi e que­sto è un pun­to di par­ten­za im­por­tan­te». In at­te­sa di ca­pi­re qua­li ri­sul­ta­ti por­te­rà in do­te la sta­gio­ne con il club, a giu­gno sa­rà uno dei pi­la­stri dell'Ita­lia all'Eu­ro­peo in Fran­cia, pro­ba­bil­men­te l'ul­ti­ma ma­ni­fe­sta­zio­ne con la ma­glia az­zur­ra: «Ten­go mol­to a que­sta ma­glia, ma do­po gli Eu­ro­pei cre­do sa­rà il mo­men­to di sa­lu­ta­re: mi ri­ten­go già for­tu­na­to ad es­se­re nel gi­ro a 34 an­ni». E do­po? Chi rac­co­glie­rà la sua ere­di­tà? «Ru­ga­ni è mol­to pro­fes­sio­na­le: ar­ri­va al cam­po pri­ma di tut­ti, stu­dia noi ve­te­ra­ni ed ha il pre­gio di es­se­re mol­to at­ten­to ad ogni mi­ni­mo det­ta­glio. Si sta in­se­ren­do be­ne co­me tut­ti i no­stri gio­va­ni. Per lui sa­rà una sta­gio­ne im­por­tan­te. In fu­tu­ro po­trà pren­de­re in ma­no la Ju­ve». Un'in­ve­sti­tu­ra a tut­ti gli ef­fet­ti, una sor­ta di pas­sag­gio del te­sti­mo­ne per chi, co­me l'ex em­po­le­se, fi­no­ra ha gio­ca­to sol­tan­to i mi­nu­ti di re­cu­pe­ro del­la sfi­da ca­sa­lin­ga con­tro il Si­vi­glia ma è già un pi­la­stro dell'Un­der 21 di Di Bia­gio.

BARTOLETTI

An­drea Bar­za­gli

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.