Di Francesco: E’ que­sto l’at­teg­gia­men­to che vo­glio

«An­che sul 2-0 sia­mo rimasti con­cen­tra­ti e de­ter­mi­na­ti. Mis­si­ro­li? Nes­su­na no­vi­tà, è tra i mi­glio­ri nel suo ruo­lo»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Sassuolo-lazio 2-1 -

«Ho ri­tro­va­to il mio Sas­suo­lo». Eu­se­bio Di Francesco è con­ten­to. La vit­to­ria sulla Lazio ha ri­mes­so in car­reg­gia­ta una squa­dra che ave­va per­so ma­la­men­te a Em­po­li pri­ma del­la so­sta. «La mia è una squa­dra che non può mai mol­la­re nem­me­no di un cen­ti­me­tro, de­ve sem­pre sta­re sul pez­zo al­tri­men­ti di­ven­tia vul­ne­ra­bi­le. Con­tro la Lazio non so­lo ab­bia­mo me­ri­ta­to la vit­to­ria, ma lo ab­bia­mo fat­to in vir­tù di un ot­ti­mo gio­co. Poi è chia­ro che po­te­va­mo es­se­re più lu­ci­di - qui esce l'ani­ma in­con­ten­ta­bi­le o qua­si del tec­ni­co ne­ro­ver­de - e an­che es­se­re me­no egoi­sti in al­cu­ne cir­co­stan­ze. Ma so­no con­ten­to per­ché, an­che quan­do ab­bia­mo avu­to il dop­pio van­tag­gio, ab­bia­mo con­ti­nua­to ad at­tac­ca­re e a ma­ci­na­re gio­co. È que­sto l'at­teg­gia­men­to giu­sto, quel­lo che vo­glio sem­pre ve­de­re: gran­de de­ter­mi­na­zio­ne, giu­sta ca­ri­ca ago­ni­sti­ca, quel­la che in­ve­ce era man­ca­ta nel­la ga­ra di Em­po­li». Per fi­ni­re il tec­ni­co par­la del pa­tron del­la squa­dra e del­la “ri­chie­sta” del­lo scu­det­to: «Si sa che Squin­zi ama fa­re bat­tu­te, che van­no ca­pi­te e so­prat­tut­to in­ter­pre­ta­te. Non dob­bia­mo mai di­men­ti­ca­re che ve­nia­mo dal­le ca­te­go­rie in­fe­rio­ri e che sia­mo il Sas­suo­lo, ap­pe­na al ter­zo an­no in se­rie A. Noi an­dia­mo me­glio con le gran­di che con le pic­co­le? Que­sto dice il no­stro cam­pio­na­to per il mo­men­to, ma dob­bia­mo pen­sre a una par­ti­ta per vol­ta. Ades­so so­no con­cen­tra­to sulla ga­ra con­tro il Mi­lan, do­po c'è la Ju­ve? Al mo­men­to non ci vo­glio nean­che pen­sa­re». Par­la bre­ve­men­te an­che dei sin­go­li il tec­ni­co ne­ro­ver­de, in par­ti­co­la­re di Mis­si­ro­li, au­to­re di una pro­va son­tuo­sa con­di­ta con la re­te del raddoppio: «Mis­si­ro­li non lo sco­pro cer­to ora, a mio mo­do di ve­de­re stia­mo par­lan­do di una del­le mez­za­li mi­glio­ri di cam­pio­na­to ita­lia­no». E se non è un'idea lan­cia­ta ad An­to­nio Con­te, po­co ci man­ca. Su Be­rar­di, in­ve­ce, ar­ri­va una as­so­lu­zio­ne per il con­tro­pie­de che avreb­be po­tu­to chiu­de­re la ga­ra: «Mi ha det­to di non aver vi­sto De­frel e na­tu­ral­men­te gli cre­do, pec­ca­to per­chè po­te­va­mo chiu­de­re i con­ti in an­ti­ci­po».

CAN­NA­VA­RO E MIS­SI­RO­LI. Pao­lo Can­na­va­ro è sta­to pro­ta­go­ni­sta dell’epi­so­dio più con­te­sta­to del­la ga­ra, il cal­cio di ri­go­re che ha aper­to le mar­ca­tu­re e che il tec­ni­co del­la Lazio, Ste­fa­no Pio­li, ha so­ste­nu­to non es­ser­ci. Il di­fen­so­re ne­ro­ver­de non è d’ac­cor­do: “Chie­de­te­lo a Lu­lic se era ri­go­re, per me il toc­co c’è sta­to e l’ar­bi­tro ha fat­to be­ne a fi­schia­re: del re­sto l’ar­bi­tro è sta­to an­che aiu­ta­to dall’as­si­sten­te di porta. Vo­glio pe­rò an­da­re ol­tre: il Sas­suo­lo ha con­qui­sta­to una vit­to­ria me­ri­ta­ta, gra­zie a una par­ti­ta to­sta, gio­ca­ta al­la gran­de. Non dob­bia­mo pen­sa­re di es­se­re trop­po for­ti e dob­bia­mo ri­ma­ne­re ben an­co­ra­ti al­la real­tà, ma la no­stra è co­mun­que una ro­sa com­pe­ti­ti­va e que­sta vit­to­ria ne è la di­mo­stra­zio­ne. La squa­dra ro­ma­na - ar­go­men­ta Can­na­va­ro è si­cu­ra­men­te al di so­pra di noi come qua­li­tà dei sin­go­li, ma ab­bia­mo vin­to per­chè ab­bia­mo un gio­co e per­chè ab­bia­mo mes­so in cam­po la ne­ces­sa­ria de­ter­mi­na­zio­ne e cat­ti­ve­ria ago­ni­sti­ca. Pos­sia­mo di­re che la no­stra ve­ra for­za è sta­ta l’or­ga­niz­za­zio­ne di gio­co. Di Francesco in que­sti gior­ni ci ha stri­glia­to a do­ve­re e ab­bia­mo di­mo­stra­to di non es­se­re la squa­dra mol­le che ha per­so a Em­po­li. Il ve­ro Sas­suo­lo è quel­lo che ab­bia­mo am­mi­ra­to con­tro la Lazio». Una bat­tu­ta an­che con Si­mo­ne Mis­si­ro­li, au­to­re del­la re­te del mo­men­ta­neo 2-0: «L’al­le­na­to­re in que­ste due set­ti­ma­ne ci ha dav­ve­ro mas­sa­cra­ti, cre­do che que­sto in cam­po si sia vi­sto be­ne. Ab­bia­mo di­spu­ta­to una gran­de par­ti­ta con­tro una for­ma­zio­ne di al­to li­vel­lo. Il gol? Ho vi­sto da­van­ti a me una ve­ra e pro­pria au­to­stra­da e mi so­no but­ta­to den­tro, è an­da­ta be­ne».

Can­na­va­ro è si­cu­ro: «Ri­go­re sa­cro­san­to Chie­de­te­lo a Lu­lic» Mis­si­ro­li: «Il gol? Ho vi­sto spa­zio e...»

AN­SA

Eu­se­bio Di Francesco, 46 an­ni, al­le­na­to­re del Sas­suo­lo, du­ran­te la ga­ra con­tro la Lazio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.