Pro­mo­zio­ne Ned­ved: di­ven­ta vi­ce­pre­si­den­te

«So­no or­go­glio­so, rin­gra­zio la so­cie­tà per la fi­du­cia Ai ti­fo­si chie­do uni­tà: pun­tia­mo al­le gran­di vit­to­rie»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Juventus - f.bon.

- Pa­vel Ned­ved al ver­ti­ce del­la Ju­ve. La no­ti­zia la dà di­ret­ta­men­te An­drea Agnelli al ter­mi­ne dell'as­sem­blea de­gli azio­ni­sti e del­la riu­nio­ne del con­si­glio di am­mi­ni­stra­zio­ne ap­pe­na no­mi­na­to per i pros­si­mi tre an­ni. «Vi pre­sen­to il nuo­vo vi­ce­pre­si­den­te - esor­di­sce il nu­me­ro uno bian­co­ne­ro -. Quel­lo che Pa­vel ha rap­pre­sen­ta­to sul cam­po non sta a me de­scri­ver­lo; mi pre­me ri­cor­da­re la sua enor­me cre­sci­ta in que­sti cinque an­ni. Ora è un di­ri­gen­te con pie­na con­sa­pe­vo­lez­za del­le at­ti­vi­tà che si svol­go­no all'in­ter­no dell'azien­da con com­pe­ten­za spe­ci­fi­ca del­le at­ti­vi­tà di cam­po. Lui sa che, do­po que­sto trien­nio, po­trà sce­glie­re il suo mi­glior per­cor­so pro­fes­sio­na­le: sa che po­trà di­ven­ta­re pre­si­den­te del­la Fe­der­cal­cio del­le Re­pub­bli­ca Ce­ca e sa che po­trà cre­sce­re all'in­ter­no del­la Ju­ven­tus». Un'investitur­a in pie­na re­go­la, dun­que, an­che per­chè la cre­sci­ta ul­te­rio­re po­treb­be av­ve­ni­re esclu­si­va­men­te con la ca­ri­ca di pre­si­den­te. Quo­ta rag­giun­ta sol­tan­to da un al­tro ex gio­ca­to­re: Giam­pie­ro Bo­ni­per­ti, mas­si­mo di­ri­gen­te dal 1971 al 1990 e ora pre­si­den­te ono­ra­rio.

UNITA'. Pa­vel il du­ro è vi­si­bil­men­te com­mos­so. In bian­co­ne­ro ha col­le­zio­na­to 327 pre­sen­ze e 65 gol in ot­to sta­gio­ni dal 2001 al 2009, 4 scu­det­ti (di cui 2 re­vo­ca­ti) e 2 su­per­cop­pe ita­lia­ne, ol­tre al Pal­lo­ne d'oro nel 2003. Ora l'ido­lo del popolo bian­co­ne­ro (che ogni do­me­ni­ca lo in­vo­ca sot­to la cur­va) en­tra in una nuo­va di­men­sio­ne, do­po cinque an­ni da con­si­glie­re di am­mi­ni­stra­zio­ne, come brac­cio de­stro del pre­si­den­te Agnelli. A di­re il ve­ro, do­po l'esta­te si era­no dif­fu­se vo­ci di un suo ad­dio al­la Ju­ve. Ora ar­ri­va la no­mi­na a vi­ce­pre­si­den­te che can­cel­la ogni dub­bio e che porta la Fu­ria Ce­ca al ver­ti­ce del club cam­pio­ne d'Ita­lia, come Ro­ber­to Bet­te­ga pri­ma del ci­clo­ne Calciopoli. «Rin­gra­zio la so­cie­tà e tut­to il mon­do Ju­ve per la fi­du­cia - esor­di­sce Pa­vel - in que­sti an­ni ab­bia­mo fat­to un per­cor­so di cre­sci­ta im­por­tan­te, tut­ti in­sie­me, un per­cor­so mol­to po­si­ti­vo in cui sia­mo riu­sci­ti a vincere dei ti­to­li e a tor­na­re in Eu­ro­pa come ci spetta. Cer­che­re­mo di ri­ma­ne­re su que­sti li­vel­li: ai ti­fo­si di­co che ser­ve uni­tà nel so­ste­ne­re la no­stra squa­dra che è com­ple­ta­men­te nuo­va e so­no con­vin­to che al­la fi­ne ot­ter­re­mo quel­lo che vo­glia­mo: le gran­di vit­to­rie. Io sarò fi­no al­la al­la fi­ne ca­ri­co per di­fen­de­re i no­stri co­lo­ri e per ri­pre­sen­tar­ci al­le pros­si­me fi­na­li eu­ro­pee». Quel­la Cham­pions Lea­gue sfug­gi­ta da gio­ca­to­re nel 2003 e da di­ri­gen­te nel giu­gno scor­so a Ber­li­no è l'oriz­zon­te da rag­giun­ge­re. «Pog­ba? E' un gio­ca­to­re di gran­dis­si­mo ta­len­to e pur es­sen­do un clas­se '93 ha fat­to ve­de­re gran­dis­si­me co­se - ra­gio­na Pa­vel - cre­do che non ci sia bi­so­gno di dar­gli trop­pi con­si­gli ba­sta la­sciar­lo cre­sce­re e lui im­pa­ra. Dob­bia­mo far­ci an­che noi la do­man­da se non sia­mo noi a chie­de­re trop­po a un ra­gaz­zo del '93. Paul ha tut­te le pos­si­bi­li­tà di mi­glio­ra­re e cre­sce­re: bi­so­gna la­sciar­lo tran­quil­lo, so­no con­vin­to che avrà un fu­tu­ro gran­dis­si­mo».

GETTY

Pa­vel Ned­ved, 43 an­ni, nuo­vo vi­ce­pre­si­den­te del­la Ju­ven­tus

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.