Par­la la Nar­gi «Vi rac­con­to Ma­tri se­gre­to»

«A ca­sa che si­pa­riet­ti, sia­mo come San­dra e Rai­mon­do»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Da Prima Pagina - di Fa­bri­zio Pa­ta­nia

Lui cen­tra­van­ti, lei mo­del­la. Lui mi­la­ne­se, lei ro­ma­na. Lui se­gna, lei fa so­gna­re. Lui di­sor­di­na­to, lei pron­ta a ri­met­te­re a po­sto la ca­sa. Lui si­len­zio­so, lei tra­vol­gen­te. Lui e lei so­no Ales­san­dro Ma­tri e Fe­de­ri­ca Nar­gi, cop­pia bel­la come il so­le, ep­pu­re qua­si mai in co­per­ti­na. For­se il se­gre­to è pro­prio que­sto. L’ap­pa­ren­za non in­gan­ni. So­no due ra­gaz­zi nor­ma­lis­si­mi, so­lo un po’ in vi­sta, per nien­te snob. Si com­ple­ta­no per­ché il mi­ste­ro dell’amo­re de­ve ave­re un mo­ti­vo per le­ga­re due per­so­ne.

Lui cen­tra­van­ti, lei mo­del­la. Lui mi­la­ne­se, lei ro­ma­na. Lui se­gna, lei fa so­gna­re. Lui di­sor­di­na­to, lei pron­ta a ri­met­te­re a po­sto la ca­sa. Lui si­len­zio­so, lei tra­vol­gen­te. Lui e lei so­no Ales­san­dro Ma­tri e Fe­de­ri­ca Nar­gi, cop­pia bel­la come il so­le, ep­pu­re qua­si mai in co­per­ti­na. For­se il se­gre­to è pro­prio que­sto. L’ap­pa­ren­za non in­gan­ni. So­no due ra­gaz­zi nor­ma­lis­si­mi, so­lo un po’ in vi­sta, per nien­te snob. Si com­ple­ta­no per­ché il mi­ste­ro dell’amo­re de­ve ave­re un mo­ti­vo per le­ga­re due per­so­ne. Una mi­sce­la esplo­si­va. Se c’è Fe­de in tri­bu­na, Ale in cam­po si sca­te­na. E’ suc­ces­so il 13 set­tem­bre, nel­la se­ra del suo de­but­to con la Lazio. La Nar­gi, pri­ma del­la par­ti­ta, ave­va se­mi­na­to il pa­ni­co (tra sel­fie e fo­to con i te­le­fo­ni­ni) in Mon­te Ma­rio. Ma­tri è en­tra­to nel­la ri­pre­sa e ha cam­bia­to la par­ti­ta, se­gnan­do due gol all’Udi­ne­se in die­ci mi­nu­ti. E’ tor­na­ta con il Ro­sen­borg, Ale ha tim­bra­to un al­tro gol più un as­si­st e ades­so è lì che si gio­ca il po­sto con Klose e Djor­d­je­vic, pro­van­do a met­te­re in cri­si Pio­li. Fe­de­ri­ca, quan­do può c’è, e quan­do non può, per­ché il la­vo­ro la porta a viag­gia­re qua­si quan­to un cal­cia­to­re, lo as­si­ste da lon­ta­no.

Fun­zio­na co­sì, e be­ne, da set­te an­ni. Il gran­de pub­bli­co l’ha co­no­sciu­ta come ve­li­na. Non si è fer­ma­ta a Stri­scia la No­ti­zia. Ha con­ti­nua­to a stu­dia­re can­to e re­ci­ta­zio­ne, ha de­but­ta­to in tea­tro con Ci­ril­li, so­gna di re­ci­ta­re in un mu­si­cal, sta la­vo­ran­do in te­le­vi­sio­ne. Da po­che set­ti­ma­ne con­du­ce Pre­mium Ma­ga­zi­ne sui ca­na­li Me­dia­set. E do­po un in­se­gui­men­to du­ra­to un me­se e mezzo ha ac­cet­ta­to di par­la­re con il Cor­rie­re del­lo Spor­tS­ta­dio in una ra­ris­si­ma in­ter­vi­sta. Ci ha rac­con­ta­to il suo amo­re con Ales­san­dro e per Ro­ma, la cit­tà in cui è na­ta e cre­sciu­ta e dove ora è tor­na­ta, sen­za rin­ne­ga­re le pro­prie ori­gi­ni di pe­ri­fe­ria. Per­ché la fa­mi­glia, una fa­mi­glia ro­ma­na del­la porta ac­can­to, le ha da­to edu­ca­zio­ne, gar­bo, or­go­glio. Ec­co Fe­de­ri­ca Nar­gi. So­la­re. Bel­lis­si­ma. Ve­ra. sto­ria in mo­do mol­to sem­pli­ce, come d'al­tron­de sia­mo noi, il più lon­ta­no pos­si­bi­le dal gos­sip, an­che se non è sem­pre fa­ci­le es­sen­do due per­so­nag­gi pub­bli­ci. E’ per que­sto che in set­te an­ni non ab­bia­mo mai ri­la­scia­to in­ter­vi­ste in­sie­me che par­las­se­ro di noi».

Quan­do vi sie­te co­no­sciu­ti? E com’è na­ta la scin­til­la? Ales­san­dro ha con­qui­sta­to Fe­de­ri­ca o Fe­de­ri­ca ha con­qui­sta­to Ales­san­dro? «Ci sia­mo co­no­sciu­ti esat­ta­men­te nel no­vem­bre del 2008 a Mi­la­no tra­mi­te ami­ci in co­mu­ne. Da par­te sua è sta­to su­bi­to col­po di ful­mi­ne. E da quel mo­men­to ha co­min­cia­to a cor­teg­giar­mi. Mi pia­ce­va es­se­re cor­teg­gia­ta, mi pia­ce­va te­ner­lo sul­lo spi­ne. Era trop­po... per­fet­to. Edu­ca­to, ri­spet­to­so, mai una parola fuo­ri po­sto, ti­mi­do, sem­pre con il sor­ri­so, sem­pre cal­mo, un ra­gaz­zo sem­pli­cis­si­mo, con gran­de at­tac­ca­men­to al­la sua fa­mi­glia, ai suoi ami­ci di sem­pre. Per­fet­to, come di­ce­vo. Den­tro di me pen­sa­vo: non può es­se­re ve­ro, qual­che di­fet­to lo de­ve ave­re... C'è vo­lu­to un po’ di tem­po, ma al­la fi­ne ho ce­du­to. E ora so­no set­te an­ni che stia­mo in­sie­me».

Se do­ves­se de­scri­ve­re il ca­rat­te­re di Ales­san­dro in po­che parole co­sa di­reb­be? «Di­rei che è una per­so­na estre­ma­men­te buo­na. Dà cuo­re e ani­ma per le per­so­ne che ama. Ne po­trei di­re tan­te al­tre: vo­len­te­ro­so, pro­fes­sio­na­le, de­ter­mi­na­to. Tan­to for­te quan­to sen­si­bi­le. Ama la tran­quil­li­tà, non è un gran­dis­si­mo chiac­chie­ro­ne, ma pos­so ga­ran­ti­re che è dav­ve­ro co­mi­co. I no­stri ami­ci ci chia­ma­no San­dra e Rai­mon­do. Si apro­no dei ve­ri e pro­pri si­pa­riet­ti in ca­sa, tra bron­to­lii e pre­se in gi­ro, sem­pre con il sor­ri­so ov­via­men­te. Non ci an­no­ia­mo mai».

In ca­sa come si com­por­ta? Or­di­na­to o di­sor­di­na­to? Qua­li so­no i di­fet­ti che gli rim­pro­ve­ra spes­so e qua­li so­no i pregi per cui va sem­pre per­do­na­to? «Ar­ri­via­mo sul più bel­lo. In ca­sa è un ve­ro e pro­prio di­sa­stro. Mol­to di­sor­di­na­to. Quan­do man­co qual­che gior­no da ca­sa, al mio rien­tro sem­bra sia­no pas­sa­ti i la­dri... Sa­la, cu­ci­na, ca­me­ra, ba­gno: tut­te le stan­ze so­no in­va­se. Tro­vo ovun­que ve­sti­ti, scar­pe, cal­zi­ni e mu­tan­de. Pri­ma di apri­re la porta di ca­sa fac­cio sem­pre un gran­de so­spi­ro per pre­pa­rar­mi al peg­gio. So­no an­ni che cer­co di cam­biar­lo ma nien­te da fa­re. Men­tre io so­no ma­nia­ca dell'or­di­ne e del­la pu­li­zia a li­vel­li esa­ge­ra­ti. Sto sem­pre con la pez­zet­ta in ma­no».

Lei è na­ta a Ro­ma. Quan­to è sta­to im­por­tan­te que­sto aspet­to nel­la scel­ta di Ales­san­dro per ac­cet­ta­re il trasferime­nto al­la Lazio? Po­co? Tan­to? O nien­te? «So­no na­ta e cre­sciu­ta a Ro­ma, ma per la­vo­ro da tan­ti an­ni vi­vo a Mi­la­no. Il fat­to di es­se­re ro­ma­na ha in­flui­to re­la­ti­va­men­te sulla scel­ta di Ales­san­dro. Come gli ho sem­pre det­to: que­sto è il tuo la­vo­ro, pren­di la de­ci­sio­ne mi­glio­re per te, che ti fac­cia sta­re be­ne e se­re­no. Sei fe­li­ce tu, so­no fe­li­ce an­che io. E ora lo am­met­to: so­no fe­li­cis­si­ma, fi­nal­men­te mi go­do i miei ge­ni­to­ri, mia so­rel­la Clau­dia e mia non­na. So­no an­da­ta via da ca­sa quan­do ero mol­to pic­co­la e l'af­fet­to e la vi­ci­nan­za del­la mia fa­mi­glia mi man­ca­va­no».

Quan­do Fe­de­ri­ca è all’Olim­pi­co, Ales­san­dro se­gna. Porta for­tu­na? An­da­va al­lo sta­dio an­che quan­do Ales­san­dro gio­ca­va in al­tre squa­dre? «Vor­rei se­guir­lo di più, an­dan­do ogni vol­ta al­lo sta- dio, per­ché a lui fa mol­to pia­ce­re. Ap­pe­na pos­si­bi­le e quan­do non ho im­pe­gni di la­vo­ro so­no pre­sen­te. Come lo ero an­che quan­do gio­ca­va in al­tre squa­dre. E’ im­por­tan­te per lui il mio so­ste­gno e quel­lo del­la fa­mi­glia. An­che il fra­tel­lo, la mam­ma e il papà cer­ca­no di se­guir­lo il più pos­si­bi­le. Il mio la­vo­ro mi porta ad es­se­re spes­so lon­ta­na da ca­sa, sem­pre con la va­li­gia pron­ta per par­ti­re. E quan­do so­no a ca­sa vo­glio so­ste­ner­lo».

Fe­de­ri­ca al cal­cio si è av­vi­ci­na­ta per Ales­san­dro o lo se­gui­va an­che pri­ma? Era ti­fo­sa di qual­che squa­dra? «Al cal­cio mi so­no av­vi­ci­na­ta per Ales­san­dro. Do­po an­ni an­co­ra non ca­pi­sco mol­to, ma quan­do guar­do le par­ti­te so­no una ve­ra ti­fo­sa, su­per con­cen­tra­ta con tut­ti i miei ri­ti sca­ra­man­ti­ci. Pri­ma di fi­dan­zar­mi con Ale non se­gui­vo as­so­lu­ta­men­te il cal­cio e non ti­fa­vo as­so­lu­ta­men­te per nes­su­na squa­dra. Ora ti­fo per il mio Ale».

Fe­de­ri­ca dove è cre­sciu­ta a Ro­ma? Con Ales­san­dro in qua­le zo­na del­la cit­tà ave­te scel­to di sta­re? «So­no cre­sciu­ta nel­la pe­ri­fe­ria di Ro­ma, esat­ta­men­te a Tor Bel­la Mo­na­ca, e quan­do lo di­co le per­so­ne mi guar­da­no in­cre­du­le. Ma io non rin­ne­go le mie ori­gi­ni e non me ne ver­go­gno af­fat­to. Pur­trop­po par­lia­mo di un quar­tie­re po­po­la­re, mol­to spes­so al cen­tro del di­bat­ti­to pub­bli­co per te­ma­ti­che con­nes­se al­la cri­mi­na­li­tà lo­ca­le. Non è il Bro­nx, ma un quar­tie­re mol­to dif­fi­ci­le, dove si può cre­sce­re one­sta­men­te e dove è fa­ci­lis­si­mo pren­de­re una stra­da sba­glia­ta. Poi ci sia­mo tra­sfe­ri­ti a Tor Ver­ga­ta, dove i miei vi­vo­no tut­to­ra. Da quan­do Ales­san­dro gio­ca nel­la Lazio, so­no tor­na­ta a Ro­ma e ab­bia­mo pre­so ca­sa in zo­na Fle­ming, per-

La scin­til­la «Per lui col­po di ful­mi­ne, mi pia­ce­va te­ner­lo sul­le spi­ne e pen­sa­vo: pos­si­bi­le che sia per­fet­to? Poi ho ce­du­to...»

La quo­ti­dia­ni­tà

«E’ di­sor­di­na­to e non riesco a cam­biar­lo, quan­do tor­no a ca­sa fac­cio un so­spi­ro. Come se fos­se­ro pas­sa­ti i la­dri...»

Il suo ca­rat­te­re «E’ buo­no, dà ani­ma e cuo­re a chi ama. Sen­si­bi­le, non è un chiac­chie­ro­ne, sa es­se­re co­mi­co. E sor­ri­de sem­pre»

Il cal­cio

«Ca­pi­sco po­co, fac­cio il ti­fo per Ale e quan­do pos­so so­no al­lo sta­dio per so­ste­ner­lo con tut­ti i miei ri­ti sca­ra­man­ti­ci»

ché è mol­to co­mo­da e per lui più vi­ci­na per rag­giun­ge­re For­mel­lo e an­da­re ad al­le­nar­si».

Sod­di­sfa­zio­ni, de­lu­sio­ni, mo­men­ti com­pli­ca­ti, suc­ces­so: quan­to porta Ales­san­dro del­la sua vi­ta spor­ti­va in fa­mi­glia? «Il fat­to­re de­ter­mi­nan­te per fa­re di uno spor­ti­vo un atle­ta non è so­lo il suo ta­len­to ma la tran­quil­li­tà men­ta­le. Nel­la car­rie­ra di un cal­cia­to­re ci so­no mo­men­ti bel­li e pe­rio­di me­no fe­li­ci, non sem­pre uno rie­sce a da­re tut­to come vor­reb­be. E an­che Ales­san­dro ha vis­su­to pe­rio­di dif­fi­ci­li, dove il suo umo­re era ve­ra­men­te giù. In quei ca­si non sai co­sa fa­re, hai sem­pre pau­ra di di­re una parola di trop­po o la parola sba­glia­ta, e vor­re­sti so­lo ve­der­lo fe­li­ce. Ten­de a te­ner­si tut­to den­tro. In quei ca­si io, la sua fa­mi­glia e i suoi ami­ci cer­chia­mo di star­gli il più vi­ci­no pos­si­bi­le. Le per­so­ne che ama so­no la sua più gran­de for­za».

Sie­te con­si­de­ra­ti una bel­lis­si­ma cop­pia. E’ più ge­lo­sa Fe­de­ri­ca o è più ge­lo­so Ales­san­dro? Op­pu­re nes­su­no dei due al­tri­men­ti sa­reb­be im­pos­si­bi­le... «Mol­to più ge­lo­sa io, ma an­che lui non scher­za. La dif­fe­ren­za è che io so­no mol­to istin­ti­va e quin­di ester­no in ma­nie­ra mol­to evi­den­te la mia ge­lo­sia. Men­tre lui ti­ra del­le de­li­ca­te frec­cia­ti­ne che so­no, se­con­do il mio pun­to di vi­sta, mol­to più pun­gen­ti e fa­sti­dio­se. Ma un po’ di ge­lo­sia sa­na nel­la cop­pia ser­ve, al­tri­men­ti tut­to sa­reb­be mol­to no­io­so».

Le ca­pi­ta mai di cri­ti­ca­re Ales­san­dro per una par­ti­ta op­pu­re è lui che si sfo­ga e rac­con­ta? «Non mi ca­pi­ta mai di cri­ti­car­lo per come ha gio­ca­to. An­che per­ché una cri- ti­ca da par­te mia, che ca­pi­sco po­co di cal­cio, fa­reb­be ve­ra­men­te ri­de­re».

Ha ap­pe­na co­min­cia­to una nuo­va av­ven­tu­ra a Pre­mium. Ce ne può par­la­re? Che ti­po di espe­rien­za sa­rà? «Ho ini­zia­to que­sta nuo­vis­si­ma av­ven­tu­ra come con­dut­tri­ce su Me­dia­set Pre­mium. La tra­smis­sio­ne si chia­ma Pre­mium Ma­ga­zi­ne. Si par­la di ci­ne­ma, se­rie tv, sport e tan­to al­tro. In stu­dio ogni settimana ci so­no ospi­ti del mon­do del­lo spet­ta­co­lo, del cal­cio e del ci­ne­ma, in­ter­vi­sta­ti da me, col­le­ga­men­ti te­le­fo­ni­ci e vi­deo in­ter­vi­ste. E’ un'espe­rien­za che mi ve­de com­ple­ta­men­te sot­to un’al­tra ve­ste. An­dia­mo in on­da la do­me­ni­ca e il lu­ne­dì, più vol­te al gior­no, sui va­ri ca­na­li Me­dia­set Pre­mium. In que­sti an­ni ho sem­pre con­ti­nua­to a stu­dia­re, fre­quen­tan­do cor­si di re­ci­ta­zio­ne, di­zio­ne e can­to. Un mi­ni­mo di pre­pa­ra­zio­ne ser­ve. Il mio gran­de so­gno? Fa­re un mu­si­cal a tea­tro».

Ales­san­dro dà con­si­gli e sug­ge­ri­men­ti al suo mo­do di fa­re te­le­vi­sio­ne? «L'uni­co con­si­glio che mi ha sem­pre da­to sul la­vo­ro è quel­lo di es­se­re sem­pre me stes­sa».

Il so­gno di Fe­de­ri­ca è che la Lazio riscatti Ales­san­dro in mo­do da re­sta­re a Ro­ma? Op­pu­re nei di­scor­si di car­rie­ra me­glio non en­tra­re? «Di­cia­mo che non mi pia­ce in­fluen­za­re Ales­san­dro con ciò che fa­reb­be pia­ce­re a me. Qual­sia­si scel­ta lui prenda, io so­no pron­ta a se­guir­lo e so­ste­ner­lo».

In can­tie­re c’è una fa­mi­glia tut­ta vo­stra e dei bam­bi­ni? E tra quan­to tem­po? Op­pu­re non è il ca­so di par­lar­ne? «Si­cu­ra­men­te tra i no­stri pro­get­ti fu­tu­ri c'è quel­lo di met­te­re su fa­mi­glia».

So­cial, ami­ci, vi­ta quo­ti­dia­ni, rap­por­ti. Qual è la dif­fe­ren­za tra Mi­la­no e Ro­ma per una cop­pia pie­na di vi­si­bi­li­tà come la vo­stra? E quan­to ama Ro­ma? «Nes­su­na dif­fe­ren­za tra Ro­ma e Mi­la­no, per­ché con­du­cia­mo sem­pre una vi­ta mol­to tran­quil­la. E quan­do uscia­mo l'af­fet­to del­la gen­te fa sem­pre pia­ce­re. Amo tut­to di Ro­ma. Una cit­tà dal­le mil­le fac­ce, una cit­tà ve­ra­men­te in­cre­di­bi­le, ma­gi­ca e pie­na di ener­gia. Non si fi­ni­sce mai di co­no­scer­la. Mi pia­ce vi­ver­la. No­no­stan­te per me sia la nor­ma­li­tà, quan­do va­do in gi­ro ri­man­go sem­pre esta­sia­ta da tan­ta bel­lez­za, non ci si abi­tua mai a Ro­ma».

Le ori­gi­ni «So­no di Tor Bel­la Mo­na­ca e non me ne ver­go­gno: è so­lo un quar­tie­re dif­fi­ci­le in cui si può cre­sce­re one­sta­men­te»

La fa­mi­glia «I miei vi­vo­no a Tor Ver­ga­ta: so­no an­da­ta via da pic­co­la Ora pos­so go­der­mi i ge­ni­to­ri, mia so­rel­la e mia non­na»

Con Ales­san­dro «Sia­mo in zo­na Fle­ming, più vi­ci­ni a For­mel­lo. Gli ho det­to: se sei fe­li­ce te, so­no fe­li­ce io Non en­tro nel­le sue scel­te»

«Con­du­co Pre­mium Ma­ga­zi­ne e stu­dio re­ci­ta­zio­ne. Il so­gno? Un mu­si­cal a tea­tro. Ale mi dà for­za, vuo­le sia me stes­sa» «So­no mol­to più ge­lo­sa io ma an­che lui non scher­za La dif­fe­ren­za: io so­no istin­ti­va e Ale fa bat­tu­ti­ne pun­gen­ti»

L’equi­li­brio «Nel­lo sport è fon­da­men­ta­le la se­re­ni­tà. Ha avu­to mo­men­ti dif­fi­ci­li e lo ve­de­vo giù, non sa­pe­vo co­sa dir­gli. Ora al top»

Ro­ma e Mi­la­no «Non ci so­no tan­te dif­fe­ren­ze an­che per­ché con­du­cia­mo una vi­ta mol­to tran­quil­la L’af­fet­to dei ti­fo­si fa pia­ce­re»

Il fu­tu­ro «Ovun­que gio­chi, so­no pron­ta a se­guir­lo. Io e i suoi sia­mo la sua for­za. Bam­bi­ni? Met­te­re su fa­mi­glia è nei pro­get­ti»

AN­SA

Fe­de­ri­ca Nar­gi al tem­po del­la con­du­zio­ne su Ra­iU­no

Uno stu­pen­do pri­mo pia­no di Fe­de­ri­ca

Fe­de­ri­ca Nar­gi, show girl, da set­te an­ni fi­dan­za­ta di Ales­san­dro Ma­tri Ros­si (36 an­ni) scher­za con un ca­me­ra­man

Al­cu­ne im­ma­gi­ni, gen­til­men­te con­ces­se da Fe­de­ri­ca Nar­gi, con Ales­san­dro Ma­tri. So­no fi­dan­za­ti da set­te an­ni, si so­no co­no­sciu­ti a Mi­la­no, ora vi­vo­no a Ro­ma in zo­na Fle­ming. Fe­de­ri­ca (a de­stra all’Olim­pi­co con la so­rel­la, Clau­dia, e un’ami­ca) è...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.