Rei­na: Co­sì un gior­no mi so­no in­na­mo­ra­to di Na­po­li

Nel 2002 era in va­can­za in cit­tà, co­nob­be un tas­si­sta, gli scris­se una de­di­ca e insieme fe­ce­ro una profezia...

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Bologna - Di Fa­bio Man­da­ri­ni

La bel­la na­ve da cro­cie­ra bat­ten­te ban­die­ra ita­lia­na toc­cò il por­to di Na­po­li un gior­no di giu­gno di tre­di­ci an­ni fa, e lui, che di na­tu­ra ha il so­le den­tro, fe­ce la pas­se­rel­la di cor­sa per non­per­de­re­nean­cheun­mi­nu­to del suo ap­pun­ta­men­to con il de­sti­no. Que­sta è la sto­ria di due uo­mi­ni e una ma­glia. E poi di una pro­mes­sa e di un amo­re fol­le sboc­cia­to all’im­prov­vi­so a bor­do di un ta­xi bian­co che, se al­la fi­ne del­la sta­gio­ne le co­se az­zur­re an­dran­no in un cer­to mo­do, me­ri­te­reb­be qua­si di fi­ni­re in un mu­seo. Si ve­drà. Nel frat­tem­po, do­po aver gi­ra­to l’Eu­ro­pa in uno sca­to­lo­ne, a fi­ni­re in ba­che­ca sa­rà una ma­glia del 2002 del Vil­lar­real con de­di­ca spe­cia­le in lin­gua: “Pa­ra mi amigo Mi­che­le? De un tu­ri­sta ena­mo­ra­do de Na­po­les”. Fir­ma­to, Pe­pe Rei­na.

LA CRO­CIE­RA. E al­lo­ra, pen­na e ca­la­ma­io. Per­ché quel­la in que­stio­ne è una sto­ria ro­man­ti­ca d’al­tri tem­pi che i pro­ta­go­ni­sti han­no con­ser­va­to nel cuo­re per tre­di­ci an­ni - tre­di­ci - sen­za mai di­men­ti­ca­re pa­ro­le e pro­mes­se. Uno spet­ta­co­lo. Cor­re­va l’an­no 2002, di­ce­va­mo, e Rei­na, al­lo­ra ven­ten­ne por­tie­re di pro­prie­tà del Bar­cel­lo­na an­co­ra for­ni­to di ca­pel­li, seb­be­ne piut­to­sto stem­pia­to, de­ci­se di con­ce­der­si la clas­si­ca cro­cie­ra nel Me­di­ter­ra­neo insieme con la sua si­gno­ra, Yo­lan­da, pri­ma di co­min­cia­re la sta­gio­ne in pre­sti­to al Vil­lar­real. Tra le tap­pe, man­co a dir­lo, Na­po­li, me­ta ir­ri­nun­cia­bi­le per un an­da­lu­so, uo­mo del Sud spa­gno­lo, cre­sciu­to nel Ba­rça. Sì, quel­la cit­tà vo­le­va pro­prio vi­si­tar­la per be­ne: ed è qui che en­tra in sce­na il si­gnor tas­si­sta (il fu­tu­ro amigo). Mi­che­le Ma­tu­ro: li­cen­za 2454.

LAPROMESSA.Sbri­ga­te­le­ti­pi­che pra­ti­che da cro­cie­ri­sta, Pe­pe, don­na Yo­lan­da e una cop­pia di ami­ci co­no­sciu­ti a bor­do toc­ca­no ter­ra e si met­to­no al­la ri­cer­ca di un ta­xi. E il caso fa il re­sto: ar­ri­va Mi­che­le, Mul­ti­pla bian­ca e cor­dia­li­tà d’au­to­re, e co­min­cia il tour. Un gi­ro fan­ta­sti­co che, una vol­ta ap­pre­sa la pro­fes­sio­ne di Rei­na, non può che in­clu­de­re lo sta­dio San Pao­lo. Il tem­pio di Ma­ra­do­na. Pe­pe scen­de dall’au­to, chie­de una fo­to con l’are­na al­le spal­le e il si­gnor Mi­che­le gli di­ce: «Un gior­no ti au­gu­ro ti gio­ca­re nel Na­po­li». E lui, fe­li­ce e di­ver­ti­to, ri­lan­cia: «Chis­sà. Per il mo­men­to ti man­de­rò la mia ma­glia del Vil­lar­real».

COL­PO DI SCE­NA. In ef­fet­ti, Rei­na quel­la ma­gliet­ta l’ha an­che spe­di­ta, pe­rò a de­sti­na­zio­ne, cau­sa in­di­riz­zo sba­glia­to, non è mai ar­ri­va­ta. An­zi: il pac­co è tor­na­to in­die­tro al mit­ten­te. An­che Rei­na, an­ni do­po, è ri­tor­na­to a Na­po­li, ben due vol­te, ma è sol­tan­to in oc­ca­sio­ne dell’ul­ti­mo tra­slo­co, da Mo­na­co di Ba­vie­ra, che quel­la ma­glia con tan­to di de­di­ca è sal­ta­ta fuo­ri da uno sca­to­lo­ne insieme con i ri­cor­di. Tre­di­ci an­ni do­po. Per far­la bre­ve, un gior­no do­po il ri­ti­ro esti­vo il por­tie­re az­zur­ro, par­lan­do con An­to­nio, un tas­si­sta re­go­lar­men­te al se­gui­to dei gio­ca­to­ri del Na­po­li, la but­ta lì: «Ma non è che per caso co­no­sci que­sto si­gno­re che co­me te fa­ce­va il tas­si­sta?». Bri­vi­di e oc­chi lu­ci­di: «E’ mio pa­dre». In­cre­di­bi­le ma ve­ro: tre­di­ci an­ni do­po, nel­la ma­nie­ra più in­spe­ra­ta pos­si­bi­le, la con­se­gna sa­rà ef­fet­tua­ta e la pro­mes­sa sa­rà ono­ra­ta.

Il por­tie­re spa­gno­lo ha rac­con­ta­to l’in­cre­di­bi­le sto­ria che lo le­ga al club az­zur­ro e ai ti­fo­si

L’IN­CON­TRO. Al­la fi­ne Pe­pe e il si­gnor Mi­che­le, che og­gi han­no ri­spet­ti­va­men­te 33 e 71 an­ni, si so­no in­con­tra­ti e ab­brac­cia­ti di re­cen­te al­lo sta­dio San Pao­lo: già, pro­prio il luo­go del­la con­sa­cra­zio­ne del­la lo­ro ami­ci­zia all’im­prov­vi­so. E tra i ri­cor­di e gli ab­brac­ci, Rei­na non ha fat­to al­tro che ri­pe­te­re quan­to quel gi­ro in ta­xi riu­scì a scol­pir­gli Na­po­li nel cuo­re. La de­di­ca, del re­sto, par­la chia­ro: “Pa­ra mi amigo? De un tu­ri­sta ena­mo­ra­do de Na­po­les”. In­na­mo­ra­to sin da al­lo­ra di una cit­tà vi­sta con gli oc­chi di Mi­che­le 2454. Ta­xi in ar­ri­vo in tre­di­ci an­ni: at­ten­de­re, pre­go. Tan­to, al­la fi­ne, l’ap­pun­ta­men­to lo ri­spet­te­rà.

Pe­pe Rei­na, 33 an­ni, con il tas­si­sta Mi­che­le Ma­tu­ro

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.