Ma­la­gò: Qui nes­su­no ha ba­ra­to...

«Per­ché non se­gna­la­ta si­tua­zio­ne co­sì ano­ma­la?»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Atletica - Di Lo­ren­zo Sca­lia

Nien­te pa­ni­co nel­le sa­le del Co­ni do­po il ter­re­mo­to che si è ab­bat­tu­to sull'atle­ti­ca leg­ge­ra, toc­can­do no­mi di spic­co co­me Meuc­ci, Ho­we, Do­na­to e Greco.

«Que­sti ra­gaz­zi non so­no per­so­ne che han­no ba­ra­to. Il de­fe­ri­men­to è un at­to do­vu­to», ha vo­lu­to sot­to­li­nea­re Gio­van­ni Ma­la­gò, nu­me­ro uno del­lo sport ita­lia­no, in­ter­ve­nu­to ie­ri in ra­dio a Rtl 102.5.

Nes­su­na col­pe­vo­lez­za di do­ping nel­le car­te del­la Pro­cu­ra di Bol­za­no che con­te­sta ai 26 atle­ti lo scor­ret­to uti­liz­zo di "whe­rea­bou­ts" (tra il 2009 e il 2012), pro­ce­du­ra che ser­ve per co­mu­ni­ca­re gli spo­sta­men­ti ed es­se­re di­spo­ni­bi­li per even­tua­li con­trol­li a sor­pre­sa.

«Nes­su­no co­mun­que ha se­gna­la­to que­sto com­por­ta­men­to ano­ma­lo, nes­su­no ha ef­fet­tua­to un war­ning, un'am­mo­ni­zio­ne, un car­tel­li­no gial­lo, e quin­di si è do­vu­to ne­ces­sa­ria­men­te pre­di­spor­re un at­to do­vu­to nei con­fron­ti di 26 atle­ti su un bloc­co di 65. È sem­pli­ce­men­te un fat­to di pro­ce­du­re di co­mu­ni­ca­zio­ne del­la lo­ro pre­sen­za con dei si­ste­mi che al­lo­ra non era­no Una co­sa sa­rà in­di­spen­sa­bi­le: tem­pi mol­to mol­to ra­pi­di da par­te del Tna. Al di là del­la me­dia­ni­ci­tà del­la co­sa, fa ca­pi­re che sia­mo se­ri, for­se esa­ge­ra­ta­men­te se­ri. Che ri­spet­tia­mo le re­go­le, spe­ro che nel gi­ro di po­co tem­po si di­mo­stri la ve­ri­tà. Non c'è nul­la che at­te­sti il do­ping. La Fe­de­ra­zio­ne di atle­ti­ca leg­ge­ra è una vit­ti­ma».

«La Fi­dal è una vit­ti­ma, ora con­ta so­lo che il Tna si pro­nun­ci in tem­pi mol­to ra­pi­di»

VER­SO RO­MA 2024. Ie­ri Ma­la­gò ha te­nu­to una lec­tio ma­gi­stra­lis agli stu­den­ti del cor­so di lau­rea in Eco­no­mia del­lo Sport del­la Link Cam­pus Uni­ver­si­ty.

«Al mo­men­to ab­bia­mo tut­ti il 25% di pos­si­bi­li­tà, sa­reb­be un gran­de er­ro­re sot­to­va­lu­ta­re le al­tre can­di­da­tu­re. Se­con­do me si va al fotofinish, pun­ta a pun­ta: si vin­ce con i vo­ti de­gli al­tri quan­do esco­no. Con­te­rà il se­con­do, for­se il ter­zo scru­ti­nio».

Il Fo­ro Ita­li­co (ma non ci sa­rà il tennis), l'area del­la Fie­ra di Ro­ma e Tor Ver­ga­ta (se­de del vil­lag­gio olim­pi­co) sa­ran­no il tea­tro del pro­get­to.

«In­con­tre­re­mo Ca­la­tra­va a gen­na­io, con Mon­te­ze­mo­lo e la Bian­che­di, c'è gran­de di­spo­ni­bi­li­tà a ve­ni­re in­con­tro al­le esi­gen­ze del­la can­di­da­tu­ra».

ANSA

Gio­van­ni Ma­la­gò, 56 an­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.