Lip­pi è si­cu­ro «Per il ti­to­lo la Ju­ve c’è»

Il tec­ni­co lan­cia l’obiet­ti­vo: «Con­tro La­zio e Fio­ren­ti­na vo­glio vin­ce­re. Non sia­mo in grup­po, cor­ria­mo da so­li»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Da Prima Pagina - di Fi­lip­po Bon­si­gno­re

Una Ju­ve «da cro­no­me­tro». Mas­si­mi­lia­no Al­le­gri si af­fi­da al pa­ra­go­ne ci­cli­sti­co per il­lu­stra­re il mo­men­to bian­co­ne­ro: «Per noi è una cor­sa a cro­no­me­tro, non sia­mo più den­tro il grup­po ma da so­li a cor­re­re per un obiet­ti­vo». Che è una con­qui­sta gra­dua­le: sca­la­re po­si­zio­ne do­po po­si­zio­ne, con co­stan­za e con­ti­nui­tà, per cer­ca­re di tor­na­re in vet­ta. Il tec­ni­co non vuo­le fer­mar­si sul più bel­lo: le quat­tro vit­to­rie con­se­cu­ti­ve han­no cer­ti­fi­ca­to il ri­tor­no sul­la sce­na dei cam­pio­ni d'Ita­lia, la con­qui­sta con un tur­no d'an­ti­ci­po de­gli ot­ta­vi di fi­na­le di Cham­pions Lea­gue è sta­ta la ci­lie­gi­na sul­la tor­ta di un pe­rio­do po­si­ti­vo che a Vi­no­vo si vuo­le pro­se­gui­re.

«Con la La­zio sa­rà una par­ti­ta mol­to com­pli­ca­ta e dif­fi­ci­le - av­ver­to Max -, la La­zio vie­ne da un pe­rio­do ne­ga­ti­vo ma at­tra­ver­so bel­le pre­sta­zio­ni. Non me­ri­ta­va di per­de­re a Em­po­li e an­che con il Pa­ler­mo ha di­spu­ta­to una buo­na ga­ra. E poi vor­rà ri­scat­ta­re le scon­fit­te con­tro di noi in cop­pa Ita­lia e a Shan­ghai». Quin­di pie­de sull'ac­ce­le­ra­to­re ben pre­mu­to, è la rac­co­man­da­zio­ne al­la trup­pa. «Non pos­sia­mo per­met­ter­ci di fa­re un pas­so fal­so per­ché sia­mo in un mo­men­to de­li­ca­to del cam­pio­na­to e vo­glia­mo con­qui­star­ci un'al­tra po­si­zio­ne all'in­ter­no del­la clas­si­fi­ca».

UNO AL­LA VOL­TA. Il cre­do di Al­le­gri non cam­bia: un pas­so al­la vol­ta, sen­za far­si pren­de­re da an­sia di ri­mon­ta. «Quan­do si rin­cor­re ser­ve equi­li­brio e si de­ve es­se­re lu­ci­di - spie­ga -, guar­da­re chi sta da­van­ti è un pro­ble­ma per­ché se fai un pa­reg­gio sem­bra ti scap­pi l'obiet­ti­vo. Cer­to, il mar­gi­ne di er­ro­re si è as­sot­ti­glia­to per­ché sia­mo in­die­tro, quin­di di­co co­sì per­ché se ca­pi­ta un pa­reg­gio non è che la Ju­ve ha per­so lo scu­det­to, non ci si de­ve de­mo­ra­liz­za­re. La Ju­ve de­ve ac­chiap­pa­re per pri­ma co­sa il quar­to po­sto, e ma­ga­ri non ba­ste­rà una so­la par­ti­ta, poi ci so­no dei nu­me­ri chia­ri: da­gli 80 pun­ti in su vin­ci il cam­pio­na­to, dai 70 agli 80 ar­ri­vi se­con­do o ter­zo; noi dob­bia­mo ba­sar­ci su quei nu­me­ri e fa­re un per­cor­so. Dob­bia­mo por­ci mi­ni obiet­ti­vi, da set­ti­mi sia­mo pas­sa­ti se­sti, ora quin­ti; ades­so ab­bia­mo La­zio e Fio­ren­ti­na, due scon­tri di­ret­ti, e dob­bia­mo pen­sa­re a rag­giun­ge­re il quar­to po­sto. Dob­bia­mo fa­re un tot di pun­ti e poi ve­dre­mo se ba­ste­rà per ar­ri­va­re pri­mi, se­con­di o ter­zi».

NO SCAM­BI. La vet­ta è lon­ta­na set­te pun­ti, in­tan­to la Ju­ve ha re­cu­pe­ra­to nell'ul­ti­mo me­se pun­ti a tut­te le squa­dre che la pre­ce­do­no: tre all'In­ter, quat­tro al­la Fio­ren­ti­na, ot­to al­la Ro­ma e an­che due al­la ca­po­li­sta Na­po­li. «I set­te pun­ti di dif­fe­ren­za dal­la squa­dra di Sar­ri li ab­bia­mo la­scia­ti per stra­da noi tra Udinese, Chie­vo e Fro­si­no­ne - ri­le­va Al­le­gri -. Non so­no do­vu­ti so­lo a Hi­guain, che pu­re sta di­spu­tan­do la mi­glio­re sta­gio­ne da quan­do è in Ita­lia. Non scam­bie­rei nes­su­no con il Na­po­li, non scam­bie­rei Dy­ba­la con il Pi­pi­ta: Pau­lo sta bru­cian­do le tap­pe, da quan­do è ar­ri­va­to ha fat­to pro­gres­si im­por­tan­ti sia per il gio­co, sia per la po­si­zio­ne in cam­po che per la po­si­zio­ne in cam­po. In un con­te­sto che fun­zio­na, gio­ca­to­ri co­me Hi­guain, Dy­ba­la, Mes­si, Ney­mar, Lewan­do­w­ski, Cri­stia­no Ro­nal­do pos­so­no fa­re tut­ti la dif­fe­ren­za, il gran­de cam­pio­ne ha bi­so­gno del so­ste­gno del­la squa­dra».

FU­TU­RO. E par­lan­do di gran­di squa­dre ce n'è una, il Man­che­ster Uni­ted, cui è sta­to ac­co­sta­to il no­me di Al­le­gri per la pros­si­ma sta­gio­ne. Un fu­tu­ro in Pre­mier Lea­gue per il tec­ni­co? Max chia­ri­sce: «Ho un con­trat­to con la Ju­ve fi­no al 2017, so­no con­ten­to di sta­re qui e so­no con­cen­tra­to su­gli obiet­ti­vi di que­st'an­no che so­no mol­to più im­por­tan­ti del­le vo­ci che ven­go­no e che ver­ran­no fuo­ri». Poi la met­te sul ri­de­re ri­vol­gen­do­si ai gior­na­li­sti: «Tra l'al­tro, tra un me­se ini­zie­rà il mer­ca­to di gen­na­io e sa­re­te con­ten­ti, co­sì po­tre­te spo­sta­re i gio­ca­to­ri da una squa­dra all'al­tra. Se io aves­si la stes­sa fa­ci­li­tà nel fa­re le for­ma­zio­ni co­me voi a spo­sta­re i gio­ca­to­ri, vin­ce­rem­mo qual­che par­ti­ta in più... Pen­sia­mo a quel­lo che dob­bia­mo fa­re, al­la par­ti­ta, che è la co­sa più im­por­tan­te».

«So­pra gli 80 pun­ti si vin­ce lo scu­det­to, tra i 70 e gli 80 ar­ri­vi se­con­do o ter­zo, ve­dia­mo...» «Hi­guain de­ci­si­vo? Non lo scam­bie­rei con Dy­ba­la, ma non ri­nun­ce­rei a nes­su­no dei miei»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.