FREY So­no stan­co del cal­cio

«Smet­to, non vo­glio av­ve­le­na­re i miei ri­cor­di Il pal­lo­ne si è spor­ca­to, ma si può an­co­ra pu­li­re»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Primo Piano - Di Ales­san­dra Giar­di­ni

a Cri­stia­no. Non san­no che co­sa è sta­to Ro­nal­do quel­lo ve­ro. Quel­la se­ra dis­si al mio pro­cu­ra­to­re: io vo­glio ve­ni­re qui, in que­sta squa­dra».

Il prin­ci­pio «All’In­ter mi sem­bra­va di es­se­re al ci­ne­ma, col po­p­corn: sta­vo in por­ta e ve­de­vo al­le­nar­si Ro­nal­do e Bag­gio»

Le sfi­de «A Par­ma non ave­vo pen­sa­to che avrei do­vu­to so­sti­tui­re Buf­fon: io ve­ni­vo dall’In­ter... Ma poi me ne ac­cor­si»

I mo­del­li «Non tor­ne­rò ma se un gior­no fa­ces­si l’al­le­na­to­re vor­rei co­pia­re Mou­ri­n­ho, fa da scu­do ai suoi gio­ca­to­ri»

Non dev’es­se­re sta­to sem­pli­ce. «A Mar­si­glia sa­rei sta­to pra­ti­ca­men­te a ca­sa, avrei fat­to me­no fa­ti­ca. Ma co­sì so­no di­ven­ta­to adul­to in fret­ta. E’ sta­to dif­fi­ci­le, mi han­no aiu­ta­to so­prat­tut­to quel­li che par­la­va­no fran­ce­se, Cauet è sta­to un al­tro pa­dre per me, an­che Ta­ri­bo We­st nel­la sua paz­zia ha da­to un con­tri­bu­to. Mi co­strin­si a im­pa­ra­re l’ita­lia­no al­la svel­ta. E l’In­ter al­lo­ra era una fa­mi­glia. Non vo­glio di­re che trat­tas­se­ro Frey co­me Ro­nal­do, ma a li­vel­lo uma­no era­va­mo tut­ti ugua­li. Og­gi que­sto si è per­so. Il pri­mo an­no mi al­le­na­vo e con­ti­nua­vo a guar­da­re Ro­nal­do e Bag­gio. Po­te­vo an­che an­da­re in por­ta con gli oc­chia­li­ni per il 3d e il po­p­corn, co­me al ci­ne­ma».

In­ve­ce se ne an­dò a Ve­ro­na.

Se­ba­stien Frey nel giar­di­no del­la sua ca­sa di Niz­za, cir­con­da­to da tut­te le sue ma­glie

ha ri­tro­va­to più avan­ti a Fi­ren­ze. «In tan­ti an­ni si è crea­to un gran rap­por­to di la­vo­ro, c’è sta­ta sti­ma re­ci­pro­ca e po­co di più».

Ave­te vis­su­to il crac di Tan­zi. «Non vo­glio en­tra­re in quel­lo che Tan­zi ha fat­to nel­la Par­ma­lat, è qual­co­sa di im­per­do­na­bi­le. Ma del mio pre­si­den­te io pos­so par­la­re so­lo be­ne, mi ha fat­to sta­re be­ne, mi ha sem­pre da­to ri­spet­to».

Co­me ri­cor­da quel­lo che suc­ces­se? «Dal­la se­ra al­la mat­ti­na ci dis­se­ro che non c’era­no più sol­di. Ave­va­mo due stra­de: po­te­va­mo met­te­re in mo­ra la so­cie­tà e fa­re una fi­gu­ra di mer­da, o fi­ni­re il cam­pio­na­to con ono­re. Ar­ri­vam­mo quin­ti, lot­tan­do per un po­sto in Cham­pions fi­no a due giornate dal­la fi­ne. Rin­gra­zio tut­ti i miei com­pa­gni di quel Par­ma, uo­mi­ni ve­ri».

«Ho cer­ca­to di pro­teg­ge­re mio fi­glio dal cal­cio. Non ci so­no riu­sci­to: gio­ca nel Milan, gli au­gu­ro di far­ce­la»

Il Par­ma lo la­sciò co­mun­que in A. «Lo ave­vo pro­mes­so. Lo spa­reg­gio di Bo­lo­gna ri­ma­ne uno dei gior­ni più emo­zio­nan­ti del­la mia car­rie­ra: non ho dor­mi­to la se­ra pri­ma, non mi è mai suc­ces­so, io so­no uno che al­le no­ve va a let­to e al­le die­ci dor­me».

E ades­so il Par­ma è in Se­rie D. «Quel­lo che è suc­ces­so è una tri­stez­za. Peg­gio: uno schi­fo. Una squa­dra sto­ri­ca del cal­cio ita­lia­no, che ha avu­to cam­pio­ni in­cre­di­bi­li. Ma ve­do che la gen­te sta se­guen­do la nuo­va so­cie­tà. Bel­lo».

Sca­la cre­de nel cal­cio bio­lo­gi­co, sen­za ve­le­ni. Lo vuo­le por­ta­re fi­no al­la Se­rie A. «Può es­se­re un bel so­gno, ma sa­rà dif­fi­ci­le ar­ri­va­re fi­no ai mas­si­mi li­vel­li con que­sti prin­ci­pi. E’ dif­fi­ci­le che una so­cie­tà pos­sa con­trol­la­re pro­prio tut­to».

Da Par­ma a Fi­ren­ze. «Un col­po di ful­mi­ne. E’ la cit­tà idea­le, bel­la che non ti stan­chi mai di guar­dar­la. E pie­na di ca­lo­re, di pas­sio­ne. Quan­do mi fe­ci ma­le il chi­rur­go mi dis­se che for­se avrei do­vu­to smet­te­re di gio­ca­re. In­ve­ce ce la fe­ci. A Fi­ren­ze so­no sta­te sta­gio­ni bel­lis­si­me, qua­si mi­ra­co­lo­se».

E an­che lì un bel gua­io, cal­cio­po­li. «Lo sen­tim­mo in ti­vù, ci sem­bra­va uno scher­zo. Co­me quan­do ci dis­se­ro che po­te­va­mo ri­ma­ne­re in A, ma par­ten­do da me­no di­cian­no­ve. Mi ri­cor­do le due clas­si­fi­che che met­tem­mo ne­gli spo­glia­toi, quel­la ve­ra e quel­la con­qui­sta­ta sul cam­po. La pe­na­li­tà ci die­de una for­za in­cre­di­bi­le, chiu­si in una bol­la ti­ram­mo fuo­ri tut­to quel­lo che ave­va­mo, e an­che di più».

Ha ami­ci nel mon­do del cal­cio? «No. Co­no­scen­ti tan­ti. Mol­te per­so­ne a cui vo­glio be­ne. Ma ami­ci ami­ci no. I miei ami­ci so­no quel­li di quan­do ero pic­co­lo. Bru­no vi­ve a Pa­ri­gi, ma Ma­rio è an­co­ra a Niz­za, gio­chia­mo a tennis, ci ve­dia­mo tut­ti i gior­ni».

Lei ha gio­ca­to con Pau­lo Sou­sa. «Ve­ra­men­te gio­ca­va lui, io no. Era il pri­mo an­no all’In­ter. Quan­do l’ho vi­sto ades­so non l’ho ri­co­no­sciu­to, ma quan­to è ma­gro? Al­lo­ra era un cam­pio­ne in­ter­na­zio­na­le, bel­lis­si­mo, c’era la fi­la del­le ra­gaz­zi­ne fuo­ri dal­la Pi­ne­ti­na. Ed era uno di quel­li che mi han­no tra­smes­so va­lo­ri di una vol­ta: se ve­de­va uno dei gio­va­ni sul let­ti­no dei mas­sag­gi, lo pren­de­va per un orec­chio e lo ti­ra­va giù, di­ce­va che i gio­va­ni non han­no bi­so­gno di mas­sag­gi. Ma­ga­ri ti può sem­bra­re un di­scor­so da ca­ser­ma, ma cer­ti va­lo­ri ai gio­va­ni van­no tra­smes­si. Ades­so se a fi­ne al­le­na­men­to chie­di a un ra­gaz­zo di rac­co­glie­re i pal­lo­ni ti man­da a quel pae­se. O te­le­fo­na al suo pro­cu­ra­to­re per la­men­tar­si».

Se un gior­no de­ci­des­se di di­ven­ta­re al­le­na­to­re, a chi vor­reb­be as­so­mi­glia­re? «A Mou­ri­n­ho. E’ uno che fa da scu­do ai suoi gio­ca­to­ri, fa la par­te dell’an­ti­pa­ti­co per pro­teg­ger­li. E’ una qua­li­tà che non ha prez­zo. In­fat­ti fra i gio­ca­to­ri so­no po­chis­si­mi quel­li che ne par­la­no ma­le».

E se fa­ces­se una paz­zia, se di­ven­tas­se pre­si­den­te di una so­cie­tà? «Vor­rei ave­re la bon­tà di Mo­rat­ti, che per noi era un pa­dre, la gen­ti­lez­za di Tan­zi, la clas­se dei Del­la Val­le, gran­di im­pren­di­to­ri che dal nien­te han­no crea­to una gran­de squa­dra, e (pen­sa pa­rec­chio al­la pa­ro­la da usa­re, poi pe­sca nel suo ita­lia­no im­pec­ca­bi­le, ndr) l’ori­gi­na­li­tà di Pre­zio­si, che ha cre­du­to in me quan­do ave­vo trent’an­ni».

Se­ba­stien, si sen­te in guer­ra? «Il no­stro pre­si­den­te l’ha chia­ma­ta guer­ra, io pre­fe­ri­sco di­re che c’è una si­tua­zio­ne mol­to de­li­ca­ta da ri­sol­ve­re. Ho pau­ra. Per­ché la Fran­cia è ca­sa mia, e so­no en­tra­ti in ca­sa no­stra. Io ero all’Ope­ra di Niz­za quan­do c’è sta­to l’at­tac­co a Pa­ri­gi, per tre gior­ni so­no ri­ma­sto sve­glio tut­ta la not­te a guar­da­re te­le­gior­na­li, per quat­tro gior­ni non so­no usci­to di ca­sa. Pe­rò non si può smet­te­re di vi­ve­re. Cer­to, da pa­dre ho mol­ta pau­ra».

Che cos’è per lei la re­li­gio­ne? «Un ap­pog­gio, un pun­to di ri­fe­ri­men­to. Mi so­no av­vi­ci­na­to al bud­di­smo do­po l’in­for­tu­nio. Ero pie­no di dub­bi, di in­cer­tez­ze, te­le­fo­nai a Bag­gio e gli spie­gai la mia de­bo­lez­za. Ave­vo sem­pre av­ver­ti­to un’on­da stra­na ve­ni­re da lui, Ro­ber­to è uno che tra­smet­te se­re­ni­tà. Mi mi­se in con­tat­to con Mau­ri­zio, e lui col bud­di­smo. La fe­de mi ha cam­bia­to la vi­ta».

Co­me si può uc­ci­de­re in no­me del­la re­li­gio­ne? «E’ una bu­gia. Nes­su­na re­li­gio­ne chie­de que­sto ai suoi fe­de­li, non esi­ste».

In Tur­chia ave­va av­ver­ti­to che qual­co­sa sta­va cam­bian­do? «Non fi­no al­lo scor­so gen­na­io. Do­po l’agguato di Char­lie Heb­do il go­ver­no ci man­dò una mail di­cen­do che se le co­se fos­se- le pre­sen­ze di Frey con la Na­zio­na­le fran­ce­se, l’ul­ti­ma nel 2008. il tro­feo vin­to in car­rie­ra: la cop­pa Ita­lia 2002 con il Par­ma.

FO­TO CLAU­DIO VIL­LA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.