Vonn, vit­to­ria n. 17 a La­ke Loui­se

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - SCI/ COPPA DEL MUNDO - A.d.

In un su­pe­rG che tan­to su­per non è sta­to, con la par­ten­za ab­bas­sa­ta per il mal­tem­po e una trac­cia­tu­ra da ve­ro e pro­prio gi­gan­te, non c'è da stu­pir­si se a vin­ce­re è Mar­cel Hir­scher. An­che se un po' fa spe­cie, per­ché al can­ni­ba­le au­stria­co an­co­ra man­ca­va il suc­ces­so in Cop­pa del Mon­do in que­sta di­sci­pli­na, scor­ta­to sul po­dio dai due fu­nam­bo­li sta­tu­ni­ten­si Ted Li­ge­ty e An­drew Wei­bre­cht, men­tre tut­ti gli uo­mi­ni jet più at­te­si fi­ni­va­no nel­le re­tro­vie, com­pre­so il do­mi­na­to­re Svin­dal, ano­ni­mo ven­tu­ne­si­mo. Ad ave­re un po' di rammarico in que­sta ga­ra ine­di­ta sem­mai è l'Ita­lia, per­ché pri­ma del­la di­sce­sa di Li­ge­ty, sul gra­di­no più bas­so, in coa­bi­ta­zio­ne col fran­ce­se Adrien Theaux, met­te­va Mat­tia Cas­se. Ogni vol­ta che ve­ni­va in­qua­dra­to dal­le te­le­ca­me­re, il ven­ti­cin­quen­ne pie­mon­te­se cre­sciu­to sul­le ne­vi di Ou­lx qua­si sem­bra­va na­scon­der­si, co­me a di­re: “Ma che ci fac­cio qui?”.

In­ve­ce, do­po aver già ri­ce­vu­to i com­pli­men­ti dei tec­ni­ci ita­lia­ni per il quin­di­ce­si­mo po­sto nel su­pe­rG del­lo scor­so wee­kend a La­ke Loui­se, do­ve nel no­vem­bre del 2012 fu vit­ti­ma di un brut­to in­for­tu­nio al­la spal­la si­ni­stra che lo co­strin­se ad lun­go pur­ga­to­rio, ie­ri ha mi­glio­ra­to no­te­vol­men­te il mi­glior ri­sul­ta­to in car­rie­ra, as­sa­po­ran­do a lun­go il po­dio. E di­re che il ta­len­to per lo sci già ce l'ave­va scrit­to nel Dna per­ché suo pa­pà Ales­san­dro era un di­sce­si­sta az­zur­ro con la pas­sio­ne del­la ve­lo­ci­tà pu­ra, che lo por­tò per due vol­te a ri­toc­ca­re il pri­ma­to mondiale del chi­lo­me­tro lan­cia­to nel 1971 e nel 1973. Non ba­stas­se ciò, Cas­se se­nior fu an­che il tec­ni­co che eb­be il me­ri­to di pla­sma­re Pie­ri­no Gros sin da gio­va­ne, ga­ran­ten­do­gli un fu­tu­ro ric­co di suc­ces­si sul­la ne­ve. A Mat­tia ba­ste­reb­be mol­to me­no, per lui che an­co­ra non è riu­sci­to ad as­sa­po­ra­re an­co­ra un'Olim­pia­de o un Mondiale e che sin qui si è do­vu­to "ac­con­ten­ta­re" di con­qui­sta­re un oro ed un bron­zo iri­da­ti tra gli ju­nio­res cin­que an­ni or­so­no.

«So­no un po' ar­rab­bia­to e un po' no, ma ho co­mun­que sfrut­ta­to l'oc­ca­sio­ne. Vo­glio rin­gra­zia­re mol­tis­si­mo lo staff del­la Na­zio­na­le che ha sem­pre cre­du­to in me an­che quan­do non riu­sci­vo a fa­re ri­sul­ta­to e og­gi cre­do di aver­li ri­pa­ga­ti con que­sta ga­ra, co­sì co­me la mia fa­mi­glia e la mia ra­gaz­za che mi sup­por­ta­no sem­pre - ha spie­ga­to al tra­guar­do - Mi so­no tro­va­to par­ti­co­lar­men­te be­ne nel trat­to ini­zia­le e in quel­lo fi­na­le, do­ve c'era da scia­re mol­to be­ne, per­ché mi piac­cio­no le cur­ve dif­fi­ci­li. In gi­gan­te non ho an­co­ra la con­ti­nui­tà che sto tro­van­do in ve­lo­ci­tà, ma og­gi, sull'on­da di que­sto bel ri­sul­ta­to, pro­ve­rò ad an­da­re a tut­ta».

Il pa­dre era un as­so del KL e ha pla­sma­to il gran­de Gros «De­di­ca­ta a chi ha sem­pre cre­du­to in me

«I lo­ve this pla­ce». L'ur­lo di gio­ia di Lind­sey Vonn ap­pe­na ta­glia­to il tra­guar­do del­la di­sce­sa bis di La­ke Loui­se è l'espres­sio­ne di un sen­ti­men­to che le esce dal cuo­re per­ché or­mai la leg­gen­da­ria sta­tu­ni­ten­se sa che, se non com­met­te er­ro­ri, non ha dav­ve­ro ri­va­li sul­la pi­sta ca­na­de­se.

Ve­ner­dì in real­tà ave­va trion­fa­to pur sba­glian­do, ie­ri in­ve­ce ha su­pe­ra­to se stes­sa, an­dan­do più ve­lo­ce del gior­no pre­ce­den­te di set­te cen­te­si­mi e ri­fi­lan­do più di un se­con­do a tut­to il re­sto del mon­do, quan­ti­fi­ca­bi­le in ol­tre tren­ta­due me­tri di di­stac­co sul­la ne­ve. Un as­so­lo che l'ha por­ta­ta a trion­fa­re sull'ama­to trac­cia­to per la diciassett­esima vol­ta (quat­tor­di­ce­si­ma in di­sce­sa) e a sa­li­re a quo­ta 69 vit­to­rie in car­rie­ra con nel mi­ri­no ad­di­rit­tu­ra In­ge­mar Sten­mark che, con 86 si­gil­li, non sem­bra più co­sì lon­ta­no. E poi og­gi nel­la “sua” La­ke Loui­se c'è un su­pe­rG per ac­cor­cia­re im­me­dia­ta­men­te il di­va­rio.

Una ga­ra su cui pun­ta mol­to an­che la no­stra Na­dia Fan­chi­ni. Già, per­ché do­po es­ser­si tra­sfor­ma­ta in gi­gan­ti­sta di al­to li­vel­lo nel­le ul­ti­me an­na­te, in que­st'av­vio di sta­gio­ne la ven­ti­no­ven­ne bre­scia­na è tor­na­ta ad es­se­re mol­to com­pe­ti­ti­va an­che nel­la ve­lo­ci­tà, ter­mi­nan­do ot­ta­va ve­ner­dì e ad­di­rit­tu­ra quar­ta ie­ri, a 24 cen­te­si­mi dal po­dio sul qua­le so­no sa­li­te, ol­tre al­la so­li­ta Vonn, la sviz­ze­ra Fa­bien­ne Su­ter (se­con­da) e l'au­stria­ca Cor­ne­lia Huet­ter (ter­za).

Na­dia è riu­sci­ta a far me­glio del­la più at­te­sa so­rel­la Ele­na, chia­ma­ta ora al­la pro­va d'ap­pel­lo nel­la ga­ra odier­na. E se in su­pe­rG do­ves­se trion­fa­re nuo­va­men­te la Vonn, la sfi­da per la Cop­pa del Mon­do si tra­sfor­me­reb­be dav­ve­ro in un af­fa­re tut­to a stel­le stri­sce con Mi­kae­la Shif­frin. Al mo­men­to, in­fat­ti, con la di­scon­ti­nui­tà di La­ra Gut, le due sta­tu­ni­ten­si sem­bra­no le più se­rie pre­ten­den­ti a met­te­re le ma­ni sul­la sfe­ra di cri­stal­lo la­scia­ta va­can­te dall'in­for­tu­na­ta An­na Fen­nin­ger.

Lind­sey in di­sce­sa la­scia la mi­glio­re del­le ri­va­li a ol­tre 1” Ot­ti­ma quar­to po­sto per Na­dia Fan­chi­ni

GETTY

Mat­tia Cas­se, 25 an­ni, to­ri­ne­se di Mon­ca­lie­ri. Ga­reg­gia per le Fiam­me Oro

ANSA

Lind­sey Vonn, 31 an­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.