Sar­ri du­ro con la Le­ga e Maz­zo­le­ni

«I no­stri ar­bi­tri non so­no i mi­glio­ri al mon­do. Ma do­ve­va­mo fa­re di più»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Bologna-napoli 3-2 - Di An­to­nio Gior­da­no

Dov’è l’er­ro­re? Nel­la gam­be (ap­pa­ren­ta­men­te ap­pe­san­ti­te), nel­la te­sta (per l’im­pat­to con la par­ti­ta), nel de­sti­no (per ciò che ac­ca­de: gran pa­ra­ta di Mi­ran­te, poi fuo­ri­gio­co non ri­le­va­to). L’er­ro­re è ovun­que, tran­ne che nel­la su­per­fi­cia­li­tà del­la «ri­let­tu­ra» d’una ga­ra sbal­la­ta ma an­che un po’ stre­ga­ta, nel­la per­ce­zio­ne che il Na­po­li dei cen­to­cin­que gior­ni da re­cord sia un po’ eva­po­ra­to, di­strat­ta­men­te fiac­ca­to da se stes­so, dal suo rit­mo stra­ri­pan­te che (uma­na­men­te) non può es­se­re esi­bi­to all’in­fi­ni­to. «Io di­co che sia­mo sta­ti mol­li: ma­ga­ri sa­rò sta­to io a non sa­per tra­smet­te­re cer­te mo­ti­va­zio­ni al­la squa­dra, pe­rò l’ave­vo det­to». E Na­po­li av­vi­sa­to è mez­zo (par­don, tut­to) con­dan­na­to: per­ché al ven­te­si­mo era qua­si fi­ni­ta ed al ses­san­te­si­mo, sul­la pan­chi­na, Mau­ri­zio Sar­ri avreb­be po­tu­to pu­re con­ce­der­si an­no­ta­zio­ni a fu­tu­ra me­mo­ria. «Io so­no con­vin­to che rea­gi­re­mo già gio­ve­dì pros­si­mo in Eu­ro­pa Lea­gue, al­la Ro­ma avre­mo mo­do di pen­sa­re poi».

L’ANA­LI­SI. Pe­rò il Na­po­li è cam­bia­to, mi­ca sem­pli­ce­men­te per­ché ha per­so, e la ri­fles­sio­ni di Sar­ri spa­zie­ran­no in quel mi­crou­ni­ver­so che sta so­gnan­do (giu­sta­men­te) e spe­ra di po­ter­lo ri­fa­re, no­no­stan­te le sec­chia­te d’ac­qua che ar­ri­va­no da chi pre­fe­ri­sce star­se­ne nel­la pe­nom­bra: «Io so­no an­zia­no e co­no­sco il gio­co e le sue re­go­le: ne ho vi­ste tan­te e quan­do man­ca­no an­co­ra ven­ti­tré par­ti­te al­la fi­ne del­la sta­gio­ne, è im­pen­sa­bi­le la­sciar­si an­da­re a cer­ti di­scor­si e con­cen­trar­si su ta­lu­ni obiet­ti­vi. Vi­via­mo al­la gior­na­ta e, per esem­pio, con la Ro­ma ri­par­tia­mo da quei die­ci mi­nu­ti ini­zia­li del se­con­do tem­po».

«Il ca­len­da­rio fol­le e le Na­zio­na­li ci pe­na­liz­za­no: può an­che star­ci di stac­ca­re la spi­na»

LE­ZIO­NE. Al­tri­men­ti, si può an­che stu­dia­re se stes­so, cioè il Na­po­li, co­glien­do­ne gli slan­ci fi­na­li, quel­li che han­no aper­to ad un bre­ve e pic­co­lo ca­pi­to­lo fe­li­ce, nel qua­le Sar­ri si tuf­fa per esor­ciz­za­re i pe­ri­co­li. «E’ sta­to un er­ro­re an­che non cre­der­ci più: noi sia­mo una squa­dra che può gio­ca­re ma­le per 70 mi­nu­ti e poi ri­bal­ta­re tut­to. E co­mun­que, epi­so­di ce ne so­no sta­ti, sul 2-0 era­va­mo im­bal­sa­ma­ti, il Bo­lo­gna ave­va più ben­zi­na di noi». La ri­ser­va ch’è ri­ma­sta al Na­po­li, an­zi a Sar­ri, va lan­cia­ta sul fuo­co del do­po­par­ti­ta, con­di­to da una se­rie di ri­fe­ri­men­ti po­le­mi­ci.

MO­SCA

Mau­ri­zio Sar­ri, 56 an­ni, pri­ma sta­gio­ne al Na­po­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.