La Vonn ri­cor­da Tom­ba un al­tro ca­po­la­vo­ro

COP­PA DEL MON­DO Tre vit­to­rie in tre gior­ni. Ma so­lo lei ce l’ha fat­ta per quat­tro vol­te

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Sci - Di Al­ber­to Dol­fin

Inar­re­sta­bi­le. Le av­ver­sa­rie avran­no ti­ra­to un so­spi­ro di sol­lie­vo ora che il week end di ga­re ve­lo­ci a La­ke Loui­se è fi­nal­men­te fi­ni­to, an­che per­ché si è chiu­so sem­pre con lo stes­so co­pio­ne: Lind­sey Vonn là da­van­ti a tut­te an­che in su­pe­rG, co­sì co­me nel­le due di­sce­se pre­ce­den­ti. Tre trion­fi in tre gior­ni, ro­ba di un al­tro pia­ne­ta e qual­co­sa che in pas­sa­to si era­no in­ven­ta­ti so­lo due uo­mi­ni, Al­ber­to Tom­ba due vol­te sul gra­di­no più al­to in sla­lom a Le­ch am Arl­berg (Au­stria) e poi nel gi­gan­te ca­sa­lin­go in Val Ba­dia tra il 20 e il 22 di­cem­bre 1994, e poi lo sviz­ze­ro Car­lo Jan­ka, che si im­po­se in su­per­com­bi­na­ta, di­sce­sa e gi­gan­te tra il 4 e il 6 di­cem­bre 2009 a Bea­ver Creek (Sta­ti Uni­ti).

Ov­via­men­te, pri­ma dell'av­ven­to dell'in­cre­di­bi­le Vonn, a cui la tri­plet­ta a stret­to gi­ro è riu­sci­ta ad­di­rit­tu­ra quat­tro vol­te e sem­pre con la stes­so leit mo­tiv: di­sce­sa, di­sce­sa, su­pe­rG. La pri­ma in Au­stria, ad Haus Im Enn­stal, tra l'8 e il 10 gen­na­io 2010, men­tre gli al­tri due pre­ce­den­ti la le­ga­no an­co­ra una vol­ta al­la sua La­ke Loui­se e ri­sal­go­no al fi­ne set­ti­ma­na tra il 2 e il 4 di­cem­bre 2011, poi di nuo­vo nell'an­na­ta suc­ces­si­va, dal 30 no­vem­bre al 2 di­cem­bre, e nel­lo scor­so wee­kend. E co­sì co­me a Tom­ba e Jan­ka, che nel­le sud­det­te sta­gio­ni al­za­ro­no an­che la Cop­pa del Mon­do, i tris por­ta­ro­no be­ne al­la Vonn an­che in due del­le tre oc­ca­sio­ni pre­ce­den­ti, con l'ec­ce­zio­ne dell'ul­ti­ma in cui a vin­ce­re il tro­feo fu la slo­ve­na Ti­na Ma­ze.

DI NUO­VO LEA­DER. In­tan­to pe­rò, la ter­na di vit­to­rie ca­la­ta nel­le ul­ti­me ore sul trac­cia­to do­ve po­treb­be scia­re ad oc­chi chiu­si ha fat­to bal­za­re Lind­sey al co­man­do del­la gra­dua­to­ria, scal­zan­do la più gio­va­ne con­na­zio­na­le Mi­kae­la Shif­frin, co­mun­que ot­ti­ma 15ª all'esor­dio in su­pe­rG. E se nel­la scor­sa sta­gio­ne, l'obiet­ti­vo del­la tren­tu­nen­ne del Minnesota era quel­lo di rag­giun­ge­re e spo­de­sta­re l'au­stria­ca An­nema­rie Mo­ser-Pröll dal tro­no del­la più vit­to­rio­sa di sem­pre in Cop­pa del Mon­do, ora che può con­ta­re 70 per­le in car­rie­ra, guar­da all'in­cre­di­bi­le re­cord al ma­schi­le grif­fa­to In­ge­mar Sten­mark (86 vit­to­rie per l'as­so sve­de­se) e fa più di un pen­sie­ro al­la quin­ta Cop­pa.

Pro­prio per­ché la Shif­frin sem­bra l'uni­ca ca­pa­ce di con­tra­star­la e l'espe­rien­za e la de­ter­mi­na­zio­ne po­treb­be­ro an­co­ra una vol­ta far gi­ra­re la con­te­sa a van­tag­gio del­la Vonn. La ven­ten­ne del Co­lo­ra­do ora avrà un week end con un gi­gan­te e uno sla­lom in Sve­zia per ri­bal­ta­re nuo­va­men­te la clas­si­fi­ca e met­te­re pres­sio­ne al­la più sca­fa­ta ri­va­le. Di cer­to è che sa­ran­no guer­re stel­la­ri e chi si la­men­ta­va dell'as­sen­za di re­gi­ne a cau­sa dell'an­no sab­ba­ti­co (o for­se più ri­ti­ro de­fi­ni­ti­vo) del­la Ma­ze e dell'in­for­tu­nio di ini­zio sta­gio­ne di An­na Fen­nin­ger, ades­so si ri­cre­de­rà di fron­te al duel­lo del­le due bion­de a stel­le e stri­sce. An­co­ra una vol­ta, l'Ita­lia ha pro­va­to a fa­re ca­po­li­no, al­me­no sul po­dio. E se sa­ba­to era sta­ta Na­dia Fan­chi­ni a chiu­de­re quar­ta in di­sce­sa, in su­pe­rG si è vi­sta una

Lind­sey Vonn, 31 an­ni, è riu­sci­ta per la quar­ta vol­ta a in­fi­la­re tre vit­to­rie in tre gior­ni

con­vin­cen­te Jo­han­na Sch­narf, ad ap­pe­na 14 cen­te­si­mi dal ter­zo gra­di­no oc­cu­pa­to dall'au­stria­ca Cor­ne­lia Huet­ter.

ANCORAHIRS­CHER. Nes­su­na­sor­pre­sa­nem­me­no nel gi­gan­te di Bea­ver Creek do­ve Mar­cel Hir­scher, do­po aver stu­pi­to sa­ba­to ag­giu­di­can­do­si il su­pe­rG, si ri­pe­te an­che sul ter­re­no ben più con­ge­nia­le. Già in te­sta do­po la pri­ma man­che, il can­ni­ba­le au­stria­co ha sol­tan­to ge­sti­to il van­tag­gio nel­la se­con­da, ap­pro­fit­tan­do an­che del­le pre­ma­tu­re de­fe­zio­ni del­lo sta­tu­ni­ten­se Ted Li­ge­ty e del fran­ce­se Ale­xis Pin­tu­rault, e ha ri­dot­to co­sì il di­va­rio nel­la clas­si­fi­ca dal jet nor­ve­ge­se Ak­sel Lund Svin­dal, uni­co che que­st'in­ver­no può im­pe­dir­gli la cin­qui­na di Cop­pa del Mon­do in se­rie. Sul po­dio con Hir­scher, il fran­ce­se Vic­tor Muf­fat-Jean­det e il nor­ve­ge­se Hen­rik Kri­stof­fer­sen. Due gli az­zur­ri nei pri­mi die­ci, in vir­tù di un'ot­ti­ma se­con­da man­che: Flo­rian Ei­sa­th (se­sto) e Ric­car­do To­net­ti (ottavo). Fuo­ri, in­ve­ce, Ro­ber­to Na­ni, da cui ci si aspet­ta­va di più do­po il buon quar­to po­sto nel gi­gan­te d'aper­tu­ra di Söl­den.

Che duel­lo con la Shif­frin, su­pe­ra­ta in vet­ta al­la Cop­pa! Ot­ti­ma la Sch­narf a 14/100 dal po­dio

ANSA

au­to­re di 50 vit­to­rie in Cop­pa del Mon­do, fu il pri­mo a ot­te­ner­ne tre in tre gior­ni: ac­cad­de tra il 20 e il 22 di­cem­bre 1994 quan­do il fe­no­me­no bo­lo­gne­se con­qui­stò due sla­lom a Le­ch (Au­stria) e poi il gi­gan­te di Al­ta Ba­dia.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.