IL LEA­DER Bom­ber Hi­guain non si fer­ma mai

E’ in te­sta al­la clas­si­fi­ca dei can­no­nie­ri con 14 gol In se­rie A 69 cen­tri col Na­po­li: nel mi­ri­no Vi­ni­cio e Ca­né

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Napoli - An­to­nio Gior­da­no

Da­te­gli il pal­lo­ne e vi ri­vol­te­rà la Sto­ria, pren­den­do­la a spal­la­te, spo­stan­do­la di la­to, spa­lan­can­do­si l’uscio per la glo­ria: uno, nes­su­no, cen­to­mi­la Hi­guain, in quel caleidosco­pio ch’è l’area di ri­go­re, in quel giar­di­no in cui la sua er­ba rie­sce ad es­se­re sem­pre più ver­de, per­si­no nel­la ma­lin­co­nia d’una scon­fit­ta che fa ma­le. Da­te­gli il pal­lo­ne e vi apri­rà al­la spe­ran­za, an­che quan­do or­mai il Big Ben sta per emet­te­re i rin­toc­chi: un bat­ti­to di ci­glia e via, da 3-0 a 3-2, por­tan­do­si ap­pres­so il rim­pian­to per non es­ser­ci riu­sci­to pri­ma, per aver stra­paz­za­to (in pre­ce­den­za) l’as­si­st di Ham­sik, per es­se­re ri­ma­sto un po’ ai mar­gi­ni del Na­po­li e del pro­prio ta­len­to.

IL RE­CORD. I nu­me­ri han­no un’ani­ma ed espri­mo­no sta­ti­sti­ca­men­te - ve­ri­tà as­so­lu­te, sca­va­no sol­chi, di­la­ta­no dif­fe­ren­ze, as­se­gna­no un ruo­lo che Hi­guain sta an­dan­do a scol­pi­re ne­gli 89 an­ni di Na­po­li, scan­di­ti da Sua Mae­stà il Re, Die­go Ar­man­do Ma­ra­do­na, che con 105 re­ti è (chia­ra­men­te) ol­tre, l’ir­rag­giun­gi­bi­le lea­der del­la clas­si­fi­ca dei can­no­nie­ri di tut­ti i tem­pi: pe­rò el pi­pi­ta è ad un’in­col­la­tu­ra da Vi­ni­cio e da Ca­né, è dun­que pros­si­mo all’ir­ru­zio­ne nell’Olim­po, an­che se re­sta quel­la ve­na di tri­stez­za ch’è com­par­sa al “Dall’Ara”. Ses­san­ta­no­ve gol in ven­ti­set­te me­si, co­min­cian­do con i ven­ti­quat­tro del­la sua pri­ma sta­gio­ne, pas­san­do dai ven­ti­no­ve del­la se­con­da ed ap­pro­dan­do ai se­di­ci di que­sto spic­chio di 2015-2016 at­tra­ver­sa­to con la fie­rez­za di chi ha scel­to di es­se­re il tra­sci­na­to­re d’una squa­dra co­strui­ta (nel tem­po) per stu­pi­re.

IN CAM­PIO­NA­TO. E’ una sta­gio­ne sem­pli­ce­men­te me­ra­vi­glio­sa, ap­pe­na ap­pe­na “mac­chia­ta” da una scon­fit­ta ar­ri­va­ta do­po 105 gior­ni, ed è l’an­no del pi­pi­ta, che s’è mes­so a se­gna­re (in cam­pio­na­to) con la me­dia d’un gol ogni 90 mi­nu­ti (per­ché ne ha col­le­zio­na­ti 1.262) e che viag­gia com­ples­si­va­men­te, in­ve­ce (me­sco­lan­do nel com­pu­to ciò che ha fat­to in Eu­ro­pa Lea­gue), con la stra­ri­pan­te an­da­tu­ra d’una re­te ogni 86 mi­nu­ti. E QUAT­TRO. Il va­lo­re ag­giun­to è in nel­la ca­pa­ci­tà di far da sé, nel­la sua tec­ni­ca che a vol­te di­vie­ne su­bli­me, nel­la bu­li­mi­ca, an­zi fe­ro­ce sma­nia d’es­se­re lea­der, nel­le sfu­ma­tu­re im­per­cet­ti­bi­li (per gli av­ver­sa­ri) di co­glie­re l’at­ti­mo, di ge­stir­lo con la sen­si­bi­li­tà di un ar­ti­sta: Hi­guain è il gol in ogni sua ver­sio­ne, pu­re quel­la ina­spet­ta­ta, è la quar­ta dop­piet­ta in tre me­si di cam­pio­na­to, la se­con­da con­se­cu­ti­va do­po quel­la all’In­ter, la tre­di­ce­si­ma nel bien­nio e pas­sa; ma ci so­no an­che tre tri­plet­te e com­ples­si­va­men­te ses­san­ta­no­ve re­ti che di­ven­ta­no un’enor­mi­tà, per­ché rac­chiu­se nel­la bre­vi­tà d’un tem­po che or­mai gli ap­par­tie­ne (non esclu­si­va­men­te ma in lar­ga par­te).

LA DI­PEN­DEN­ZA. Hi­guain è la di­ver­si­tà, con la sua son­tuo­sa ca­pa­ci­tà di tra­sfor­ma­re rea­liz­za­re cer­te gio­ca­te im­pos­si­bi­li (co­me an­che a Bo­lo­gna), di da­re vi­ta a fi­na­li di par­ti­ta al­tri­men­ti se­pol­ti: è, lo re­ci­ta­no gli ar­chi­vi, il cen­tra­van­ti mo­der­nis­si­mo (che sa es­se­re an­che an­ti­co nel­le sue for­me) che se­gna da quat­tro do­me­ni­che, che ne­gli ul­ti­mi 180 mi­nu­ti ne ha fat­ti quat­tro, e nei 360 che van­no dall’Udinese al Bo­lo­gna ne ha mes­si as­sie­me sei; che si è fer­ma­to sol­tan­to con il Ge­noa nel­le re­cen­ti ot­to ga­re, che ha sal­ta­to poi - co­me bom­ber - la pri­ma con il Sas­suo­lo, la ter­za ad Em­po­li, la quin­ta a Mo­de­na con il Car­pi e la set­ti­ma a Mi­la­no con i ros­so­ne­ri; che non re­sta mai a di­giu­no per più di una set­ti­ma­na, che ha spac­ca­to le par­ti­te per sei vol­te dal­lo 0-0 e che ha mes­so tra sé ed Eder, il più pros­si­mo de­gli in­se­gui­to­ri nel­la clas­si­fi­ca dei can­no­nie­ri quat­tro re­ti.

In cam­pio­na­to ha una me­dia di una re­te ogni 90’ Som­man­do l’Eu­ro­pa un gol ogni 86’

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.