Mou si gio­ca tut­to con­tro il Por­to

«So­no l’uo­mo giu­sto per usci­re dal­la cri­si». Pron­to l’eso­ne­ro se il Chel­sea non pas­sa il tur­no

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Champions League - Di Ga­brie­le Mar­cot­ti

Chis­sà se lu­ne­dì pros­si­mo a Lei­ce­ster, con­tro la ca­po­li­sta del­la Pre­mier Lea­gue, ci sa­rà an­co­ra Jo­sé Mou­ri­n­ho se­du­to sul­la pan­chi­na del Chel­sea. Tut­to di­pen­de dal ri­sul­ta­to di que­sta se­ra. Ap­pun­ta­men­to al­lo Stam­ford Brid­ge. Per una sfi­da spa­reg­gio con­tro il suo pas­sa­to, per re­sta­re in Cham­pions, ma so­prat­tut­to sal­va­re la pan­chi­na: il fu­tu­ro di Mou­ri­n­ho di­pen­de dai pros­si­mi 90' con­tro il Por­to. Que­sta se­ra c'è in pa­lio il pas­sag­gio agli ot­ta­vi: al Chel­sea ba­ste­rà un pun­to per as­si­cu­rar­si la qua­li­fi­ca­zio­ne. Ma in caso di scon­fit­ta, e con­tem­po­ra­nea vit­to­ria del­la Di­na­mo Kiev (con­tro il Mac­ca­bi Tel-Aviv), i Blues fi­ni­reb­be­ro in Eu­ro­pa Lea­gue. Un de­clas­sa­men­to di ran­go che con ogni pro­ba­bi­li­tà co­ste­reb­be l'eso­ne­ro al por­to­ghe­se. Per­ché la Cham­pions Lea­gue è or­mai l'uni­co obiet­ti­vo sta­gio­na­le do­po l'ab­di­ca­zio­ne del ti­to­lo di Pre­mier Lea­gue do­po ap­pe­na 15 tur­ni (e ot­to scon­fit­te). Quat­tro me­si di pes­si­mi ri­sul­ta­ti che pe­rò non han­no scal­fi­to la fi­du­cia del tec­ni­co por­to­ghe­se. «So­no ot­ti­mi­sta per­ché sen­to che i gio­ca­to­ri vo­glio­no que­sta qua­li­fi­ca­zio­ne - le pa­ro­le di Mou­ri­n­ho al­la vi­gi­lia - La pro­prie­tà (Ro­man Abra­mo­vi­ch, ndr) mi ha di­mo­stra­to fi­du­cia già due vol­te, quan­do mi ha ri­chia­ma­to e quan­do, la scor­sa esta­te, mi ha rin­no­va­to il con­trat­to per al­tri quat­tro an­ni. I ri­sul­ta­ti so­no im­por­tan­ti, e in que­sto mo­men­to so­no mol­to ne­ga­ti­vi, ma la pro­prie­tà sa chi so­no e co­sa ho fat­to per que­sto club. E sa so­no la per­so­na giu­sta per ri­sol­ve­re que­sta si­tua­zio­ne. I cat­ti­vi ri­sul­ta­ti pos­so­no es­se­re let­ti in ma­nie­ra di­ver­sa, non so­no re­spon­sa­bi­li­tà di una so­la per­so­na». A di­fe­sa del­la por­ta lu­si­ta­na ci sa­rà Iker Ca­sil­las, uno dei tan­ti ne­mi­ci che Mou ha col­le­zio­na­to in car­rie­ra. «Ca­sil­las è il gio­ca­to­re con più pre­sen­ze in que­sta com­pe­ti­zio­ne, io tra gli al­le­na­to­ri so­no die­tro a Sir Alex Fer­gu­son e po­chi al­tri. Per me è una par­ti­ta in più, una par­ti­ta un po' di­ver­sa per­ché no­no­stan­te si gio­chi nel­la fa­se a gi­ro­ni in real­tà va­le co­me uno scon­tro di­ret­to». Non è più tem­po di po­le­mi­che, piut­to­sto di ca­pi­re co­me ri­tro­va­re la via del gol (due nel­le ul­ti­me cin­que ga­re do­me­sti­che). Sot­to ac­cu­sa Die­go Co­sta, quat­tro gol que­sta sta­gio­ne, ap­pe­na set­te da feb­bra­io. «I nu­me­ri so­no nu­me­ri, per in­ten­si­tà, pos­ses­so pal­la e oc­ca­sio­ni da re­te non sia­mo mai sta­ti me­glio. Ep­pu­re non se­gnia­mo, e di­ven­ta tut­to più dif­fi­ci­le». Un pe­rio­do ne­ris­si­mo, sen­za pre­ce­den­ti in car­rie­ra («Ma mi so­no sco­per­to più for­te di quan­to pen­sas­si, con­ti­nuo ad ave­re gran­dis­si­me mo­ti­va­zio­ni an­che nel­le difficoltà») che ha in An­to­nio Con­te - al­me­no se­con­do i ru­mors in­gle­si - il suo fan­ta­sma, il can­di­da­to più pro­ba­bi­le per la suc­ces­sio­ne. Mou non com­men­ta e in­cas­sa di buon gra­do la so­li­da­rie­tà di un mo­nu­men­to del cal­cio bri­tan­ni­co, Sir Alex Fer­gu­son: «Sa­reb­be un'idio­zia eso­ne­ra­re Mou­ri­n­ho, è uno dei mi­glio­ri al mon­do». Sa­rà co­sì, ma il cre­di­to pa­re esau­ri­to e non ci so­no più ali­bi: o ot­ta­vi o li­cen­zia­men­to.

Fer­gu­son si schie­ra: «Cac­ciar­lo sa­reb­be dav­ve­ro un’idio­zia è tra i mi­glio­ri di tut­to il mon­do»

ANSA

Mou­ri­n­ho, 53 an­ni, è tor­na­to al­la gui­da del Chel­sea nel 2013

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.