Llo­ren­te, che beffa Al­le­gri è se­con­do

I bian­co­ne­ri stec­ca­no l’ul­ti­ma e per­do­no il pri­ma­to Gol dell’ex, tra­ver­sa di Dy­ba­la, due er­ro­ri di Mo­ra­ta

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Da Prima Pagina - di Al­ber­to Pol­ve­ro­si IN­VIA­TO A SI­VI­GLIA

Tut­to quel­lo che Al­le­gri non vo­le­va è ca­pi­ta­to ie­ri se­ra a Si­vi­glia. La Ju­ve ha per­so la pri­ma par­ti­ta del gi­ro­ne e so­prat­tut­to il pri­mo po­sto che avreb­be si­gni­fi­ca­to tre pen­sie­ri in me­no (Real, Bayern e Bar­cel­lo­na) nel sor­teg­gio de­gli ot­ta­vi. Quel pri­mo po­sto è an­da­to al Man­che­ster Ci­ty, battuto due vol­te su due dai cam­pio­ni d’Ita­lia e que­sto par­ti­co­la­re non con­so­la, ma ag­giun­ge il sa­po­re del­la beffa.

La Ju­ve ha per­so sba­glian­do il se­con­do tem­po, do­po 45 mi­nu­ti fat­ti be­ne con oc­ca­sio­ni da gol scia­gu­ra­ta­men­te fal­li­te da Mo­ra­ta. E’ di­mi­nui­ta la sua for­za, men­tre il Si­vi­glia ha rad­dop­pia­to le ener­gie pren­de­re al­me­no il po­sto nel­la sua Cop­pa, l’Eu­ro­pa Lea­gue. E so­lo quan­do Fer­nan­do Llo­ren­te, l’ex più at­te­so da­gli an­da­lu­si, ha col­pi­to a suo mo­do, la Ju­ve è tor­na­ta sot­to sfio­ran­do il pa­reg­gio con la tra­ver­sa di Dy­ba­la. Ma in quel se­con­do tem­po trop­pe co­se non han­no fun­zio­na­to.

AV­VIO BIAN­CO­NE­RO. La Ju­ve è en­tra­ta su­bi­to sul­la sce­na e ne è di­ven­ta­ta pro­ta­go­ni­sta. Cin­que mi­nu­ti per co­strui­re la pri­ma pal­la-gol, un al­tro an­co­ra per far ca­pi­re al Si­vi­glia che non sa­reb­be sta­ta un’av­ver­sa­ria ac­co­mo­dan­te, no­no­stan­te le no­ti­zie che in­tan­to ar­ri­va­va­no da Man­che­ster do­ve il Ci­ty, in quel mo­men­to, era sot­to col Bo­rus­sia. La Ju­ve at­tac­ca­va al cen­tro e su­gli ester­ni, ap­pog­gian­do­si sul più gio­va­ne in cam­po, Pau­lo Dy­ba­la, che ave­va tro­va­to su­bi­to la po­si­zio­ne e ac­ce­so i suoi spe­cial. Più di Mar­chi­sio, più di Pog­ba, era lui a da­re per­so­na­li­tà al­la squa­dra.

BUF­FON. Per ven­ti mi­nu­ti la Ju­ve è sta­ta pa­dro­na del­la par­ti­ta. Il gio­co na­sce­va sen­za in­top­pi, con l’equi­li­brio di Mar­chi­sio, con Alex San­dro che sfon­da­va a si­ni­stra e con gli spun­ti di Dy­ba­la. Il Si­vi­glia sta­va cer­can­do se stes­so. Sa di non es­se­re debole co­me di­co­no le clas­si­fi­che del­la Li­ga e del­la Cham­pions e cer­ca­va di far pe­sa­re un va­lo­re che sa­reb­be rie­splo­so nel­la ri­pre­sa. Quan­do c’è riu­sci­to an­che nel pri­mo tem­po, pren­den­do per un at­ti­mo il so­prav­ven­to sul­la so­li­da di­fe­sa del­la Ju­ve, ha tro­va­to Buf­fon che in un at­ti­mo ha re­spin­to i ti­ri del suo ami­co Llo­ren­te e di Ko­no­plyan­ka. La ter­za pro­dez­za di Gi­gi (su col­po di te­sta an­co­ra di Llo­ren­te) ar­ri­ve­rà do­po un er­ro­re che Mo­ra­ta ri­cor­de­rà chis­sà per quan­to tem­po: la di­fe­sa an­da­lu­sa si è sco­per­chia­ta di fron­te a un lan­cio lun­go di Bo­nuc­ci, te­sta-as­si­st di Dy­ba­la, Mo­ra­ta da­van­ti al­la por­ta ha toc­ca­to, non si sa co­me, la pal­la fuo­ri. Lo spa­gno­lo ave­va sba­glia­to già un pa­io di buo­ne oc­ca­sio­ni, era la sua chan­ce ed è di­ven­ta­ta la sua con­dan­na.

IL COL­PO DELL’EX. Al­la Ju­ve era man­ca­ta un po’ di pre­ci­sio­ne nel­le ri­par­ten­ze, tro­va­va una cer­ta fa­ci­li­tà a re­cu­pe­ra­re pal­la, ma non sem­pre Pog­ba e Stu­ra­ro da­va­no all’azio­ne i ri­fe­ri­men­ti ne­ces­sa­ri. Il se­con­do tem­po si è su­bi­to pre­sen­ta­to più dif­fi­ci­le del pri­mo per i cam­pio­ni d’Ita­lia: in at­tac­co Mo­ra­ta, do­po aver sba­glia­to quel gol co­los­sa­le, era scom­par­so, men­tre Dy­ba­la sta­va co­min­cian­do a fa­re i con­ti con le sue cin­que par­ti­te a fi­la da ti­to­la­re. Dall’al­tra par­te il Si­vi­glia ave­va al­za­to il rit­mo, Ba­ne­ga fa­ce­va scor­re­re il gio­co dai suoi pie­di tro­van­do sem­pre la spon­da di Llo­ren­te che avreb­be se­gna­to il gol del van­tag­gio al­la sua ma­nie­ra: an­go­lo di Ko­no­plyan­ka, Fer­nan­do ha ret­to il cor­po a cor­po con Bar­za­gli, è sal­ta­to più al­to di lui e ha mes­so la pal­la sul pa­lo op­po­sto.

LA TRA­VER­SA. Con la va­lan­ga di in­for­tu­na­ti ri­ma­sti a ca­sa, in pan­chi­na la Ju­ve ave­va so­lo cin­que gio­ca­to­ri, ap­pe­na due del grup­po del­la pri­ma squa­dra e Al­le­gri ha scel­to Cua­dra­do per cer­ca­re il pa­reg­gio. Avreb­be avu­to bi­so­gno di al­tri cam­bi, al­me­no di un cen­tro­cam­pi­sta per­ché in quel set­to­re c’era­no del­le difficoltà se­rie. Rie­mer­gen­do dal­la sua fa­ti­ca, Dy­ba­la ha pro­va­to il col­po del cam­pio­ne, un si­ni­stro da fuo­ri area che ha fran­tu­ma­to la tra­ver­sa di Ri­co, au­to­re po­co do­po di una pa­ra­to­na su Pog­ba e di un’al­tra fan­ta­sti­ca e de­ci­si­va su Mo­ra­ta, fi­ni­to pro­prio nel suo Pae­se in una se­ra­ta ter­ri­fi­can­te. La Ju­ve pri­ma del gol di Llo­ren­te ave­va mol­la­to, con un inat­te­so cam­bio di mar­cia (in me­no) fra il pri­mo e il se­con­do tem­po. Il Si­vi­glia era tor­na­to quel­lo ve­ro e la Ju­ve non se n’era ac­cor­ta.

Fer­nan­do Llo­ren­te, 30 an­ni, rea­liz­za il gol che dà la vit­to­ria al Si­vi­glia e re­le­ga la Ju­ve al se­con­do po­sto nel gi­ro­ne

ANSA

Fer­nan­do Llo­ren­te ce­le­bra il gol che beffa la Ju­ve

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.