Ba­de­lj: Non dob­bia­mo mai stan­car­ci di vin­ce­re

Il cen­tro­cam­pi­sta croa­to si spin­ge avan­ti: «Con il Be­le­nen­ses è de­ci­si­va, e al Fran­chi non sa­re­mo so­li...»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Fiorentina-Belenenses (21.05) - Fra.ban.

FI­REN­ZE - Il pri­mo co­man­da­men­to che gli ha in­se­gna­to Pau­lo Sou­sa, quel­lo che ri­pe­te ogni gior­no co­me un man­tra, è sem­pli­ce: vin­ce­re. Vin­ce­re sem­pre. E Milan Ba­de­lj, che di tro­fei in Croa­zia ne ha con­qui­sta­ti ot­to in tut­to tra cam­pio­na­to, cop­pa na­zio­na­le e su­per­cop­pa (di Croa­zia), non ha fa­ti­ca­to ad abi­tuar­si. La te­sta è so­lo sul­la ga­ra con­tro il Be­le­nen­ses, il pri­mo den­tro­fuo­ri del­la sta­gio­ne dei vio­la: «Sap­pia­mo che ci aspet­ta una par­ti­ta de­ci­si­va, di quel­le sen­za pos­si­bi­li­tà d'ap­pel­lo. Non pos­sia­mo per­de­re. E poi vo­glia­mo re­ga­la­re una gio­ia ai no­stri ti­fo­si: dall'ini­zio del gi­ro­ne, in ca­sa, non sia­mo mai riu­sci­ti a far­li fe­steg­gia­re ed è per que­sto che ab­bia­mo an­co­ra più mo­ti­va­zio­ne. Scen­dia­mo sem­pre in cam­po con l'obiet­ti­vo di su­pe­ra­re l'osta­co­lo, ma do­ma­ni (og­gi, ndr) sa­rà di­ver­so. Dob­bia­mo vin­ce­re per co­min­cia­re una nuo­va stra­da».

CON­CEN­TRA­TI E CI­NI­CI. Spie­ga be­ne pu­re il per­ché il cam­pio­na­to, in que­sto mo­men­to, no­no­stan­te il se­con­do po­sto in clas­si­fi­ca, non sia una di­stra­zio­ne, an­che se il pros­si­mo av­ver­sa­rio si chia­ma Ju­ven­tus: «Ci sia­mo ti­ra­ti fuo­ri dall'in­fluen­za emo­ti­va che una par­ti­ta tan­to im­por­tan­te si por­ta die­tro. Nes­su­no, nem­me­no in so­cie­tà, ha an­ti­ci­pa­to i tem­pi: vo­glia­mo con­ti­nua­re il no­stro per­cor­so in­ter­na­zio­na­le e per far­lo ser­ve con­cen­tra­zio­ne». E pu­re ci­ni­smo. Chie­de sem­mai l'aiu­to del ti­fo vio­la Ba­de­lj: «Spe­ro che i no­stri ti­fo­si, che sem­pre ci han­no fat­to sen­ti­re il lo­ro ca­lo­re, pos­sa­no ar­ri­va­re co­mun­que nu­me­ro­si a dar­ci una spin­ta ul­te­rio­re. So­no sem­pre sta­ti fon­da­men­ta­li, in que­sta sta­gio­ne, e so­no cer­to che an­che con­tro il Be­le­nen­ses non sa­re­mo so­li». Non sot­to­va­lu­ta l'av­ver­sa­rio - «la squa­dra por­to­ghe­se mi ha fat­to un'ot­ti­ma im­pres­sio­ne» - e ri­pe­te che pu­re nel­la ga­ra d'an­da­ta, no­no­stan­te la vit­to­ria net­ta (4-0 per i vio­la), non è sta­to sem­pli­ce chiu­de­re i con­ti in an­ti­ci­po.

SAN NI­KO­LA. Ri­de quan­do gli vie­ne chie­sto del­la pa­ter­ni­tà del gol di do­me­ni­ca scor­sa, con­tro l'Udinese. «Più che Ka­li­nic, quel gol di­rei che me lo ha at­tri­bui­to la Le­ga. Mi chie­de­te com'è an­da­ta dav­ve­ro? Io cre­do che se Ni­ko­la non toc­ca la pal­la, non avrem­mo mai fe­steg­gia­to la re­te. La fac­cen­da è com­pli­ca­ta, per­ché gli au­to­gol, che più o me­no han­no la stes­sa di­na­mi­ca, ven­go­no re­gi­stra­ti co­me ta­li, in­ve­ce lì è sta­ta da­ta un'al­tra in­ter­pre­ta­zio­ne. Al di là di tut­to, pe­rò, pur au­gu­ran­do­mi che quel­la re­te in me­no per Ka­li­nic non sia im­por­tan­te per la clas­si­fi­ca mar­ca­to­ri, di­co che l'au­to­re non con­ta, ba­sta se­gna­re». Ha pa­ro­le di con­for­to an­che per Sua­rez, la cui av­ven­tu­ra in vio­la, fin qui, ha rac­con­ta­to di trop­pe om­bre: «La sua si­tua­zio­ne ha con­ti­nua­to - è si­mi­le al­la mia del­lo scor­so an­no. A vol­te, quan­do si cam­bia cam­pio­na­to, si in­con­tra­no mag­gio­ri difficoltà, spe­cie all'ini­zio. Ma­rio sta cer­can­do di adat­tar­si e non ho dub­bi che en­tro po­co sa­rà al top». La sua te­sta è tut­ta per la sfi­da eu­ro­pea: la Fio­ren­ti­na ha vo­glia di so­gna­re in gran­de, ma­ga­ri fi­no al­la fi­na­le di Ba­si­lea. Pri­ma pe­rò c'è da tor­na­re a vin­ce­re. Che in Eu­ro­pa, al Fran­chi, è un po' un ri­co­min­cia­re. L'ul­ti­mo suc­ces­so in cam­po in­ter­na­zio­na­le è da­ta­to 23 apri­le, con­tro la Di­na­mo Kiev. Al­lo­ra a re­ga­la­re la qua­li­fi­ca­zio­ne al­la se­mi­fi­na­le fu­ro­no Ma­rio Go­mez e Var­gas, con gli ul­ti­mi gol in vio­la del­le ri­spet­ti­ve car­rie­re. C'è da vol­ta­re pa­gi­na de­fi­ni­ti­va­men­te. Per pen­sa­re poi al­la Ju­ve.

«Il gol con­tro l’Udinese? La Le­ga di­ce che è mio, ma se Ka­li­nic non la toc­ca non fi­ni­sce den­tro» «A Sua­rez di­co di ave­re pa­zien­za, gli sta ca­pi­tan­do quel­lo che è suc­ces­so a me l’an­no scor­so»

GETTY IMAGES

Milan Ba­de­lj, 26 an­ni, croa­to di Za­ga­bria

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.