Il ruo­lo

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Milan -

Fo­re­ver Niang. Sì, il «fran­ce­si­no» del Milan ie­ri ha con­fes­sa­to che ci met­te­reb­be già la fir­ma (a po­co più di una set­ti­ma­na del suo ven­tu­ne­si­mo com­plean­no) per ve­sti­re la ma­glia ros­so­ne­ra per al­me­no un de­cen­nio. Insieme a tut­ti i ba­by ros­so­ne­ri che stan­no con­so­li­dan­do una ve­ra e pro­pria «nou­vel­le va­gue» ros­so­ne­ra. Com­pre­so Don­na­rum­ma che, se­con­do i me­dia spa­gno­li, sa­reb­be già nel mi­ri­no del Bar­cel­lo­na di­spo­sto a pa­gar­lo an­che 40 mi­lio­ni di eu­ro. Niang in que­sta intervista ha rin­ne­ga­to par­te del suo pas­sa­to ca­rat­te­riz­za­to da qual­che er­ro­re (di trop­po...) di gio­ven­tù ma, no­no­stan­te la gio­va­ne età, M’Bayè si vuo­le con­cen­tra­re so­lo sul pre­sen­te. Si­cu­ro di es­se­re già un mi­la­ni­sta «d.o.c.», Niang si ri­ve­de nell’ami­co-ri­va­le Paul Pog­ba. I due so­no di­vi­si ana­gra­fi­ca­men­te da un da po­co me­no di due an­ni, ma han­no gio­ca­to e vis­su­to insieme le espe­rien­ze del­le na­zio­na­li gio­va­ni­li fran­ce­si. Già am­pia­men­te ar­chi­via­to il 2015 non cer­to be­ne­vo­lo per il mi­la­ni­sta co­stret­to a due in­for­tu­ni piut­to­sto se­ri, M’Bayè si of­fre di po­ter ar­re­tra­re già do­me­ni­ca con­tro l’Hel­las a cen­tro­cam­po, ri­cor­dan­do pe­rò a Mihajlovic, che nel suo dna pre­va­le il de­si­de­rio di gio­ca­re da cen­tra­van­ti, even­tual­men­te da se­con­da pun­ta.

Buon­gior­no Niang, ben­tor­na­to. Ha in­ten­zio­ne di fer­mar­si al Milan? «Sì, se di­pen­des­se da me non avrei pro­ble­mi. Mi ve­do an­co­ra e sem­pre in que­sta squa­dra. An­che per al­tri 10 an­ni».

In esta­te Ga­spe­ri­ni avreb­be fat­to car­te fal­se per trat­te­ne­re Niang al Ge­noa. Ma gli esti­ma­to­ri d M’Bayè si so­no mol­ti­pli­ca­ti do­po le 14 par­ti­te i 5 gol grif­fa­ti in po­chi me­si di Ge­noa. «Ma io non ho mai avu­to dub­bi: vo­le­vo tor­na­re al Milan per­chè mi sen­to par­te in­te­gran­te di que­sta squa­dra e di que­sta so­cie­tà».

Ma sa­rà il Milan a fa­re gran­de Niang o ac­ca­drà il con­tra­rio? «No, so­no io che di­pen­do dal Milan, da una squa­dra mol­to im­por­tan­te. Il cal­cio è uno sport col­let­ti­vo. Io mi met­to sem­pre a di­spo­si­zio­ne, poi de­ci­de l’al­le­na­to­re co­sa e co­me fa­re».

Il Milan non rie­sce ad ave­re con­ti­nui­tà di ren­di­men­to. Co­me mai? «Ab­bia­mo per­so una so­la par­ti­ta (Ju­ven­tus, 1-0;

«Mi pia­ce fa­re il cen­tra­van­ti ma per esi­gen­ze di squa­dra so­no pron­to con il Ve­ro­na a gio­ca­re an­che ester­no»

Il pre­sen­te «Non ho mai avu­to un dub­bio vo­le­vo ri­gio­ca­re nel­la squa­dra che ho sem­pre sen­ti­to mia Mihajlovic un gran­de tec­ni­co»

ndi) nell’ul­ti­mo pe­rio­do. La cu­ra per gua­ri­re è mol­to sem­pli­ce: bi­so­gna so­lo la­vo­ra­re, que­sta è la stra­da giu­sta. E nes­su­no di noi de­ve ascol­ta­re quel­lo che si di­ce fuo­ri da Mi­la­nel­lo».

Nell’ul­ti­mo tur­no di cam­pio­na­to con­tro il Car­pi si è fat­to un al­tro pas­so in­die­tro. «Non era una par­ti­ta fa­ci­le da af­fron­ta­re. Sa­pe­va­mo che i no­stri av­ver­sa­ri avreb­be­ro gio­ca­to co­me al so­li­to, pal­la lun­ga... Sa­pe­va­mo che era una ga­ra dif­fi­ci­le da sbloc­ca­re. Ab­bia­mo gua­da­gna­to un pun­to, è sta­to im­por­tan­te non aver per­so».

Si può di­re che la car­rie­ra mi­la­ni­sta d i Niang sia ini­zia­ta il 28 ot­to­bre con la dop­piet­ta se­gna­ta al­la Samp­do­ria a San Si­ro? «No, non so­no d’ac­cor­do. Con Al­le­gri gio­ca­vo di più, ho di­spu­ta­to an­che qual­che bel­la ga­ra. Di­cia­mo che ini­zian­do a se­gna­re pos­so es­se­re un’ar­ma im­por­tan­te per la squa­dra e pos­so con­qui­sta­re me­glio la sti­ma dell’al­le­na­to­re». Si di­ce che do­me­ni­ca con­tro l’Hel­las Niang ver­rà schie­ra­to da Mihajlovic co­me quar­to di de­stra a cen­tro­cam­po. «In real­tà a me pia­ce gio­ca­re da cen­tra­van­ti, al mas­si­mo da se­con­da pun­ta. Po­ten­do sce­glie­re vor­rei sem­pre ave­re al­tri due at­tac­can­ti al mio fian­co. Ma è l’al­le­na­to­re a de­ci­de­re la for­ma­zio­ne. Ho già gio­ca­to a cen­tro­cam­po sul­la de­stra, lo fa­rò an­che que­sta vol­ta».

Quel­lo ap­pro­da­to per la ter­za vol­ta do­po i due esi­li a Mont­pel­lier e Ge­no­va sem­bra un al­tro Niang. An­che fuo­ri dal cam­po... «Sì, è esat­to. Gli er­ro­ri che ho com­mes­so nes­sun cal­cia­to­re de­ve per­met­ter­si di far­li. Bi­so­gna evi­ta­re tut­to. Da que­sto pun­to di vi­sta so­no cam­bia­to mol­to e si­cu­ra­men­te in me­glio. In che sen­so? Quan­do gio­chi e ti ar­ri­va il pal­lo­ne de­vi es­se­re lu­ci­do e cal­mo. Quan­do stai e fai be­ne nel­la vi­ta pri­va­ta i ri­sul­ta­ti si ve­do­no quan­do gio­chi».

ANSA

M’Baye Niang, 20 an­ni, at­tac­can­te fran­ce­se del Milan

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.