Pa­gnoz­zi cor­re per il ver­ti­ce del­la Le­ga Pro

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Lega Pro - Di Vin­cen­zo Sar­du

Die­ci gior­ni all’ur­na di Fi­ren­ze, dal­la qua­le il 22 di­cem­bre do­vrà usci­re il no­me di co­lui che suc­ce­de­rà al “re­gno” du­ra­to tre lu­stri ab­bon­dan­ti di Ma­rio Ma­cal­li al­la pre­si­den­za del­la Le­ga Pro. E co­me era fa­cil­men­te pre­ve­di­bi­le, l’av­vi­ci­nar­si al­la da­ta vi­di­ma­ta dal com­mis­sa­rio straor­di­na­rio Tom­ma­so Mie­le per l’as­sem­blea elet­ti­va - che avrà un pro­lo­go de­di­ca­to al bi­lan­cio chiu­so al­lo scor­so 30 giu­gno - ha sca­te­na­to la cam­pa­gna elet­to­ra­le. Due can­di­da­tu­re era­no già no­te: quel­la di Ga­brie­le Gra­vi­na, con­si­glie­re fe­de­ra­le e si­no a po­che set­ti­ma­ne fa so­da­le nel “tic­ket” di Fran­ce­sco Ghi­rel­li, ov­ve­ro i due gran­di op­po­si­to­ri di Ma­cal­li (la rot­tu­ra re­cen­tis­si­ma fra i due pa­re sia sta­ta al cu­ra­ro), e la di­sce­sa in cam­po di Pao­lo Mar­che­schi, già sub com­mis­sa­rio di Mie­le, che sem­bre­reb­be aver rac­col­to il fa­vo­re del­lo stes­so Ghi­rel­li. Da ie­ri in liz­za c’è un al­tro no­me, for­te: quel­lo di Raf­fae­le Pa­gnoz­zi. Avel­li­ne­se, 67 an­ni, una vi­ta nel Co­ni di cui è sta­to a lun­go Se­gre­ta­rio Ge­ne­ra­le, dal 1994 per ot­to an­ni ca­po mis­sio­ne del­le squa­dre na­zio­na­li che han­no par­te­ci­pa­to ai Gio­chi Olim­pi­ci esti­vi e in­ver­na­li e an­che can­di­da­to al ver­ti­ce del Co­ni, battuto con una cer­ta sor­pre­sa da Gio­van­ni Ma­la­gò. Uo­mo di sport, di­ri­gen­te già af­fer­ma­to a ele­va­ti li­vel­li, il suo no­me cir­co­la da una de­ci­na di gior­ni a pe­lo d’ac­qua, e ie­ri gli in­du­gi so­no sta­ti spaz­za­ti via. Pa­gnoz­zi ha spie­ga­to co­sì la sua can­di­da­tu­ra: «Non na­sco co­me un can­di­da­to “con­tro” ma un can­di­da­to “Pro” nel ve­ro sen­so del­la pa­ro­la. Fin dall’ini­zio ho pre­ci­sa­to che ci po­te­va es­se­re la mia di­spo­ni­bi­li­ta so­lo in fun­zio­ne del re­cu­pe­ro dell’uni­tà di in­ten­ti del­la Le­ga e del su­pe­ra­men­to del­la li­ti­gio­si­tà in at­to. Per rea­liz­za­re nei 12 me­si che ci se­pa­ra­no dal­la sca­den­za di tut­te le ca­ri­che spor­ti­ve, le co­se che ser­vo­no per ri­sol-

«Non mi can­di­do con­tro ma “Pro” in ogni sen­so: vo­glio aiu­ta­re a ri­sol­ve­re i pro­ble­mi»

ve­re il mag­gior nu­me­ro pos­si­bi­le dei tan­ti pro­ble­mi dei club di Le­ga Pro. Dun­que, non so­no il can­di­da­to né di Ti­zio né di Ca­io poi­ché ho fat­to ve­ri­fi­che a va­ri li­vel­li e ho ri­ce­vu­to in­vi­ti da tan­ti pre­si­den­ti di so­cie­tà: con mol­ti ho par­la­to e con­ti­nue­rò a par­la­re, so­lo que­sto mi ha con­vin­to a scen­de­re in cam­po per au­ten­ti­co spi­ri­to di ser­vi­zio».

Sce­na­ri aper­tis­si­mi, dun­que. E co­me ac­ca­de in più fa­mo­se cor­se elet­to­ra­li, im­pos­si­bi­le scar­ta­re a prio­ri la con­ver­gen­za di più cor­da­te in un tic­ket più for­te. Tem­po die­ci gior­ni, e la Le­ga Pro avrà una nuo­va go­ver­nan­ce. Si spe­ra.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.