Fe­li­ci­tà Jo­ve­tic: «Cre­dia­mo al­lo scu­det­to»

Man­ci­ni: Lui e Icar­di co­min­cia­no a co­no­scer­si, han­no gio­ca­to en­tram­bi mol­to be­ne

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Udinese - Inter 0-4 - di An­drea Ra­maz­zot­ti IN­VIA­TO A UDI­NE

Sor­ri­de Ste­van Jo­ve­tic, che ri­tro­va il gol do­po ol­tre tre me­si: «So­no ve­ra­men­te con­ten­to, so­prat­tut­to per­ché ab­bia­mo con­qui­sta­to i tre pun­ti. Io e Icar­di, pen­so, sia­mo una buo­na cop­pia e nel pro­sie­guo del cam­pio­na­to lo di­mo­stre­re­mo di si­cu­ro. Ov­via­men­te, bi­so­gna gio­ca­re di più insieme: mi­glio­re­re­mo sem­pre di più. Lo scu­det­to? Sia­mo sem­pre lì e ci cre­dia­mo. Se non ci cre­des­si­mo, co­me po­trem­mo vin­cer­lo? Cer­to, ci so­no al­tre tre o quat­tro squa­dre che lot­ta­no, ma dob­bia­mo pen­sa­re so­lo a vin­ce­re le no­stre par­ti­te: al­la fi­ne, fa­re­mo i con­ti». Un cen­no al Man­che­ster Ci­ty: «Ho avu­to pro­ble­mi dei qua­li non vo­glio par­la­re: all’In­ter mi tro­vo be­nis­si­mo, so­no qui da quat­tro-cin­que me­si, ma è co­me se ci fos­si da due an­ni. Mi han­no ac­cet­ta­to be­nis­si­mo, li rin­gra­zio e cer­che­rò di fa­re gol e as­si­st per por­ta­re lo scu­det­to o la cop­pa, per­ché vo­glia­mo vin­ce­re qual­co­sa». SI­MU­LA­ZIO­NI. «La par­ti­ta è sta­ta dif­fi­ci­le - di­ce Ro­ber­to Man­ci­ni -, l’Udinese ha di­mo­stra­to di es­se­re una squa­dra in for­ma e ci ha mes­so in difficoltà, ma ab­bia­mo di­mo­stra­to di sa­per sof­fri­re be­ne. Non esi­sto­no par­ti­te sem­pli­ci elo spi­ri­to è quel­lo giu­sto. Per chi ti­fe­rò ades­so nel­le sfi­de di­ret­te tra in­se­gui­tri­ci? Non cam­bia mol­to, è an­co­ra pre­sto: tut­te con­ti­nue­ran­no a lot­ta­re per il ti­to­lo». Ine­vi­ta­bi­le una do­man­da su Icar­di: «Se­gna­re è il suo la­vo­ro: non ab­bia­mo mai avu­to pre­oc­cu­pa­zio­ni per­ché al­la fi­ne i gol li fa­rà. È nor­ma­le che gli at­tac­can­ti at­tra­ver­si­no mo­men­ti di ap­pan­na­men­to, ma fi­no­ra è ar­ri­va­to a 7: un buon bot­ti­no. Ha gio­ca­to mol­to be­ne, co­me Jo­ve­tic: co­min­cia­no a co­no­scer­si e que­sta è una co­sa po­si­ti­va. Mon­toya? Da un po’ pen­sa­vo di far­lo gio­ca­re: il suo ren­di­men­to è for­se l’aspet­to che mi ren­de più fe­li­ce, non era fa­ci­le do­po me­si di inat­ti­vi­tà. Il re­cord di Mou­ri­n­ho battuto? Quell’In­ter ha vin­to, que­sta an­co­ra nul­la: per ora i nu­me­ri con­ta­no po­co. La mi­glio­re di­fe­sa? Va be­ne, dob­bia­mo di­ven­ta­re an­che il mi­glior at­tac­co, quan­to ai car­tel­li­ni, quel­lo di Tel­les non c’era: di si­mu­la­zio­ni nel­le ul­ti­me 5 par­ti­te ne avrò vi­ste al­me­no 20, bi­so­gna smet­ter­la e am­mo­ni­re. A chi de­di­co la vit­to­ria? A una bam­bi­na, Au­ro­ra, che pur­trop­po è vo­la­ta in cie­lo.”

INTENSITA’. «Gli er­ro­ri pos­so­no ca­pi­ta­re - so­spi­ra Ste­fa­no Co­lan­tuo­no -. È un pec­ca­to per­ché ab­bia­mo fat­to una gran­de ga­ra, spe­cie nel pri­mo tem­po. Ma se non fai gol di­ven­ta dif­fi­ci­le, e con­tro squa­dre co­me l’In­ter cer­te di­stra­zio­ni le pa­ghi. Nel se­con­do, so­no ve­nu­te me­no le ener­gie. Mi au­gu­ro che pre­sta­zio­ni del ge­ne­re si ri­pe­ta­no, er­ro­ri in­di­vi­dua­li a par­te. Non sia­mo sta­ti in­fe­rio­ri ne all’In­ter ne al­la Fio­ren­ti­na. Di Na­ta­le? Ne par­lia­mo sem­pre e non vo­glio tor­na­re sul­la que­stio­ne del fu­tu­ro: ha gio­ca­to, ha fat­to il suo».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.