«Ab­bia­mo lot­ta­to il so­gno con­ti­nua»

«La Ju­ve ci ha pres­sa­to. Do­ve­va­mo con­trol­la­re di più»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Juventus-fiorentina 3-1 - Di Fu­rio Fe­de­le

Pau­lo Sou­sa non è com­ple­ta­men­te sod­di­sfat­to del­la sua Fio­ren­ti­na vi­sta al­lo Sta­dium. Al tec­ni­co por­to­ghe­se la Vio­la non è pia­ciu­ta nel­la par­te fi­na­le del­la par­ti­ta. «Non sia­mo sta­ti con­cre­ti nell'ul­ti­ma par­te del­la ga­ra - ha det­to - an­che per­ché ab­bia­mo tro­va­to 3 cen­tra­li sem­pre in co­per­tu­ra, dif­fi­ci­li da su­pe­ra­re. Poi con gli ester­ni, in cin­que in di­fe­sa... Sa­pe­va­mo di que­sta difficoltà, sa­pe­va­mo che la Ju­ve in di­fe­sa è una squa­dra mol­to for­te». Co­sa è man­ca­to al­la Vio­la? «È man­ca­ta la pa­zien­za, per­ché do­po aver su­bi­to il se­con­do gol non do­ve­va­mo ac­cel­le­ra­re il no­stro rit­mo. I no­stri av­ver­sa­ri so­no ri­par­ti­ti e so­no an­da­ti in re­te. Sa­pe­va­mo del­la lo­ro for­za in que­sto».

ER­RO­RE. Ec­co la di­sa­mi­na di Sou­sa sul pri­mo, cla­mo­ro­so gol su­bi­to. «Per chiu­de­re il cross do­ve­va­mo sta­re più vi­ci­no all'av­ver­sa­rio (Cua­dra­do: ndi) - ha spie­ga­to - e pren­de­re de­ci­sio­ni mi­glio­ri in mez­zo all'area. Era­va­mo in su­pe­rio­ri­tà in area, ma il cross è an­da­to sul se­con­do pa­lo e Cua­dra­do era so­lo». La scon­fit­ta del­lo Sta­dium può ave­re ri­per­cus­sio­ni sul­la Fio­ren­ti­na? «Sia­mo con­sa­pe­vo­li del­le no­stre for­ze, non è fa­ci­le per nes­su­no gio­ca­re in que­sto sta­dio con la per­so­na­li­tà che ab­bia­mo avu­to noi. Poi ci man­ca­no al­tre co­se. Ma sia­mo sta­ti pro­po­si­ti­vi. I ri­sul­ta­ti ci dan­no la con­ti­nui­tà per far­ci com­pe­te­re ad al­ti li­vel­li». C’è il pe­ri­co­lo che la Vio­la di Sou­sa sia di­ven­ta­ta trop­po pre­ve­di­bi­le? «Noi cer­chia­mo i det­ta­gli che ci pos­so­no aiu­ta­re a vin­ce­re, vo­glia­mo mi­glio­ra­re an­che sui ti­ri da fuo­ri, sap­pia­mo che tan­te squa­dre si chiu­do­no». Bi­so­gna­va af­fron­ta­re la Ju­ve con mag­gio­re vi­va­ci­tà? «La ve­lo­ci­tà è dif­fi­ci­le da tro­va­re quan­do ci so­no tut­ti gli spazi chiu­si per­ché ab­bia­mo tro­va­to una Ju­ve che ha pro­va­to sem­pre a pres­sar­ci al­to. I ra­gaz­zi so­no sta­ti bra­vi a con­trol­la­re il gio­co ma quan­do tro­vi una gran­de qua­li­tà di­fen­si­va in­con­tri difficoltà».

IL­LU­SIO­NE. Que­sta Fio­ren­ti­na può an­co­ra so­gna­re? «I no­stri so­gni de­vo­no es­se­re sem­pre ugua­li. Gio­ca­re in que­sto sta­dio con que­sta per­so­na­li­tà non è fa­ci­le. Dob­bia­mo ve­de­re chi ab­bia­mo di fron­te e do­ve sia­mo noi. Ab­bia­mo gio­ca­to con tut­ta la qua­li­tà che ave­va­mo ma ab­bia­mo in­con­tra­to una squa­dra con gran­de so­li­di­tà. So­no con­ten­to, fie­ro e mi so­no di­ver­ti­to ve­der gio­ca­re qui la mia squa­dra». Ma l’or­ga­ni­co a di­spo­si­zio­ne di Sou­sa è suf­fi­cien­te? «Con tut­ti i gio­ca­to­ri che ab­bia­mo, cer­chia­mo di usa­re i mi­glio­ri per di­ver­tir­ci. Non è ve­ro che sia­mo scom­par­si, ab­bia­mo con­trol­la­to la ga­ra. Piut­to­sto ci è man­ca­ta pa­zien­za, per­ché non do­ve­va­mo ac­ce­le­ra­re il gio­co in oc­ca­sio­ne del se­con­do gol e da­re al­la Ju­ve il con­tro­pie­de. Han­no po­tu­to af­fron­ta­re co­sì la par­ti­ta per­ché era­no in su­pe­rio­ri­tà».

PRO­BLE­MI. Co­me mai la Fio­ren­ti­na ha crea­to po­che oc­ca­sio­ni da re­te? «Ab­bia­mo in­con­tra­to una li­nea di­fen­si­va mol­to di­na­mi­ca che ha gio­ca­to con gran­de ag­gres­si­vi­tà. Le di­stan­ze so­no tal­men­te cor­te che de­vi an­ti­ci­pa­re i tuoi mo­vi­men­ti e il pas­sag­gio de­ve es­se­re fat­to nel mo­men­to giu­sto. Cre­do che la Ju­ve sia la squa­dra del no­stro cam­pio­na­to più ma­tu­ra in as­so­lu­to. I bian­co­ne­ri han­no un mo­du­lo ben pre­ci­so, han­no ri­cam­bi per da­re con­ti­nui­tà nel cor­so del­la par­ti­ta. E' una Ju­ve che a li­vel­lo col­let­ti­vo di­fen­de mol­to be­ne, ma che an­che a li­vel­lo in­di­vi­dua­le è ot­ti­ma». Il ri­tor­no a To­ri­no da ex-bian­co­ne­ro: «So­no sem­pre emo­zio­na­to da quan­do fac­cio que­sto me­stie­re. Ri­ve­de­re da av­ver­sa­rio luo­ghi e per­so­ne con cui hai vis­su­to mo­men­ti im­por­tan­ti fa sem­pre pia­ce­re. Io sul­la pan­chi­na del­la Ju­ven­tus? So­no con­ten­to do­ve so­no, con­cen­tra­to al 100% con la ma­glia vio­la, stia­mo fa­cen­do be­nis­si­mo e ci stia­mo di­ver­ten­do tan­tis­si­mo con il no­stro gio­co».

«La squa­dra ha mo­stra­to buo­na per­so­na­li­tà, ma non sia­mo sta­ti ef­fi­ca­ci in at­tac­co»

«Tor­na­re a To­ri­no mi ha emo­zio­na­to Io al­la Ju­ve? A Fi­ren­ze sto be­ne e mi di­ver­to»

GETTY

Lo slo­ve­no Jo­sip Ili­cic, 27 an­ni, esul­ta do­po il ri­go­re: è il se­sto che se­gna que­st’an­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.