SAR­RI «Il gol an­nul­la­to? Vi­zia­to due vol­te»

«A quan­to pa­re sul cross la pal­la è usci­ta e Itur­be fa si­cu­ra­men­te fal­lo su Al­biol»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Napoli-roma 0-0 - Di Fa­bio Man­da­ri­ni

Se il San Pao­lo fos­se sta­to un ring? «Cre­do che la Ro­ma avreb­be get­ta­to la spu­gna: sa­reb­be sta­to ko tec­ni­co». Mau­ri­zio Sar­ri piaz­za su­bi­to un di­ret­to al­la Ty­son. «Cre­do che sia sta­ta la mi­glio­re pre­sta­zio­ne del Na­po­li - rac­con­ta il tec­ni­co - ab­bia­mo da­to l'idea di equi­li­brio e so­li­di­tà. E quan­do pa­reg­gia­mo con squa­dre che han­no un bud­get in­fe­rio­re al no­stro di­co­no che ab­bia­mo fat­to ma­le, ma que­sta vol­ta ab­bia­mo pa­reg­gia­to con una squa­dra dal bud­get su­pe­rio­re...». Dall’al­tra par­te fan­no ri­fe­ri­men­to al gol an­nul­la­to, Sar­ri non ci sta: «Ci so­no due ir­re­go­la­ri­tà. A quan­to pa­re la pal­la sul cross è usci­ta, ma ol­tre a que­sto c’è Itur­be che fa si­cu­ra­men­te fal­lo su Al­biol!».

LA MI­GLIO­RE. E,’ un po,’ la not­te dei rim­pian­ti: «Dal pun­to di vi­sta del ri­sul­ta­to». Sar­ri spie­ga per fi­lo e per se­gno: «Ab­bia­mo avu­to set­te pal­le gol a ze­ro e una su­pe­rio­ri­tà ter­ri­to­ria­le al 71%, se fos­se sta­to un mat­ch di pu­gi­la­to avreb­be­ro get­ta­to la spu­gna». Ma al­la fi­ne è sta­to 0-0: «Sì, ci di­spia­ce non aver con­cre­tiz­za­to quan­to pro­dot­to, vuoi per un piz­zi­co di sfor­tu­na, vuoi per la bra­vu­ra del por­tie­re av­ver­sa­rio». Ma c'è il gran­de “pe­rò”: «La Ro­ma ha avu­to un at­teg­gia­men­to tat­ti­co di­ver­so dal so­li­to, mol­to con­te­nu­to, men­tre noi ab­bia­mo fat­to quel­lo che an­da­va fat­to, non ab­bia­mo con­ces­so nul­la in fa­se di­fen­si­va e com­ples­si­va­men­te la squa­dra ha da­to l'idea di do­mi­na­re il gio­co. Se ci estra­nia­mo dal ri­sul­ta­to, cre­do che sia sta­ta la mi­glio­re pre­sta­zio­ne sta­gio­na­le del Na­po­li». VO­LA­TA A STRI­SCE. Al­la fi­ne, pe­rò, a go­de­re è sol­tan­to l'In­ter. An­zi, la squa­dra di Man­ci­ni e poi le al­tre in­te­res­sa­te al di­scor­so scu­det­to. Che Sar­ri con­ti­nua a non af­fron­ta­re: «Per co­me stan­no an­dan­do le co­se, cre­do che al­la fi­ne se lo gio­che­ran­no In­ter e Ju­ven­tus. An­che se dal pun­to di vi­sta del gio­co pre­fe­ri­sco la Fio­ren­ti­na».

GLI UO­MI­NI. Dal pun­to di vi­sta dei suoi uo­mi­ni in­ve­ce, tat­ti­ca­men­te par­lan­do, il pre­di­let­to è Cal­le­jon: «Non se­gna in cam­pio­na­to?». Già, è an­co­ra a quo­ta ze­ro. «Al di là del fat­to che ne ha se­gna­ti cin­que in Eu­ro­pa, di lui pos­sia­mo fa­re a me­no al mas­si­mo per ven­ti mi­nu­ti. E’ im­por­tan­te quan­do c'è da in­ten­si­fi­ca­re la fa­se of­fen­si­va. Ed è de­ter­mi­nan­te dal pun­to di vi­sta dell'equi­li­brio del­la squa­dra». Co­me Ham­sik, ie­ri a un pas­so dal gol, ma a di­giu­no or­mai da quin­di­ci par­ti­te di cam­pio­na­to: «Ha fat­to una ga­ra straor­di­na­ria per in­ten­si­tà di­fen­si­va e tem­pi di in­se­ri­men­to: pur­trop­po, in se­ra­te co­me que­sta a uno con i suoi pie­di ca­pi­ta di non se­gna­re». E’ ri­ma­sto a sec­co an­che Hi­guain: «Nel pri­mo tem­po l'han­no la­scia­to un po' so­lo e lui è ve­nu­to po­co in­con­tro, men­tre nel­la ri­pre­sa ha co­min­cia­to a fa­re que­sti mo­vi­men­ti e le oc­ca­sio­ni so­no au­men­ta­te». Pro­mos­so a pie­ni vo­ti Kou­li­ba­ly: «Do­po gli er­ro­ri di Bo­lo­gna ha da­to una ri­spo­sta do­vu­ta: ha mez­zi fi­si­ci im­pres­sio­nan­ti e sta an­che co­min­cian­do ad af­fi­na­re il pie­de e le let­tu­re tat­ti­che del­le par­ti­te. Se con­ti­nua a cre­sce­re, può di­ven­ta­re un gran­dis­si­mo».

SOD­DI­SFAT­TO E CRIP­TI­CO. E’ più crip­ti­co, in­ve­ce, il mes­sag­gio la­scia­to in ere­di­tà da Au­re­lio De Lau­ren­tiis: il pre­si­den­te fa pri­ma i com­pli­men­ti ai suoi, e sul te­ma non c'è al­cun ti­po di dub­bio, e poi ag­giun­ge una va­lu­ta­zio­ne me­no espli­ci­ta sul­la par­ti­ta e sul cal­cio di ca­sa Ita­lia. «Co­sa pen­so? Beh, non pos­so che es­se­re sod­di­sfat­to del­la squa­dra. Ma ci sa­reb­be da par­la­re per ore di que­sta par­ti­ta.

«0-0 a par­te è sta­to il Na­po­li mi­glio­re Se fos­se sta­ta boxe lo­ro avreb­be­ro get­ta­to la spu­gna!»

Si po­treb­be com­men­ta­re mi­nu­to per mi­nu­to». Ipo­te­si istan­ta­nea: ce l'ha con l'ar­bi­tro? «No, non ce l'ho con nes­su­no. Io so­no uno che fo­to­gra­fa le si­tua­zio­ni e le im­ma­gaz­zi­na: ogni tan­to, poi, ti­ro fuo­ri co­se che pos­so­no es­se­re il ri­gur­gi­to di ar­rab­bia­tu­re pre­ce­den­ti, ma sia­mo in Ita­lia e il cal­cio ita­lia­no è que­sto. Ci so­no la­ti po­si­ti­vi e la­ti ne­ga­ti­vi che dob­bia­mo su­bi­re». Fi­na­le: «Me ne va­do via se­re­no, i miei han­no gio­ca­to. Han­no gio­ca­to!». Con il ver­bo gio­ca­re sot­to­li­nea­to due vol­te.

LAP­RES­SE

Mau­ri­zio Sar­ri, 56 an­ni, pri­ma sta­gio­ne al Na­po­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.