JO­VE­TIC DER­BY D’ITA­LIA «Que­sta Ju­ve non ci fa pau­ra»

Icar­di: Pri­mi a Na­ta­le, obiet­ti­vo cen­tra­to

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - La Lotta Scudetto - Di Pie­tro Gua­da­gno

Chi me­glio di Icar­di per sfi­da­re la Ju­ven­tus nel­la lot­ta scu­det­to? Già per­ché nel­la lun­ga cor­sa che por­te­rà al ti­to­lo, l’In­ter po­trà con­ta­re su quel­la che è or­mai da con­si­de­ra­re co­me una ve­ra e pro­pria be­stia ne­ra per la Si­gno­ra, a cui ha ri­fi­la­to già 6 re­ti in 6 in­cro­ci, ri­ma­nen­do a sec­co sol­tan­to nell’ul­ti­ma sfi­da a San Si­ro. Il nuo­vo ap­pun­ta­men­to è fis­sa­to per il 28 feb­bra­io al­lo Sta­dium. Eb­be­ne, Mau­ri­to ha tut­te le in­ten­zio­ni di ar­ri­var­ci co­me ca­po­can­no­nie­re. E’ l’au­gu­rio che ha espres­so an­che ie­ri se­ra quan­do è sa­li­to sul pal­co per ri­ce­ve­re il suo Oscar dell’As­so­cal­cia­to­ri. «Nel­lo scor­so cam­pio­na­to non ave­vo co­min­cia- to mol­to be­ne, ma poi pre­si la rincorsa sen­za più fer­mar­mi, fi­no a vin­ce­re il ti­to­lo as­sie­me a To­ni. L’ini­zio è sta­to lo stes­so an­che que­st’an­no, spe­ria­mo che fi­ni­sca al­lo stes­so mo­do».

GRA­ZIE MAN­CIO. Il se­gna­le che Icar­di ha lan­cia­to a Udi­ne è sta­to di quel­li si­gni­fi­ca­ti­vi: una dop­piet­ta (ora so­no 6 i suoi cen­tri in cam­pio­na­to) che ha sgom­bra­to cri­ti­che e dub­bi. «Le pa­ro­le di Man­ci­ni pri­ma del­la ga­ra di sa­ba­to mi han­no da­to le giu­ste mo­ti­va­zio­ni - ha rac­con­ta­to il bom­ber a Sky - il mio com­pi­to è quel­lo di aiu­ta­re la squa­dra con i gol, an­che se non de­ve mai man­ca­re un con­tri­bu­to al­la fa­se di­fen­si­va. Se so­no sta­ti gol im­por­tan­ti? Io ero già con­ten­to per il pri­mo, poi è ar­ri­va­to il pal­lo­ne giu­sto e ho but­ta­to den­tro pu­re il se­con­do. Ora il mo­ra­le è al­to. Si era par­la­to trop­po del­la mia asti­nen­za». Un pen­sie­ro an­che sul pri­mo po­sto: « Pun­ta­va­mo a es­se­re pri­mi a Na­ta­le. Ma poi, ol­tre al­la no­stra vit­to­ria, so­no ar­ri­va­ti pu­re i ri­sul­ta­ti del­le al­tre e co­sì ab­bia­mo già la cer­tez­za di es­se­re las­sù al­la so­sta». L’uni­ca co­sa che ie­ri ha in­fa­sti­di­to Icar­di è sta­to il ten­ta­ti­vo di con­se­gna del Ta­pi­ro d’oro da par­te di “Stri­scia la no­ti­zia”. L’In­ter ha ap­pre­so scon­cer­ta­ta che la mo­ti­va­zio­ne era il fur­to dell’oro­lo­gio su­bì­to una de­ci­na di gior­ni fa, co­sì Mau­ri­to ha pen­sa­to be­ne di non ab­bas­sa­re nem­me­no il fi­ne­stri­no dell’au­to da­van­ti all’in­via­to del­la tra­smis­sio­ne. SEN­ZA PAU­RA. A Udi­ne, pe­ral­tro, non è tor­na­to a se­gna­re sol­tan­to Icar­di, ma an­che Jo­ve­tic, a sec­co ad­di­rit­tu­ra dal 30 ago­sto. «Or­mai i bian­co­ne­ri so­no rien­tra­ti in cor­sa, ma io me l’aspet­ta­vo per­ché so­no for­ti - ha spie­ga­to a Me­dia­set - ad ogni mo­do, noi non ab­bia­mo pau­ra. Sia­mo con­cen­tra­ti sul no­stro obiet­ti­vo e pen­sia­mo so­lo a da­re il mas­si­mo, af­fron­tan­do par­ti­ta do­po par­ti­ta. La Ju­ve l’ab­bia­mo già af­fron­ta­ta sul cam­po e, a mio giu­di­zio, po­te­va­mo an­che vin­ce­re per co­me ci era­va­mo espres­si nel pri­mo tem­po, men­tre poi nel­la ri­pre­sa era­no an­da­ti me­glio lo­ro. E’ an­co­ra lun­ga, co­mun­que. Sa­rà du­ra, ma noi ci sia­mo e non ab­bia­mo in­ten­zio­ne di mol­la­re»

Ste­van Jo­ve­tic do­po il gol di Udi­ne, il suo quar­to sta­gio­na­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.