Da La­las a Ju­lio Igle­sias il cal­cio sa­le sul pal­co

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Bologna - Fu.za.

sa sta­re al mon­do, cu­rio­so, en­tu­sia­sta, «la mia è tut­ta ener­gia po­si­ti­va».

MU­SI­CA E AR­TE. La se­ra, quan­do può, va a ve­der­si quel con­cer­ti­no jazz al­la Can­ti­na Ben­ti­vo­glio, op­pu­re si an­no­ta una se­ra­ta ri­thm and blues al­le Scu­de­rie, lo­ca­li del cen­tro do­ve si fa mu­si­ca buo­na. Il jazz lo ascol­ta, ma con ri­spet­to. Ha sem­pre pre­ci­sa­to: «So­no più rock». E se la ri­de. «An­che blues, pe­rò». Tan­ghe­ro, pu­re. «Il tan­go per un ar­gen­ti­no è una que­stio­ne di ani­ma». A de­fi­nir­lo ar­ti­sta si fa pre­sto, e sa­reb­be pu­re ba­na­le; non è che tua fi­glia per­ché fa il se­con­do an­no di con­ser­va­to­rio è un'ar­ti­sta o se tuo fi­glio imi­ta be­ni­no gli Ur­ban Stran­gers al­lo­ra va­le Ti­zia­no Fer­ro. Di­cia­mo che Zu­cu­li­ni è un uo­mo che si spe­ri­men­ta. Di­se­gna, per esem­pio. In ae­reo di rien­tro da una tra­sfer­ta, men­tre gli al­tri com­pa­gni si slo­ga­va­no le di­ta con la play; l'ab­bia­mo vi­sto pren­de­re al­bum e ma­ti­ta dal­lo zai­net­to e di­se­gna­re. Vol­ti, ca­ri­ca­tu­re, am­bien­ti. Di tut­to. Ar­ti­sta (quel­lo sì) pre­fe­ri­to: «Da­lì so­pra tut­ti». E di­re che da bam­bi­no il suo ido­lo era un al­tro. «Dra­gon Ball, lo di­se­gna­vo ovun­que».

L'UMANITA' DI ZU­CU. Quel­la vol­ta che in vi­si­ta al Pra­tel­lo, il car­ce­re minorile di Bo­lo­gna, vi­de un pia­no­for­te in una sa­la, si av­vi­ci­nò, gli al­tri lo guar­da­ro­no so­spet­to­si, che fa que­sto?, «a fe­no­me­no», ac­ca­rez­zò i ta­sti, si si­ste­mò sul­lo sga­bel­li­no e ab­boz­zò la mu­si­ca di uno spar­ti­to che ave­va in te­sta. Lei suo­na?, gli chie­se l'im­pie­ga­ta che ac­com­pa­gna­va la co­mi­ti­va. Cer­to, fe­ce lui. E ag­giun­se: ma que­sto pia­no­for­te non de­ve sta­re qua in un an­go­lo, do­ve­te met­ter­lo in mez­zo al­la stan­za co­sì a chi vie­ne vo­glia, bè, ci può pro­va­re, no? Quel­la vol­ta, po­co tem­po fa, all'Iso­ki­ne­tic. Ci ha pas­sa­to me­si, un cal­va­rio. Si è in­for­tu­na­to il 1° apri­le: cro­cia­to. Ope­ra­zio­ne, rie­du­ca­zio­ne. Nien­te cam­po. E' tor­na­to una set­ti­ma­na fa, e Do­na­do­ni l'ha su­bi­to por­ta­to in pan­chi­na a Ge­no­va. Eb­be­ne, quel­la vol­ta all'Iso­ki­ne­tic, l'ul­ti­mo gior­no pri­ma dei sa­lu­ti, ha ra­du­na­to tut­to lo staff, dot­to­ri e in­fer­mie­ri del cen­tro te­ra­peu­ti­co, ha of­fer­to vas­soi di pa­stic­ci­ni e tra­mez­zi­ni e si è mes­so a suo­na­re, per lo­ro, la chi­tar­ra. Quel­la vol­ta che in cen­tro a Bo­lo­gna, du­ran­te le fe­ste, c'era­no gli ar­ti­sti di stra­da che suo­na­va­no can­zo­ni na­ta­li­zie, Zu­cu­li­ni pas­sa­va di là. Ehi, Zu­cu, dai, suo­na qual­co­sa con noi. Per­ché no? Da­te­mi una chi­tar­ra. Che poi, per Zu­cu, suo­na­re si­gni­fi­ca «con­di­vi­de­re». Ec­co per­ché quan­do lo in­vi­ta­ro­no ad un po­me­rig­gio be­ne­fi­co con ra­gaz­zi­ni di­sa­bi­li che gio­ca­va­no a basket, an­zi­ché star­se­ne im­pa­la­to a bor­do cam­po, si fe­ce por­ta­re una car­roz­zi­na, si se­det­te e gio­cò con lo­ro.

Quel­la vol­ta al­la scuo­la Man­zo­ni di Bo­lo­gna, sa­pe­te, uno di que­gli in­con­tri in cui i cal­cia­to­ri van­no a par­la­re dei va­lo­ri del­lo sport e di co­me si può es­se­re cit­ta­di­ni an­che in cam­po; ec­co, Zu­cu­li­ni par­lò, rac­con­tò co­se di ra­ra e pre­zio­sa uma­ni­tà, poi gli dis­se­ro che c'era una ta­stie­ra, al­lo­ra la rag­giun­se, sor­ri­se al­la pla­tea, si ac­co­mo­dò e dis­se: ades­so vi fac­cio sen­ti­re io. Facci sen­ti­re la tua mu­si­ca, Zu­cu. Ci so­no can­tan­ti fa­mo­si che in gio­ven­tù so­no sta­ti buo­ni cal­cia­to­ri. Ju­lio Igle­sias, ec­co­ne uno. Gio­cò nel­le gio­va­ni­li del Real Madrid, fa­ce­va il por­tie­re, nell'an­no del pas­sag­gio in pri­ma squa­dra un in­ci­den­te au­to­mo­bi­li­sti­co gli com­pro­mi­se la car­rie­ra. Se mi la­sci non va­le. In­ve­ce va­le­va. La­sciò il cal­cio, con­se­gnò il suo ta­len­to al­la mu­si­ca. Più tar­di ha rac­con­ta­to: «Ero un di­scre­to por­tie­re, ma non sa­rei mai di­ven­ta­to un cam­pio­ne». Non ci so­no, pe­rò, cal­cia­to­ri fa­mo­si che in gio­ven­tù o an­che in vec­chia­ia so­no sta­ti (bra­vi) can­tan­ti. O me­glio: un'ec­ce­zio­ne c'è. Par­lia­mo di Ale­xi La­las, il ge­ne­ra­le Cu­ster in san­da­li e ca­mi­cia a qua­dri che gio­ca­va stop­per nel Pa­do­va dei pri­mi an­ni '90. Fre­quen­ta­va bir­re­rie, aree di ri­go­re, pri­vè, pal­chi da con­cer­to e fan­ciul­le da ri­mor­chio con la stes­sa fa­vo­lo­sa leg­ge­rez­za. Al ct del­la na­zio­na­le Usa Mi­lu­ti­no­vic che gli or­di­nò di dar­ci un ta­glio, lui la pre­se lar­ga, ta­gliò sì i ca­pel­li, non ri­nun­ciò a nien­te e la bar­ba la la­sciò co­sì com'era, lun­ga e sel­vag­gia (og­gi gli avreb­be­ro da­to dell'hip­ster, di­cia­mo che era già avan­ti di vent'an­ni), pro­prio co­me ce l'ave­va il suo ido­lo: l'au­ti­sta del pull­man che da ra­gaz­zi­no lo por­ta­va a scuo­la. Da mu­si­ci­sta com­po­se cin­que al­bum (lui al­la chi­tar­ra), ci fu un pe­rio­do in cui si dis­se che quel­la di La­las era la band pre­fe­ri­ta di Chel­sea Clin­ton, hai det­to nien­te, la fi­glia di Mi­ster Pre­si­dent. In ogni caso, il con­nu­bio cal­cio-mu­si­ca ha da­to vi­ta ad al­cu­ne esi­bi­zio­ni sto­ri­che. Bep­pe Sa­vol­di che in­ci­de un 45 gi­ri dall'ori­gi­na­le ti­to­lo «Ti­ra...goal/La fa­vo­la dei cal­cia­to­ri»; Na­nu Gal­der­si che - ai tem­pi del­lo scu­det­to del Ve­ro­na nel 1985 - imi­ta il suo ido­lo Re­na­to Ze­ro e lan­cia nel mer­ca­to di­sco­gra­fi­co: «Sto cor­ren­do». Ma do­ve? Pao­lo Ros­si, il Pa­bli­to di fi­ne an­ni '70, in ver­sio­ne can­tan­te-con­fi­den­zia­le (Mi­chael Bu­blè, se ave­te pre­sen­te) che can­ta nel suo «Do­me­ni­ca al­le tre». Ro­ba da ac­cap­po­na­re la pel­le. Nien­te al con­fron­to di Gai­z­ka Men­die­ta, ri­cor­da­te?, lo spa­gno­lo con le me­ches bion­de che la La­zio pa­gò 90 mi­liar­di. Un flop, in cam­po. Me­glio sul pal­co. Con la chi­tar­ra. Ha scrit­to an­che una can­zo­ne. «Un ben dia». Tra le stro­fe, per la se­guen­te si so­spet­ta l'uso del do­ping. «Un bel gior­no ac­ce­si la ti­vù e c'era un gio­co.....y Men­die­ta ha mar­ca­do un gol real­men­te in­creí­ble». E vab­bè. Va­le tut­to.

Bep­pe Sa­vol­di e Pao­lo Ros­si an­ni fa in­ci­se­ro un 45 gi­ri E Men­die­ta ci pro­va con la chi­tar­ra

REU­TERS

Ale­xi La­las

REU­TERS

Ju­lio Igle­sias

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.