Tron­chet­ti: Dal­le gom­me il mas­si­mo per lo show

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Caschi D'oro - p.gua.

MI­LA­NO - Il più az­zec­ca­to dei pa­dro­ni di ca­sa. E’ sta­to l’Au­di­to­rium Pi­rel­li, in­fat­ti, ad ospi­ta­re la 50ª edi­zio­ne dei Ca­schi d’Oro di Autosprint. E Mar­co Tron­chet­ti Pro­ve­ra a ini­zio se­ra­ta ha tra­smes­so tut­ta la sua sod­di­sfa­zio­ne: «E’ una gran­de pia­ce­re per me. So­no cre­sciu­to leg­gen­do Autosprint». Su­bi­to do­po, pe­rò, l’at­tua­li­tà ha pre­so il so­prav­ven­to. A co­min­cia­re dal­la de­ci­sio­ne di adot­ta­re tre me­sco­le dif­fe­ren­ti per gli pneu­ma­ti­ci del­le mo­no­po­sto di Formula 1. «Fac­cia­mo il mas­si­mo per au­men­ta­re lo spet­ta­co­lo e, per quan­to ci com­pe­te, ci sa­rà di si­cu­ro. Poi è chia­ro che an­che gli al­tri de­vo­no fa­re il lo­ro do­ve­re - ha spie­ga­to Tron­chet­ti Pro­ve­ra - Sul­la tec­no­lo­gia, con Pi­rel­li, si va sul si­cu­ro. Da par­te no­stra lo show sa­rà ga­ran­ti­to, ab­bia­mo rac­col­to que­sta sfi­da con­vin­ti di vin­cer­la. C’è mol­to da la­vo­ra­re, ma il per­cor­so or­mai è sta­to trac­cia­to».

RE­GO­LE CHIA­RE. Quel­la ap­pe­na con­clu­sa è sta­ta una sta­gio­ne tra­va­glia­ta in Formula 1, co­sì Tron­chet­ti Pro­ve­ra ha sfrut­ta­to l’op­por­tu­ni­tà per il­lu­stra­re la po­si­zio­ne del­la Pi­rel­li. «Non mi pia­ce tor­na­re su quel­lo che è suc­ces­so nel 2015, ma c’era­no de­gli aspet­ti da met­te­re in chia­ro. Noi sia­mo per i re­go­la­men­ti più tra­spa­ren­ti pos­si­bi­le e, di con­se­guen­za, che le re­go­le del gio­co sia­no ugua­li per tut­ti. Ora que­sto pas­so è sta­to fat­to. Che poi que­sta Formula 1 mi piac­cia per­so­nal­men­te, è un’al­tra que­stio­ne. Va be­ne co­sì, pe­rò, e si­cu­ra­men­te sap­pia­mo che tut­to può mi­glio­ra­re. Per­ché ab­bia­mo pen­sa­to di ab­ban­do­na­re? Non è ve­ro, non c’è mai sta­ta que­sta in­ten­zio­ne. Quel­lo che ab­bia­mo fat­to è sta­to per un uni­co sco­po, ov­ve­ro che c’era ap­pun­to la ne­ces­si­tà di de­fi­ni­re re­go­le che non ge­ne­ras­se­ro di­scus­sio­ni. E’ trop­po fa­ci­le sca­ri­ca­re le col­pe sul­le gom­me nei mo­men­ti dif­fi­ci­li».

NES­SU­NA SCA­DEN­ZA. Tra i tan­ti si­gni­fi­ca­ti di Pi­rel­li, c’è an­che l’In­ter. Un’In­ter che è tor­na­ta pro­ta­go­ni­sta in cam­pio­na­to, ma che ha an­co­ra un pun­to di do­man­da per quan­to ri­guar­da lo spon­sor sul­la ma­glia per la pros­si­ma sta­gio­ne. Il con­trat­to con la ca­sa di pneu­ma­ti­ci, in­fat­ti, è in sca­den­za e all’oriz­zon­te an­co­ra non si ve­de un ac­cor­do per il rin­no­vo. Lo ha ri­ba­di­to an­che ie­ri se­ra lo stes­so Tron­chet­ti Pro­ve­ra. «I no­stri uo­mi­ni stan­no con­ti­nuan­do a par­la­re, ve­dia­mo quel­lo che ac­ca­drà. Scadenze? Non ce ne so­no».

«Non ab­bia­mo mai pen­sa­to di ab­ban­do­na­re la F.1 So­no cre­sciu­to con Autosprint»

Mar­co Tron­chet­ti Pro­ve­ra, 67 an­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.