FURIA SOU­SA

«Puoi an­che per­de­re una par­ti­ta ma mai l’iden­ti­tà del­la squa­dra So­no de­lu­so e ama­reg­gia­to. Ros­si in pan­chi­na? E’ sta­ta una scel­ta»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Da Prima Pagina - Di Fran­ce­sca Ban­di­nel­li

De­lu­so e ar­rab­bia­to. Pau­lo Sou­sa non si na­scon­de. «Per­ché puoi an­che per­de­re una par­ti­ta, ma non de­ve mai ve­ni­re me­no l'iden­ti­tà del­la squa­dra. Con­tro il Car­pi, in­ve­ce, è suc­ces­so pro­prio que­sto: ognu­no ha gio­ca­to per con­to suo. Ci so­no po­chis­si­mi gio­ca­to­ri al mon­do in gra­do di po­ter de­ci­de­re una ga­ra per con­tro pro­prio. Ec­co per­ché so­no de­lu­so». E poi an­co­ra: «L'ar­rab­bia­tu­ra ed il di­spia­ce­re so­no fi­gli del fat­to di non aver vi­sto in cam­po la mia squa­dra, con quell'at­teg­gia­men­to che fin qui ci ha con­trad­di­stin­to. Puoi per­de­re, l'ul­ti­mo ver­det­to è sem­pre il cam­po a dar­lo ed è inap­pel­la­bi­le, ma non de­vi per­met­ter­ti mai di smar­ri­re la tua iden­ti­tà. Ho vi­sto que­sto e per que­sto so­no de­lu­so». Giu­sto il tem­po di ar­ri­va­re in sa­la stam­pa, il por­to­ghe­se è un fiu­me in pie­na: «So­no ama­reg­gia­to per­ché que­sto non era un ri­sul­ta­to a cui pen­sa­vo, ma nel cal­cio può suc­ce­de­re di tut­to, lo ab­bia­mo vi­sto con le al­tre squa­dre im­pe­gna­te pro­prio in Cop­pa Ita­lia. Che non fos­se la se­ra­ta giu­sta lo ab­bia­mo in­tui­to su­bi­to: le oc­ca­sio­ni non so­no man­ca­te, ep­pu­re non sia­mo riu­sci­ti a but­tar­la den­tro. Si è vi­sto chia­ra­men­te che i sin­go­li cer­ca­va­no di com­por­tar­si da squa­dra, ma pro­prio nel ten­ta­ti­vo di ri­sol­ve­re la pra­ti­ca con le in­di­vi­dua­li­tà ci sia­mo al­lun­ga­ti ed ab­bia­mo da­to l'op­por­tu­ni­tà al Car­pi di ave­re più spazi a di­spo­si­zio­ne e far­ci ma­le».

PER NIEN­TE SQUA­DRA. E' du­ro il por­to­ghe­se. Mi­su­ra le pa­ro­le, pu­re il to­no è pa­ca­to, ma le sue so­no scu­di­scia­te. «Se so­no pre­oc­cu­pa­to? Que­sti mo­men­ti, nell'ar­co di una sta­gio­ne ci stan­no, ri­pe­to so­no di­spia­ciu­to per­ché co­me ho det­to fin dal mio ar­ri­vo a Fi­ren­ze l'uni­co obiet­ti­vo che mi so­no po­sto è quel­lo di vin­ce­re in tut­te le com­pe­ti­zio­ni. Ab­bia­mo fat­to un com­pro­mes­so con la squa­dra, da­re il mas­si­mo per pro­va­re a con­qui­sta­re tut­ti i tra­guar­di, sta­vol­ta pe­rò non è an­da­ta per il ver­so giu­sto». Non par­la di que­stio­ne fi­si­ca Sou­sa - «Ab­bia­mo cor­so per­si­no di più ri­spet­to al­le al­tre par­ti­te, ma ab­bia­mo fat­to più fa­ti­ca» -, sem­mai, ri­ba­di­sce, è una que­stio­ne men­ta­le. «Quan­do non ab­bia­mo la chia­rez­za so­li­ta nei mo­vi­men­ti, quan­do non riu­scia­mo a com­por­tar­ci da grup­po è evi­den­te che ab­bia­mo più difficoltà. La par­ti­ta di og­gi lo ha di­mo­stra­to sen­za in­cer­tez­ze». Do­po, pe­rò, si er­ge an­che a di­fe­sa del­la sua squa­dra: «La vo­glia di fa­re be­ne per la ma­glia è evi­den­te - ha con­ti­nua­to Sou­sa - e que­sto lo di­mo­stra il fat­to che pur non gio­can­do co­me sap­pia­mo le oc­ca­sio­ni so­no sta­te co­strui­te. Dob­bia­mo ri­flet­te­re piut­to­sto su un al­tro aspet­to: fin dall'ini­zio del­la sta­gio­ne stia­mo la­vo­ran­do su una pre­ci­sa iden­ti­tà ed è que­sta che dob­bia­mo ri­tro­va­re in vi­sta del­la ga­ra di cam­pio­na­to di do­me­ni­ca con­tro il Chie­vo, un av­ver­sa­rio che sa­prà be­ne co­me met­ter­ci in difficoltà e che non po­tre­mo sot­to­va­lu­ta­re».

RI­CA­RI­CA­RE LA TE­STA. Do­vrà la­vo­ra­re so­prat­tut­to sul­le te­ste dei suoi gio­ca­to­ri Sou­sa: «Ri­ca­ri­ca­re la te­sta è un po' il no­stro me­stie­re ed il gio­ca­to­re sa be­ne che in ogni par­ti­ta ha l'op­por­tu­ni­tà di ri­far­si, so co­me fa­re. Il no­stro gio­co par­te dal prin­ci­pio del con­trol­lo del gio­co e del­le uni­tà spa­zio-tem­po­ra­li: do­vre­mo ri­par­ti­re da que­sti det­ta­gli per non sof­fri­re più tan­to co­me sta­se­ra». C'è tem­po pu­re per spie­ga­re l'en­ne­si­ma esclu­sio­ne di Ron­ca­glia: «Ha un pro­ble­ma fi­si­co, un ede­ma nel­la zo­na del­la spal­la ed è li­mi­ta­to nei mo­vi­men­ti. Sta la­vo­ran­do tan­tis­si­mo per cer­ca­re di re­cu­pe­ra­re, ma io ho do­vu­to te­ne­re con­to di que­sto fat­to­re. Ros­si? La sua esclu­sio­ne dal pri­mo mi­nu­to è sta­ta una scel­ta tec­ni­ca: in av­vio di ga­ra ave­va­mo pra­ti­ca­men­te quat­tro at­tac­can­ti in cam­po (Ber­nar­de­schi, Re­bic, Ka­li­nic e Ba­ba­car, ndr) e non c'era spa­zio per nes­sun al­tro. Per co­me ab­bia­mo chiu­so la ga­ra, con Giu­sep­pe al po­sto di Ve­ci­no si è vi­sto che ave­re tan­te pun­te con­tem­po­ra­nea­men­te non si­gni­fi­ca riu­sci­re a crea­re tan­te op­por­tu­ni­tà.

«So­no ama­reg­gia­to e de­lu­so. Ros­si? In pan­chi­na per scel­ta Tan­te pun­te non fan­no le oc­ca­sio­ni»

Pau­lo Sou­sa, 45 an­ni, da que­st’an­no sul­la pan­chi­na del­la Fio­ren­ti­na

SESTINI

Pau­lo Sou­sa, 45 an­ni, si agi­ta du­ran­te la ga­ra di Cop­pa Ita­lia di ie­ri per­sa dai vio­la con­tro il Car­pi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.